30 giugno 2015

GIOVANI TAMARRI

Poco fa ero in giro per strada e come faccio ogni giorno capto le stronzate che escono dalla bocca della gente (non certo dalla testa!).

Bene, stasera apparte in due mignottoni da paura che però non erano in vendita, ma che allo stesso tempo son le più care!, mi sono imbattuto in due giovani tamarri apparentemente sui 13 anni (massimo 15), intenti ad andare a ballare.

Ecco dunque questi due giovini bellimbusti passare di fianco ai tavolini di un bar, dai quali compare il padre di uno di questi che gli chiede "Ma dove andate?" ricevendo come risposta "A ballare, aspettami alle 5 di mattina!". Ma il tono sembrava scherzo, ma non totalmente.

Ora, io non so voi, ma a 13 anni non mi sarei mai sognato di uscire di sera, accompagnato soltanto da 1 amichetto coetaneo, per andare a ballare tutto la notte. Ma neanche a 15. A 17 forse, ma non ne sono sicuro. Che poi ballare.. i tamarri non ballano, si muovono a casaccio, dei tamarri 13 anni ancora peggio.

Dopodiché il padre gli fa: "Attento al cellulare, tieni gli occhi aperti" (importantissimo non perdere il cellulare, per il resto occhi chiusi: alcol, droghe, risse, ecc.). E il figlioletto: "Sì ma mi serve se incontro qualche tipa" E il padre: "Ah beh se è per una tipa va bene".

Ma come va bene? Prima non andava bene e se è per una F va bene?!?!? E se il figlio fosse stato omosex e gli avesse risposto "Mi serve nel caso incontrassi un tipo?", avrebbe detto la stessa cosa?

Inutile poi dire che dopo i due hanno proseguito a chiacchierare dicendo oh minchia boh che cazzo dici sei scemo, ecc., ecc.

Ahhhh, i nostri bellissimi e bravissimi studentelli italioti belli promossi senza problemi e intenti a godersi (?) l'estate. Come uno possa godere col cervello e il padre bacato non lo so. Alla fine siamo solo degli stupidi animalacci.

LE INSULSE CANZONI DI JOVANOTTI

In questi giorni ho ascoltato alcune canzoni di Jovanotti e ho pure visto un pezzo di un suo concerto.

Se da una parte la sua euforia e certe musiche delle sue canzoni possono risultare piacevoli, dall'altra c'è secondo della furbizia incredibile in questo finto cantautore finto maturo e allo stesso tempo finto giovane. Insomma, io non ho ancora ben capito chi diavolo sia Jovanotti e cosa voglia dire coi suoi testi.

Va bene voler essere allegri, magari pure felici, ma pare che per lui tutti quanti dovremmo essere obbligatoriamente. Non ci sono scuse, o così o così. Ma perché? Ma lo vede il mondo??? Vede anche solo le nostre città??? Vede la gente per strada tipo zombie??? Vede quanti vecchi disperati brancolano nel buio dei loro acciacchi e del loro presente e futuro senza cambiamenti ma solo peggioramenti? Io davvero quando cammino per strada e vedo tutti sti vecchi sto male. Sto male quando vedo le auto andare ai mille all'ora, sto male quando vedo tutta la monnezza che c'è per le strade e pure nei parchi, sto male quando sento fare gli stessi discorsi che ormai non hanno più come tema la figura mitica della "fixx" (che levata la volgarità e la sessualità è alla fine la dichiarazione di uomini disperati che cercano affetto), ma sempre e solo il danaro e battibecchi condominiali (anche qui soldi).

Dico questo per chiarire che secondo me tutta questa gioia non c'è, io sono spesso in giro, ma la gioia non la vedo proprio, vedo al massimo euforia fine a sé stessa da parte di certi ragazzi e ragazzini che ce l'hanno proprio perché giovani, non perché gli sia successo qualcosa di straordinario.. magari alcuni si fidanzano e sono super contenti ma felici lo saranno? Non so da quanto tempo è che non vedo due innamorati rincorrersi, abbracciarsi, alzarsi e rotolarsi! E' come se fosse tutto ben controllato, tutto deve stare entro certi canoni e limiti. Questi cadono solo quando si tratta di essere maleducati e pericolosi con le auto.

