23 luglio 2016

Il killer di Monaco e l'idiota sul balcone

Avete sentito tutti, immagino, del giovane killer che a Monaco di Baviera, ha ucciso una decina di giovani all'interno di un centro commerciale.

Se sì, avrete anche visto quel breve video dove il killer dialoga ad alta voce con un uomo tedesco di 50 anni che lo stava guardando dal balcone.

Il titolo di questo post insulta quest'uomo non perchè se ne stette fermo a casa anzichè scendere a fare l'eroe, giammai, bensì perché, preso da inusitata e giustificata rabbia, s'è scagliato contro gli immigrati urlandogli: "Maledetti stranieri!", per il semplice motivo che il killer aveva i capelli neri..

Eppure questo killer non apparteneva ad alcuna setta estremista e non era neanche totalmente straniero, essendo un tedesco di origini iraniane, ma cresciuto proprio in Germania in un quartiere popolare frequentando scuole tedesche dove, evidentemente, lo prendevano in giro. Dico evidentemente perchè prima di suicidarsi ha affermato di essere stato vittima di bullismo e che voleva vendicarsi uccidendo tanti suoi coetanei.

Secondo quell'uomo sul balcone (che è un po' la versione contemporanea dell'uomo della strada), gli immigrati arrivano in Europa, fanno quello che vogliono e ci uccidono.

Peccato che sia a Nizza che a Monaco siano stati uccisi diversi stranieri e diversi musulmani.

OPS.

21 luglio 2016

ERDOGAN SENZA VERGOGNA

Erdogan, mosso da grande terrore, crea terrore.

Erdogan sta infatti approfittando del fallito golpe, per cambiare, anzi, per islamizzare sempre più la Turchia.

Non sono solo stati rimossi e arrestati migliaia di militari, poliziotti e giudici che avrebbero tramato contro di lui e il suo sistema, bensì ha licenziato di colpo migliaia di presidi, professori e giornalisti.

Il suo scopo è quello di rimuovere le voci scomode, contrarie a lui, diverse da lui.

Come al solito, come in ogni Stato, ecco che il capo/presidente di turno, cerca di fare piazza pulita e di creare un vero e proprio sistema pieno di gente a lui fedele. C'è chi lo fa in maniera silenziosa, come Berlusconi, e c'è chi lo fa, vista anche la situazione, in maniera veloce e rumorosa, come questo insopportabile islamico che prende il nome di Erdogan.

"Il presidente Erdoğan considera la crescita dell’istruzione islamica nelle scuole e nelle università come una missione. Da quando il suo partito, il Partito per la giustizia e lo sviluppo (Akp, di matrice islamica), è salito al potere nel 2002, il numero di bambini che frequentano le scuole religiose (imam hatip) è cresciuto del 90 per cento. Erdoğan ha più volte detto di voler far crescere una “generazione pia” e ha riformato l’istruzione statale in questo senso.
Quello che è meno chiaro è il motivo per cui sono presi di mira anche i rettori delle università. Potrebbe essere in preparazione un rinnovamento delle 300 università del paese. Intanto, il 20 luglio, il Consiglio per l’istruzione superiore ha vietato le missioni all’estero del personale accademico."

Fonte: Internazionale

20 luglio 2016

PD: siamo tornati indietro di qualche anno

Io pensavo che la pratica Berlusconi fosse stata chiusa, archiviata e dimenticata, invece lui non ne vuole sapere di mollare, mentre il PD non ne vuole sapere di lasciarlo perire.

Infatti.. ecco l'ultimo aiutino del finto centro-sinistra:

http://www.lastampa.it/2016/07/20/multimedia/italia/maledetti-servi-protesta-ms-dopo-il-no-alle-intercettazioni-per-berlusconi-Bv0UA8fGFGNY9buq2MoUlI/pagina.html

Con 120 voti favorevoli, 130 contrari e 8 astenuti, l’Aula del Senato
non dà il suo ok all’utilizzo di intercettazioni telefoniche tra
Silvio Berlusconi e le cosiddette «olgettine» ed è scontro con scambio
di accuse tra Pd ed M5S sul voto segreto. La senatrice pentastellata
Sara Paglini posta un video su Facebook dove si sente dire: «Maledetti
servi», rivolta ai banchi del Pd e scrive a corredo questo: «Li volete
vedere in faccia? Eccoli! Vergognosi! Col voto segreto il Pd salva
papy Silvio! Quest’aula, a maggioranza ha salvato nuovamente il
condannato Berlusconi».

