Questo blog utilizza solo strumenti forniti da Google per i blog, come ad esempio il numero dei visitatori e la possibilità di seguire le novità del blog. Nessun vostro dato (nome, email, sesso, ecc.) verrà da me visto e/o memorizzato e/o diffuso, venduto, ecc.
Non vengono utilizzati software di altre terze parti.

26 novembre 2020

TRUMP vuole sanzionare i giudici scomodi

Giudici indagano sui CRIMINI DI GUERRA dei soldati?

Trump li vuole punire.


Ecco chi è l'ennesimo eroe farlocco di Salvini e gli altri stronzi.

16 novembre 2020

Ormai è chiaro: PUTIN è mandante degli OMICIDI politici

Tra poco sarà chiaro a tutto il mondo che l'amichetto di Silviuccio e Matteuccio è un dittatore e farà una brutta fine!



14 novembre 2020

SALVATE STOCAZZO

 Stanno veramente uscendo di matto:

prima ci vietano di uscire di casa se non per i soliti motivi del cazzo, poi all'improvviso ecco la stronzata del secolo: a Natale fate pure il cenone (e il pranzo no?) coi famigliari o con chi diavolo volete, basta che siate in pochi.

E che vuol dire in pochi, e chi controlla? Non controllerà nessuno. E poi che vuol dire "salviamo il Natale". Cos'è, il titolo di un filmetto per bambini creduloni? Io sono ateo e anticlericale e del natale (minuscolo) me ne frega una beata minchia! Cioè, prima c'è un grandissimo pericolo di contagio, poi però il giorno di natale chissenefrega...

MA ANDATE A CAGARE PERBENISTI CONSERVATORI DI MERDA

8 novembre 2020

SIAMO IN DITTATURA: CONTE VAFFANCULO

SIAMO ALLA FOLLIA PIU' TOTALE:

e non puoi sederti su una panchina che ti rifilano una multazza da 400 euro, tipo di 4 volte maggiore rispetto a quella che si prende chi passa col semaforo rosso (!!!);

e non puoi vedere gli amici al chiuso e neanche all'aperto in zona rossa (nelle altre non so, io sto nella rossa, eppure non conosco nessun malato);

e c'è il coprifuoco, come se coi bar e locali chiusi la gente, col freddo che fa ora di notte, uscisse a far baldoria (che poi anche se la facesse, basterebbe mandarli via e multarli, altrimenti che paghiamo a fare vigili, polizia, ecc.?);

e non puoi uscire, a quanto pare ma forse no (chi ci ha capito qualcosa?), di notte col cane neanche nel caso debba fare la diarrea;

e quando esci devi sempre avere l'autocertificazione e indossare la mascherina anche se cammini da solo con la bocca chiusa;

e infine cosa leggo? 6 anni di galera per chi va a trovare un amico.

E QUESTA NON SAREBBE DITTATURA SANITARIA?

Se lo affermi passi per NEGAZIONISTA, quando io non nego assolutamente l'esistenza del virus, ma disapprovo totalmente le ennesime misure liberticide del governicchio Duce-Conte Bis. E no, non ho mai votato a destra!

7 novembre 2020

USA: numeri impietosi sul benessere americano

Leggete le meraviglie del sogno americano:

il sistema sanitario degli USA è il più costoso al mondo, ma il 33% dei cittadini non può andare dal medico;

27 milioni di statunitensi sono privi di assicurazione sanitaria;

54 milioni soffrono di insicurezza alimentare;

il 16% dei bambini mangia poco (e suppongo male);

il 50% dei nati dopo il 1980 guadagna meno dei loro genitori (nati dal 1940 in avanti).

Fonte: Moises Naim, politologo intervistato qualche giorno fa da La Stampa

6 novembre 2020

Zone rosse: Fontana si sente preso a schiaffi ma...

 Ecco un piccolo estratto di un articolo comparso oggi su La Repubblica relativo alle lamentele di alcuni presidenti di Regione in merito ai colori delle varie regioni in base ai vari parametri che possono rendere un territorio più o meno pericoloso e contagioso.

"Fontana si sente preso a schiaffi dal governo, ma in Lombardia nell'ultimo mese i pazieni Covid-19 sono passati da 335 a 5.525, con quelli in terapia intensiva da 39 a 507, occupando il 47% dei posti letto (la soglia critica è fissata al 30%).

Nino Spirlì presidente della Calabria grida allo scandalo anziché lavorare affinché i suoi miseri 150 posti in terapia intensiva non vengano occupati. E invece ricorre al Tar contro la chiusura della sua regione.

La destra usa i suoi presidenti di regione per abbattere il portone di Palazzo Chigi.

Due lettere sui tamponi

Dopo il post di ieri, eccone un altro con due lettere trovate questa mattina su La Repubblica.