Veniamo a Jovanotti.

In "Sabato" è fissato con le astronavi con cui andare in giro nell'Universo a cercare vita. E che centra col sabato, giorno in cui la gente fa finta di evadere? Poi equipara il lunedì sera al sabato, perché è sabato ogni momento in cui non si lavora. Ma come? E' pieno così di gente che lavora di sera, poliziotti, fornai, vigili del fuoco, deejay, cubiste, camerieri, medici, chirurghi, operai. E Jovanotti dice che sì, è sempre sabato sera. Massì, siate felici, esultate per i bellissimi lunedì, anche se lavori in un posto schifoso e dovrai andarci pure martedi, mercoledi, giovedi, venerdi e sabato. Tranne la sera, fiuuu.
Ah, avevo letto un pezzo non so dove, riguardante la tematica dei "sabati in provincia" descritti da diversi cantanti italiani. E Jovanotti non poteva non parlarne anch'esso.

In "Immortali" il nostro guru della felicità dice che siamo immortali perché siamo qui. Sono giorni impazziti ma siamo qui siamo immortali. Io dico che avrebbe potuto entrare un po' più dentro questo concetto. Io ad esempio ci pensavo pochi giorni prima, che combinazione, di ascoltare questo pezzo.. pensavo che possiamo immaginare che il presente duri per sempre e fare quindi finta che non esista la morte. E' un concetto difficile da spiegare che mi era venuto in mente improvvisamente e ora non è più del tutto chiaro neanche a me, sigh. Torniamo al mitico Lorenzo che dopo averci reso edotti sull'immortalità umana, parla di una ragazza che appena finiti gli studi (non si sa se dell'obbligo o universitari) va all'estero, salutando la sua classe di eroi. Non poteva non voler ingraziarsi i giovani, ogni momento è buono per slinguarseli un po'. Questa va all'estero e per il semplice motivo di andarci diventa donna, ovviamente tra i suoi sentimenti non compare la tristezza, ma si ritrova a masticare un chewing gum al gusto di dopobarba. Non so se commentare. Avrei preferito sentire "è stato con uno che poi le ha scritto sullo specchio Benvenuto nell'AIDS!".
Non sapendo più che diavolaccio (o pretaccio) dire, Jova ha la brillante idea di scrivere un testo (e poi di cantarlo, sigh) in cui dice "Te lo ridico ancora, bla bla bla, siamo immortali". Utile! Sensato! Divertente!
E non chiedetemi perché, ma anche dopo riparla di gomme che stavolta sanno di infinito, e anche qui senza alcuna spiegazione. Bello mettere parolone senza spiegarli.

E' ora il turno de "L'estate addosso" che non può non parlare di possibili innamoratucci e che tra tematica e ritmo mi ricorda, purtroppo, Max Pezzali. Anche in questo caso si rivolge ai giovani, strizza l'occhio ai teenager spericolati che in città fanno i pazzi poi si ritrovano in vacanza al mare col braccio ingessato mentre tutti gli altri si tuffano e stanno da soli, con la speranza che ci sia una lei per ognuno di loro che forse li guarda.. Non si sa perché lei non si sia tuffata.
Non capisco quando afferma che settembre porta una strana felicità. Ma a settembre non riniziano le scuole e l'innamorato/a di turno viene risucchiato/a nella "sua" vita quotidiana? Ma il peggio deve ancora venire, infatti due righe sotto eccolo con "ai brevi amori infiniti". Bellissimo, per modo di dire, il contrasto tra gli amori che seppur brevi sono infiniti. Spiegazione? Non pervenuta.