15 luglio 2016

Quanti morti in Italia, in Europa, da sempre

La cifra dei morti di Nizza come anche di Parigi tempo fa, fa impressione.
Lo fa perchè tutte queste persone sono morte nel medesismo posto e istante.

Ma pensateci bene:

80 morti circa è il numero di donne ammazzate dall'inizio dell'anno dai mariti o fidanzati o ex!
Ora non se ne parla più, e all'uomo medio non fa impressione la cifra, perchè sono sparuti casi singoli, eppure la cifra è sempre quella.

Per non parlare dei morti causati dal traffico a motore, causati dall'inquinamento, dalle sigarette, ecc.

Cosa voglio dire? Voglio semplicemente dire che viviamo COSTANTEMENTE in un DRAMMA senza fine!


E in passato era peggio: pensate alle guerre che duravano minimo 5 anni e che facevano migliaia di morti in alcuni Paesi europei, pensate alle continue battaglie tra piccoli comuni nei secoli passati in Italia e intendo tra comuni vicini di casa! Odio puro e perpetuo.


Pensate a tutti quelli perseguiti perchè non cattolici, bensì semplicemente protestanti (neanche atei o agnostici).


Pensate alle guerre coloniali.

Odio, violenza e massacri a tutto spiano fin da quando esiste il Patriarcato.


Per cui non venitemi a dire che avete paura. Perchè altrimenti fate la figura degli ignoranti che non hanno mai aperto un libro di STORIA. Voto 2 (per essere generoso!).

Strage dei treni: complimenti alla Puglia

TRAGEDIA IN PUGLIA. PER COLPA DI CHI?

Ancora una volta il Meridione riesce a distinguersi dal resto dell'Europa progredita, perlomeno tecnologicamente parlando.

Come?

Pensate alla ferrovia a binario unico che collega Andria a Ruvo di Puglia, resa tristemente famosa in questi giorni dal pazzesco incidente. In questo tratto ferroviario il problema non è, ovviamente, la presenza di un solo binario (pensate che in Lombardia la metà è così), il problema è l'assenza di adeguati strumenti tecnologici per ovviare a carenze legate alla comunicazione tra le varie stazioni.

Leggete come funzionano le ferrovie in Lombiardia in casi simili:

"La tecnologia è presente con sistemi integrati a bordo treno e a terra che controllano la marcia dei convogli e l’attività del macchinista. Ad esempio, in caso di semaforo rosso non rispettato o di velocità sostenuta il treno si ferma. L’ultima frontiera lanciata da Rfi è un sistema satellitare che integra il controllo di marcia del treno già in vigore."

Leggete ora invece come viene gestita la tratta pugliese incriminata:

"Come ha spiegato a Radio Popolare Anna Maria Renna, delegata della Filt-CGIL di Ferotramviaria, il traffico sulla tratta viene regolato con il cosiddetto “blocco telefonico”. In pratica, con una telefonata tra i due capistazione delle srazioni che delimitano la tratta. Un sistema obsoleto che sulle linee ferroviarie non si usa praticamente più, se non su tratte molto secondarie e con un traffico di pochi convogli. Ma è molto più frequente trovarlo sulle tratte gestite dalle “concessionarie”, come in questo caso. Sulla linea gestita da Ferrotramvia Spa però i convogli erano 196, un numero troppo elevato per essere gestito da un sistema di sicurezza come il “blocco telefonico”."
Fonte: RadioPopolare

Roba da brividi.

9 luglio 2016

TAV O NO TAV? AUTO O TRENO O BICI? LIBERATEVI!

