6 dicembre 2011

La mia ricetta per sollevarci economicamente



ICI alla Chiesa, abolizione dell'8X1000 e di altri finanziamenti alla Chiesa, stop ai finanziamenti alle scuole private, cattoliche e non.

Fate voi la cifra risparmiata!

Dev'essere chiaro che questo governo, oltre a dover far contenti gli investitori a cui, come scrive Marco Onado sul Fatto Quotidiano odierno, "interessa solo che il conto venga pagato, non certo quali sono le tasche cui si attinge", è ammanicato, con un bel giubbotto invernale, spesso, al Vaticano.

Sono diversi i ministri che hanno lavorato e lavorano per varie aziende legate al Vaticano o che hanno stretti contatti con aziende cattoliche che vivono dentro il mondo della Compagnia delle Opere e di Comunione e Liberazione (cooperative, ad esempio, che lavorano in monopolio negli ospedali lombardi, tutto a scapito della concorrenza e del risparmio pubblico).

Infatti, niente ICI sugli immobili ecclestiastici, nè su quelli commerciali, nè su quelli di culto.
Molti giornalisti anche di sinistra vorrebbero che i primi venissero colpiti da questa imposta comunale (che però, sembra, da ora in avanti servirà per finanziare lo Stato, non i diseredati comuni..), tralasciando i secondi. Ma perchè mai? Le chiese et similia sono o non sono immobili? Sono forse nuvole? Sono fogli di carta o sono forse trote? No, sono dei bei pezzi di immobili che occupano notevoli superfici e la cui costruzione viene a volte finanziata lautamente dai Comuni, non dal Vaticano! E poi di culto lo saranno per i cattolici, non per i milioni di semplici cristiani, atei, agnostici, musulmani, buddisti, ecc.
Sono costruzioni, punto e basta.

Dopo l'ICI, un'altra cosa collegata al Vaticano sono i finanziamenti alle scuole private di ogni grado. Il Vaticano ha immensi interessi anche in questo campo e come ben saprete, il passato governo ha tolto alla scuola pubblica per dare alla scuola privata in nome della libertà di scelta. Peccato che questi soldi venissero in parte usate per le casse di questi istituti, mica per finanziare gli studi dei poveri nel caso volessero cambiare istituto.

Ancora Vaticano: se vi dico 5 miliardi all'anno cosa vi viene in mente?
Niente? Allora vi svelo subito l'arcano segreto: i 5 miliardi di Euro sono i soldi che lo Stato Italiano versa ogni anno al Vaticano tramite la truffa dell'8x1000. Povero Vaticano, non ha soldi? Ma se ha pure una banca, lo IOR famoso in tutto il mondo non dico per cosa! La truffa non è solo questo finanziamento che, però, molti cattolici compiono volentieri, ma consiste anche nel versare la cifra che i non cattolici destinano allo Stato, infatti questo non se li trattiene, ma li versa a chi, fra cattolici, valdesi e altri che non ricordo più, ottiene più preferenze!

Non siete stufi dello Stato?
Com'è possibile che ci sia un ente composto da semplici persone come me e te, ma con comportamenti e decisioni per nulla eque, persone quindi malvage, che sfruttano quest'invenzione per comandarci, succhiarci soldi e sangue (con le guerre, nate con gli imperi che sono divenuti regni e poi Stati)?
Lo Stato è solo un manipolo di maniaci egocentrici che giocano al ruolo di dio, con la gente educata apposta a rispettare le gerarchie, ma non solo, anche ad ammirarle (si pensi alla folla di gente che applaude il presidente di questo o quest'altro, il papa o ogni altro capo religioso, le sfilate dei robottini armati, ecc.). Si parla di natura e contro-natura, beh, la creazione di entità, enti, istituzioni, istituti che servono solo a mettere su un piedistallo poche persone a dispetto della maggioranza che non decide su nulla, neanche sulla propria vita, è totalmente contro-natura!

2 commenti:

Inneres Auge ha detto...

IOR= istituto delle opere religiose, vuol dire che è tutto sicuro e non fare il solito complottista. Quei soldi vanno ai poverelli che abitano ai Parioli!

Danx ha detto...

Poveri Par..goli!