A proposito di contrasti, c'è una canzone del 1999 o del 2000, Raggio di sole, in cui dice che la sua lei piange mentre in tv guarda un comico che fa ridere. Ahhh che notiziona, che bellezza, che emozione. Piange ovviamente perché il suo "bel" Lorenzone è andato via di casa dopo il loro ennesimo litigio, ma poi sentendo i pianti torna con in mano un raggio di sole (???) e allora fanno pace per l'ennesima volta.
Che nausea. Esci da casa, scappa, fatti n'altra vita e soprattutto non cantare più ahahahahhahaha

Vi lascio con questa intervista in cui dice tra le altre cose quanto segue:
«Le mie prime canzoni d’amore erano manieristiche. “Serenata rap” era un gioco, parlavo di cose che non conoscevo. Ho cominciato davvero a scrivere canzoni d’amore quando ho cominciato davvero ad amare. “Bella” è una delle mie preferite».
Peccato che S. Rap l'abbia scritta a 26 anni e Bella a 30-31, come sia possibile che prima non si sia mai innamorato? E poi Bella ha un testo così profondo? A me non pare.

E gira gira il mondo e gira il mondo e giro te
mi guardi e non rispondo perché risposta non c'è
nelle parole
bella come una mattina
d'acqua cristallina
come una finestra che mi illumina il cuscino
calda come il pane ombra sotto un pino
mentre t'allontani stai con me forever
lavoro tutto il giorno e tutto il giorno penso a te
e quando il pane sforno lo tengo caldo per te

29 giugno 2015

ITALIA DEFAULT

Hanno poco da rassicurarci!

Con la crisi greca siamo anche noi nella merda fino al collo, anzi alla bocca!

Speriamo solo che con l'ennesima crisi la gente pensi meno ai soldi e agli oggetti e pensi a stringersi in fortissimi abbracci!

27 giugno 2015

TUTTI ALL'ESTERO CON LA VALIGIA DI CARTONE

La parola ESTERO mi sa di spazio mitologico.. posto gigantesco e gigantescamente lontano, raggiungibile solo da chi vuole far piangere per decenni mammà.

24 giugno 2015

ITALIA PIL 2014

Stavo leggendo un giornale di agosto che diceva che le stime per il 2014 sono di un PIL a +2% rispetto al 2013.

Allora una volta tornato davanti al PC ho cercato: ITALIA PIL 2014.
Risultato?
-0,2%

LOL

23 giugno 2015

MANPOWER EXPO anticipa JOBS ACT

Grande EXPO, grande Mer, pardon, MANPOWER!

Manpower, già finito nell'occhio del ciclone (ovviamente finto, in Italia i ricconi sfruttatori continuano a fare ciò che vogliono) per aver offerto contratti ridicoli ai nostri giovini connazionali vogliosi di lavorare all'EXPO (una sagra paesana romagnola è 1000 volte meglio, LOL), ora ci ritorno, intonso e illibato come non mai, per via della geolocalizzazione di questi poveri schiavi, ehm, lavoratori atipici presenti nell'EXPO che tra tablet, smartphone, app e email verrebbero monitorati, dunque controllati a distanza.

Praticamente la MANPOWER ja anticipato il JOBS ACT che prevede un fottio di telecamere e spiate sui cellulari aziendali. Questa mossa anticipatrice e antipatica, deve venire assolutamente denunciata, vietata, punita e mandata a FANCULO!

PS: di articoli sulle schifezze e abusi dell'/nell'EXPO ce ne sono diversi, questo sulle aziende a caccia di stagisti è interessante.

Attori famosi poveri, ma quando mai! Basta con questo pietismo!

Ecco l'Italietta: muore un'attrice dimenticata da almeno 2 decenni et voilà tutti si riscoprono suoi grandi fan e i canali tv non possono non mandare in onda almeno 2 film in cui ella fu protagonista.
Lo stesso ovviamente capita con gli attori e i registi.

E tutti poi a dirsi che lo stesso tipo di povertà e dimenticatoio non deve venire subito dagli altri attori o cantanti, cosa che poi invece accade.

Anche se mi pare strano che gente che incassò centinaia di milioni di lire fino sicuramente ad arrivare in totale a qualche bel miliardino, possa davvero vivere in miseria. Se ha dilapitato tutto il patrimonio per la droga, beh, cavolacci suoi. Un attore non è certo povero se prende una pensione da 500 euro al mese, proprio perché nei decenni precedenti i soldi per acquistare appartamenti, ville, dipinti, auto d'epoca e barche ce li aveva e sicuramente questi beni ce li ha ancora, per cui..