Pensando alla sindaca di Torino, Chiara Appendino, che non vuole la TAV per meri motivi economici (non c'è un sicuro ritorno economico, costa troppo, in proporzione al risparmio di tempo non ne vale la pena, ecc.), m'è venuta in mente questa teoria:

i politici sono stati ben traviati dal sistema industriale, per cui tutto dev'essere misurato, tutto ha un prezzo e un ritorno economico, tutto dev'essere fatto nella maniera più moderna possibile, ma soprattutto tutto dev'essere fatto punto e basta. C'è traffico? Facciamo una strada! Evviva! Volete andare in bici? Facciamo la pista ciclabile! Evviva! Volete continuare a prendere il treno? Eccovi i treni più veloci! Evviva!

E' un modo di pensare altamente banale, che ci fa rimanere ancora alle cose da fare, ma che portano a nulla. La gente continuerà a doversi recare per forza a lavoro alle 8 in punto (esempio a caso), guai se varcherà la soglia dell'ingresso 1 minuto prima o 1 minuto dopo. E non importa se sei bravo, intelligente o il contrario, l'importante è rispettare questa regola oraria. E come questa convenzione, ce ne sono tantissime altre riguardanti il linguaggio, l'abbigliamento, il comportamento..

A me, che sono un filosofo (LOL), cosa può importare arrivare prima o dopo o perfettamente in orario al posto di lavoro? Mi pare una cosa alquanto triste. Si diventa totalmente schiavi degli orologi, delle convenzioni, di queste misure insulsità che significano meno di niente!
Tutto dev'essere compreso attraverso numeri e appellativi. Tutto dev'essere catalogato, approvato o meno. Tutto deve scorrere liscio come l'olio.

Sì, vabbè, ma la VITA?

Dov'è la vita di cui tutti cianciano, specie (o solo?) quando parlano di religione e coi capi religiosi?
Vita, amore, sentimenti, educazione, altruismo, ecc. Poi nella vita pratica e quotidiana queste cose spariscono perchè dobbiamo diventare e essere costantemente delle formichine, dei soldatini.
Tutti uguali, in fila, chi è diverso verrà guardato di traverso o cacciato perchè sia mai che voglia proporre uno stile di vita e di società diverso da questo.. è pericoloso!! Anzi, non è pericoloso, ma voi fessi fate finta che lo sia, non fatevi distrarre, seguite noi politici e industriali e cacciate i diversi!!!

Secondo VOI, perchè nel tempo libero la gente anzichè cercarsi i rettilinei in pianura su asfalto liscio, cerca invece ad esempio sentieri nei boschi, in salita e poi in discesa, con diverse pendenze, diversi tipi di terreno, diversi tipi di curve? Ve lo dico io il perchè! Perchè ogni cm di quel bosco percorso è diverso da quello precedente e quello successivo, a differenza delle città dove i corsi sono totalmente uguali: lunghissime lingue di asfalto piene di piattume, grigiume, immondizia, gas di scarico, urla, rumori, offerte, prezzi, orari..

LIBERATEVI!

8 luglio 2016

Grandi risorse a Torino

Apro il giornale (di qualche giorno fa) della mia città, Torino, e cosa leggo?

Un marocchino arrestato per la 2^ volta dopo pochi giorni per truffa (centinaia di migliaia di euro sottratti a due anziani); un marocchino arrestato per furto, un libico arrestato anch'esso per furto e, non potevano mancano, due rumeni arrestati perchè stavano per rubare dentro una villa ai piedi della collina.

Evviva gli stranieri, specie se del Nord Africa ed Est Europa.
Mmm proprio ottime personcine. Grazie UE che ha aperto le frontiere ad Est!

28 giugno 2016

BREXIT, PD vs M5S

Continuano gli scontrini tra piddini e grillini.

Oggi i primi si sono scagliati contro i secondi, accusandoli di essere antieuropeisti solo perchè oggi hanno detto di rispettare la volontà popolare dei britannici senza trovare scuse per posticipare di troppo la loro uscita dall'UE.
Se anche Salvini e Le Pen han votato come loro non significa che i grillini siano per forza dei grullini o dei fascisti.

Intanto i piddini se ne infischiano della legge sul lavoro di Hollande, di centro-sinistra anch'esso, quando il 70% dei francesi è contrario.

11 giugno 2016

Renzi vuole censurare i libri

In Italia come in tutto il mondo è liberamente consultabile il libro di Hitler.