 

"Dopo ore di attesa al telefono e dopo vari tentativi, parlo con la Asl. Attendo poi la chiamata per effettuare il tampone, ma non la ricevo. Sono in attesa da 8 giorni.

Un contatto stretto, frequentato il giorno prima dei sintomi, è risultato positivo, ma è l'unico a dirmelo perché l'Asl non si occupa del tracciamento.

Con oggi sono passati 14 giorni dalla comparsa dei sintomi e non ho indicazioni dall'Asl".


"Mia figlia di 8 anni ha effettuato il tampone presso l'hotspot scolascisto di Pinerolo (nessuna coda), ma dopo 1 settimana nessun risultato, con lei che sta bene e piange perché vuole uscire.

Al Sisp di Pinerolo nessuno risponde, risulta sempre occupato, mentre al laboratorio di analisi di Pinerolo e Rivoli, non sanno in quale centro si trovi il tampone.

Unica risposta ottenuta: Possono volerci dai 10 ai 15 giorni per l'esito.

Sono queste le strategie piemontesi pianificate questa estate?"

4 novembre 2020

Lettera di una POSITIVA disperata

Leggo e riporto da La Stampa di qualche giorno fa:

"Sono positiva da 2 settimane e nessuno mi contatta per fare il tampone. Asl col telefono staccato. Un disco da giorni ripete che dato l'elevato numero di richieste non possiamo gestire la telefonata. Il numero verde 1500 dice di chiamare l'Asl e quello della Regione Piemonte dice che posso solo sentire il mio medico ma lui non risponde da 3 giorni.

Non posso andare a fare il tampone a piedi perché positiva e non ho l'auto per andare in un drive through, che comunque sono su appuntamento stabilito dall'Asl.

L'unica soluzione sarebbe un tampone domiciliare, ma come organizzarlo? Domandando se posso ritenermi libera in quanto ormai senza sintomi da molti giorni (con 21 gg passati dalla posività) mi rispondono non automaticamente, solo su nulla osta dell'Asl che non risponde e non mi contatta.

Siamo tutti in un inferno alla mercé delle interpretazioni personali e fantasiose di 750 decreti e documenti".

29 ottobre 2020

Nuovi posti letto in terapia intensiva: e chi li ha visti?

Se verranno occupati i 2.500 posti letto nei reparti delle terapie intensive, ci sarà il nuovo lockdown (ma porc...!!).

60 milioni di italiani fregati da 2.500 posti, ma siamo fuori? Ma cosa siamo un Paese del terzo mondo?

Forse no, spero, semplicemente il governo e le regioni hanno sottovalutato il problema questa estate.

Vi rimando a 2 articoli sulla mancata creazioni di nuovi posti letto.


SOLE 24 ORE


IL GIORNALE

26 ottobre 2020

DPCM? ILLEGALI

"Il nostro governo avrebbe dovuto informare il Segretario Generale del consiglio europeo di aver adottato misure restrittive delle libertà fondamentali. Non avendolo mai fatto, la Convenzione Europea dei diritti dell’uomo (CEDU) deve considerarsi pienamente vigente sul territorio nazionale ed è quindi possibile per i cittadini chiederne il rispetto dinanzi ai Tribunali nazionali e alla Corte europea di Strasburgo".

 

"È stato l’Osservatorio Permanente sulla Legalità Costituzionale a presentare un esposto al Consiglio d’Europa.

L’Osservatorio è nato da una costola del Comitato Rodotà presieduto dal giurista Ugo Mattei, proprio quando, causa pandemia, sono state imposte le prime limitazioni alle libertà. È formato da professori e giuristi di varia estrazione".


"Prima considerazione. La nostra Costituzione prevede che le libertà fondamentali si possano limitare solo con le leggi. Sono previsti i “poteri eccezionali” da parte dei governi unicamente in caso di guerra.

Lo Stato di emergenza della protezione Civile, invece, consente di intervenire tempestivamente per calamità naturali ma non autorizza limitazioni delle libertà fondamentali, se non per quanto indispensabile (si pensi, ad esempio, al divieto di circolare in zone terremotate per rischio di crolli).

Ne consegue che il governo, intervenendo su libertà fondamentali attraverso decreti del Presidente del Consiglio (Dcpm) ha usato uno strumento inadeguato".

 

Fonte: https://blog.ilgiornale.it/locati/2020/10/23/liberta-negate-si-puo-fare-ricorso/?_ga=2.142499892.722497503.1603739935-513048104.1603739935

Piccolo esempio di TERRORISMO MEDIATICO

 Come al solito i TIGGì non fanno altro che farsi enormemente preoccupare per il VIRUS mostrandoci numeri, grafici, mappe pieni contagi.

Per potenziare il messaggio intervistano malati o ex malati.

Non parlano mai dei guariti, tranne quando ad uscirne è qualche VIP.