21 giugno 2015

IL PAPA PLAUDE LE FAMIGGHIE

Secondo l'illuminato papa Francesco (detto ovviamente in maniera scherzosa dato che, pur con tanta buona volontà di cambiare alcune delle tante cose che non vanno nel Vaticano e nel clero, rimane pur sempre una figura patriarcale, anacronistica che imbonisce le persone bisognose di illusioni dicendo che dio è buono, ecc., però ci fa crepare dopo poco tempo che siamo venuti al mondo, ehm..! Ah già, c'è la scusa della "vita eterna" LOL) la famiglia è importante, ha infatti parlato dell'importanza per ogni essere umano dei figli e dei nonni, mentre della mamma già sappiamo che se qualcuno la offende possiamo usare i cazzotti.

Voi direte, che c'è di male?

In apparenza non c'è alcunché di male, peccato che la famiglia, e l'ho detto già mille volte, è una vera e propria gabbia che se non è tale per la maggioranza dei figli in questi anni, è stata così per secoli e secoli, ma anche ora lo è anche soltanto in certe zone del Sud Italia, dove i figli non possono frequentare Y e Z, ma soltanto X, dove le femmine devono per forza sposarsi (BLEAH!) e arrivare vergini al matrimonio (BLEAH!), tutte concenzioni della vita CALATE DALL'ALTO e SUBITE dalla MASSA IGNORANTE E PECORONA che campa soltanto tramite l'omologazione coatta perché in fondo tutti hanno paura del diverso che può scombussolare la vita altrui distruggendo o sfanculando certe tradizioni viste come rocciose certezze.

Insomma, io penso che se i parenti sono bravi sono fondamentali perché ti danno sostegno, aiuto, amicizia, calore, amore, ecc., ma visto che non basta essere un parente per essere una brava persona, non posso certo affermare che la famiglia sia importante, specie in Italia dove abbiamo miriadi di madri e padri preoccupanti e ansiosi che creano complessi ai figli.

In conclusione, a questo papa piace un po' troppo semplificare per attirarsi le simpatie del popolino.

20 giugno 2015

forum programma di merda

Oggi su forum c era il caso di un 3 enne che non aveva ricevuto l eredità del padre morto perché la matrigna forse aveva truffato. Lei però accusava lui di aver già intascato dei soldini per un suo in fruttuoso viaggio di lavoro in Australia.  Ora lui non lavora a differenza del fratellastro minore che andava pure molto bene a scuola allora tutti a dire eheh .a non lavori e non studiati.  Ma cosa c'entra con l eredità?  Se uno è disoccupato non la deve prendere?

19 giugno 2015

Europa cieca di fronte africa

L unione europea non può fare finta di nulla di fronte ai problemi africani e mediorientali.  Ad esempio in Siria se n è sempre fregata di assai e ora ne paga le conseguenze. In Libia prima ha creato povertà e altro accordano si con Ghedini e ora ne paga le conseguenze. Ma fa finta di niente e solo l Italia deve mantenerli.. I profughi

18 giugno 2015

SALVINI vs PAPA, chi ha ragione

Matteo Salvini, leader del "Carroccio", ha tuonato contro papa Francesco reo di parlare a favore dei migranti ma di fermarsi lì, perché a quel che gli risulta, e che risulta anche a me, nello Stato del Vaticano non ci stanno profughi, mentre l'Italia ne è piena zeppa.

Vorrei che qualche cardinale, vescovo, prete, suora, frate che zappa l'orto come fai te, mi dicesse in quali strutture, presenti in Italia e di proprietà della Chiesa Cattolica, i vari africani sono stati accolti.

Io posso solo dire che nella mia città ci sono diversi rifugiati/profughi/migranti/extracomunitari (chiamateli come volete, restano comunque dei poveracci aiutati da NESSUNO) che non hanno potuto fare altro che occupare abusivamente delle palazzine comunque sfitte, mentre in un paese qua vicino stanno in un hotel pagato dal Comune. Chiesa? Zero.