Però ci sono degli illuminati politici e non solo loro, che si son detti scandalizzati della sua uscita con un giornale oggi in edicola.

E perchè mai? Pensano che un lettore di centrodestra diventi di estrema destra grazie a questo regalo editoriale?

Non sarebbe meglio, invece di censurare un libro storico, vietare a forze estremiste, ovvero nazionaliste, fascite, violente e criminose di prendere parte alle varie elezioni?
Invece no, dei vari Forza Nuova e Casa Pound questi politici belli e buoni se ne fregano. Complimenti.
A loro piace mostrarsi buoni, ma sono dei deboli e se la prendono con i più deboli, ovvero i libri.

2 giugno 2016

Ecco perchè in Italia c'è crisi

Quante volte avete tentato di fare una cosa, ma la gente, anche a voi vicina, vi ha letteralmente affossato? 

Vediamo quali possono essere le cause di questa crisi nera che attanaglia l'Italia.
So benissimo che ci sono tantissime persone con più case, più auto, ecc., ma parlo di una crisi non solo economica, ma prima di tutto mentale e morale che colpisce poi come conseguenza tante brave persone.

FAMILISMO/NEPOTISMO
A cosa serve studiare, impegnarsi, sudare, provare e riprovare, se tanto poi chi farà strada, cioè carriera, o chi comunque avrà un bel posto fisso ben retribuito, sarà quasi sempre il figlio di e qualche volta l'amico di..?
Sono tantissime le piccole aziende italiane in cui il proprietario pensa bene di affidare la gestione dell'attività al figlio, piazzando magari la moglie di questo in amministrazione/segreteria.
Pur trattandosi molte volte di bravi ragazzi studiosi e diligenti, si rischia di incappare in una scarsa laboriosità e determinazione per via della sicurezza del posto fisso.
A parte ciò, qualsiasi imprenditori, ma anche qualsiasi ente statale, prima di assumere effettua colloqui e sceglie in base ad educazione, aspetto, qualità, esperienza. Nelle nostre familistiche piccole e medie imprese tutto ciò non esiste.
"Se ho il figlio e il nipote che cercano un bel lavoro, io glielo dò!
Se invece io sono solo un impiegato o un pensionato e mio nipote non ha un lavoro, beh, devo proprio dire che è un cazzone!"

FURBIZIA/OPPORTUNISMO/EGOISMO
Siamo sempre bravi a criticare o i più ricchi, perchè "rubano" e fanno la "bella vita", o i più poveri, perchè ricevono "sussidi" senza fare nulla, perchè "rubano", ecc.
Ma siamo anche i primi, noi italiani medi, a cercare a tutto costo agevolazioni, sconti e di non incappare in multe pur sapendo bene di compiere un'azione che va contro la legge (e il senso civico), ad esempio il posteggiare in doppia fila, sulle strisce, al posto dei portatori di handicap, passare col rosso, mettersi nella corsia più esterna a sinistra per poi svoltare a destra, meglio se col rosso, ecc.

MENEFREGHISMO
Vediamo ingiustizie e stiamo fermi zitti.
Leggo sempre più spesso di casi di razzismo e violenza con la gente spettatrice non pagante e non curante. Due si picchiano? Anzi, uno subisce violenza? Meglio starsene zitti, fare finta di non avere visto e girare l'angolo il più in fretta possibile, dando magari ragione all'aggressore perchè la vittima è uno "sporco negro" (!!!).
Oppure vediamo parchi pubblici sporchissimi pieni di cartacce, buste di plastica, bottiglie di vetro, ecc., per terra, in mezzo all'erba.
Chi raccoglie? Nessuno! O per meglio dire, io raccolgo sempre se vedo bottiglie. Ma non ho mai visto nessun'altro effettuare questa operazione. Perchè? Perchè tanto non è casa loro, pensano solo al loro patetico appartamentino per il resto non è compito loro.. abbandoniamo pure cartacce e lavatrici per strada.

SPRECHI
Pensate a quanti soldi vengono sprecati per la benzina, le sigarette (che poi troviamo tutte per terra!) e i vari giochi d'azzardo. Giornalmente la spesa può essere bassa, ma in 1 anno la cifra è mostruosa!
Provate a contare quanti soldi spendete in un anno per queste cose e vi renderete conto che si tratta di un vero e proprio patrimonio che avreste potuto spendere in altra maniera.. magari cambiando quartiere, cambiando mobili, acquistando quel pianoforte o quella moto o quella vacanza..
O pensate a come avreste potuto impiegare quei soldi in ambito lavorativo, investendo in attrezzatura e software, ingaggiando qualche aiutante, ecc.

24 maggio 2016

La grande lezione di Mattarella

Oggi Mattarella ha voluto ricordare i giovani caduti della Prima Guerra Mondiale..

L'ha fatto ricordandoci che per migliorare la vita sulla Terra c'è bisogno di pace e dialogo, non di scontri e neanche di vittorie. Dobbiamo essere uniti, dialogare e mediare. Gli estremismi sono deleteri e certi problemi vengono cavalcati da forze populiste che vogliono conquistare in maniera facile e banale il potere che verrà usato a scapito della nostra pace e libertà.

Mi ha davvero fatto piacere che abbia voluto ricordare i nostri soldati italiani caduti in guerra facendoceli vedere come assurde vittime e non come grandi eroi. Si trattra di ragazzi strappati ingiustamente alla vita.

Per cui faccio i complimenti a Mattarella per il suo discorso contro le guerre!

19 maggio 2016

Non guardatevi l'ombelico

Da un libro di Ingrao e Zanotelli.

GRAZIE GIACINTO - MARCO!

Mi sono sempre sentito vicino a Marco Pannella perchè mi ha sempre affascinato la sua vena polemica e la sua arte oratoria, anche quando urlava non era mai volgare, ma cercava sempre di andare oltre, di far pensare, di tirare fuori le magagne, gli inciuci e i segreti.
Questa sua vena ed arte non erano fini a sè stessi, non gli piaceva ciò battibeccare e sentirsi filosoficamente o grammaticamente superiore, bensì cercava sempre di migliorare la vita di tutte le persone che vivevano all'interno dei nostri confini, all'interno del "nostro" (?) Stato (ma cos'è poi lo Stato? Solo un potere! Solo?).
Per me è stato colui che ha cercato di dare una sorta di anima a questo nostro ex Belpaese martoriato (da sempre!) dal malaffare, dall'arrivismo, dal nepotismo, dalla furbizia più beceria e dall'ipocrisia.
Perchè parlo di anima? Perchè a differenza di persone come Di Pietro e Grillo, non si è mai limitato nel voler aggiustare una situazione, nel voler risolvere un problema, ma ha sempre cercato di andare all'interno delle nostre vite, parlando anche di amore e di altri aspetti legati alla persona. Questo lo rende unico!
A differenza di tanti, inoltre, non ha mai desiderato un corpo sanissimo alla ricerca dell'elisir di lunga vita, perchè per lui era importante vivere ogni giorno da leone.
Se n'è andato sapendo di aver dato tutto ciò che ptoeva dare! Noi potremo dire lo stesso? Ne dubito.

17 maggio 2016

Donne come e peggio degli uomini!

Ora che su YouTube, Facebook e siti simili la gente si riversa in massa per scrivere le proprie cazzate, è possibile notare una cosa sconcertante per tutti quelli che, come me, reputavano le ragazze essere meglio degli uomini.

E invece cosa ho "scoperto"?
Ho scoperto che loro badano all'apparenza e al fisico molto più di noi. Non intendo al loro aspetto esteriore, questo già si sapeva, ma al fisico dei ragazzi. Se uno è alto e muscoloso allora è un figaccione.
Per non parlare poi di quelle che volano in Africa per.. indovinate quale motivo.

14 maggio 2016

Lo Stato e il buon senso si piega all'Islam

Anche se lo Stato italiano è laico, i giudici continuano a dare ragione ai vari tipi di credenti nonostante compiano azioni crudeli come queste (e che, sinceramente, non capisco cosa centrino con la religione dato che ammazzare un animale lo fanno gli stessi animali e noi quando eravamo primitivi e totalmente atei):


Fonte: La Stampa