UBER la FREGATURA

Interessantissima inchiesta sull'oscuro MONDO di UBER ad opera di Young.it

Le cose, che molti di voi già sanno, stanno così:

ragazzi disoccupati girano per la "loro" città fornendo una prestazione da lavoratori autonomi da p.IVA stile taxisti a privati che ne hanno bisogno (manager, turisti, modelle o gente normale che vuole provare questo servizio o che pensa che i taxi costino troppo e che non vuole prendere quelle schifezze dei mezzi pubblici, ecc.);

ragazzi che fanno questo lavoro senza emettere fattura, d'altronde lavorano per UBER;

UBER che non emette fattura..;

UBER che paga le eventuali multe ai suoi finti dipendenti-indipendenti (?) nel caso in cui i vigili urbani contestassero loro il reato di esercizio abusivo;

UBER che dice "massì, sò ragazzi a cui piace guidare..";

ragazzi che però, del poco che prendono, rischiano di rimanere in mutande perché lavorano in nero!!!;

ragazzi che lavorano in nero e che quindi sono privi anche di assicurazione (non dell'auto) con UBER che sicuramente se ne sbatterà altamente il cxxxo in caso di malattia ed incidenti..;

tutto ciò nonostante i sempre più giganteschi incassi e guadagni di questa finta multinazionale dei trasporti urbani.

Insomma, un po' come me con ste cazzo di pubblicità.


Il delinquente FABRIZIO CORONA esce di GALERA

Le casalinghe italiote sono state finalmente accontentate, loro e tutte quelle che persone che paragonavano gli anni a cui venne condannato Fabrizio Corona (14) confrontandoli con chi aveva commesso altri crimini secondo loro più grandi. Loro dicono che "è dentro per 2 foto", balle, la sfilza di reati è ben maggiore!

BEATA IGNORANZA! Beata perché con questa si vive nelle illusioni e si pensa di avere sempre ragione semplificando di brutto.

Ora sono contente perché il loro piccolo idolo sacrificato in nome della IVSTITIA pare poter uscire a momenti per i suoi problemi psicologici dettati dalla clausura. POVERIIIIIIIIIIIIINO.


VIOLENZE SUI TRENI, ECCO LA SOLUZIONE

Altro che militari coi mitra nei treni come ideato da quel pirla assoluto di Maroni.

Per evitare che dei ragazzacci compiano atti delinquenziali, c'è semplicemente bisogno di più controlli e controllori. OPS, questa "idea", anzi, soluzione, non farebbe notizia, quindi un legaiolo non può certo proporla.

In questo articolo infatti leggiamo di 1 solo capotreno in mezzo a 600 persone, leggiamo di diverse denunce per minacce e violenze in pochi mesi e dell'inesistenza della polizia ferroviaria.

Qui invece leggiamo di come nel torinese i gruppetti di zingaracci, che facevano casino e rubavano in un bus che dalla città porta in un paese dell'hinterland, son stati sconfitti grazie agli incessanti controlli.

17 giugno 2015

MONI OVADIA SOGNA L'EUROPA INVASA DAGLI AFRICANI

Moni Ovadia, celebre sinistrato, afferma che il governo ungherese, in quanto di destra è pericoloso e l'ultima dimostrazione è la volontà di erigere un muro al confine con la Serbia perché da lì provengono tantissimi profughi in gran parte siriani.

L'Ungheria, o comunque la parte che ha preso questa decisione, si giustifica dicendo che di profughi ne hanno già accolti molti e che di più non possono fare e che l'unica soluzione è questo muro.

E' normale che un muro atto a dividere degli Stati, dei Paesi, dei popoli faccia timore, ricordiamo i muri in Germania, in Palestina, in Messico e chissà quanti altri (mi pare anche in Irlanda).
Ma quale altra soluzione c'è se un governo e uno Stato non può o non vuole aiutare altri immigrati? L'Ungheria li butta a mare? No! Li interna? No! Gli spara? No!

Ovadia dice che è normale che gli africani arrivino a frotte in Europa, perché il continente nero ha subito secoli di depredazioni e le varie guerre odierne sono anche frutto del nostro vecchio ed antico operato.
Praticamente lui sogna una ribellione dell'intero popolo negro et arabo che sfoci in una invasione totale in Europa! Ma che colpa ne ho io se i "nostri nonni e padri" trattarono male gli africani e gli arabi?
Perché mai Ovadia fa "ricadere sui figli le colpe dei genitori"?