Questo blog utilizza solo strumenti forniti da Google per i blog, come ad esempio il numero dei visitatori e la possibilità di seguire le novità del blog. Nessun vostro dato (nome, email, sesso, ecc.) verrà da me visto e/o memorizzato e/o diffuso, venduto, ecc.
Non vengono utilizzati software di altre terze parti.

17 settembre 2019

Scandalosa Autostrade per l'Italia

 Fonte: La Stampa

Questa è gente a cui infliggergli una bellissima pena:
portarli a fare bungee jumpee... con i cavi rotti!

7 settembre 2019

ORSO M49 più furbo degli umani

Come sempre un grande Mattia Feltri su La Stampa


Ma non c'era l'invasione in Italia?

Guardate i numeri!

A sentire Salvini, i suoi fan e i tiggì, pare che in Italia arrivino ogni anno miglioni di africani.

La realtà è questa: neanche 4.500 da gennaio mentre in Europa più di 50.000!

Ma secondo i salvin-legaioli, l'Europa ci prende in giro! ah ah ah ah


6 settembre 2019

Perché NON possiamo essere SOVRANISTI

In questi anni di sovranismi isterici, dobbiamo riflettere sul nostro passato:

l'Europa si sentì unita per la prima volta dopo la 2^ Guerra Mondiale e si unì alle tante nazioni del mondo tramite l'ONU, col quale si iniziò a parlare di DIRITTI DELL'UOMO, tra cui il diritto a migrare ("La migrazione è un diritto umano", quasi quasi ne faccio una maglietta...).

Possiamo dire proprio 70 anni fa circa cessarono finalmente di esistere i nostri sovranismi (e pure imperialismi!) e si sviluppò una certa idea di Europa.

Fin da bambino ho guardato con meraviglia all'Europa perché mi è sempre sembrata, appunto, meravigliosa. Sia nella musica che nel calcio ho da sempre apprezzato anche gruppi e squadre straniere senza alcun problema. Idem i miei compagni di scuola ed amici. Per noi era naturale.

A quanto pare, la generazione che ci ha preceduto, quella degli attuali sovranisti 40-50enni, visse un'infanzia piena di ristrettezze e pericoli. Da qui tutte le paure e i pericoli di cui parlano ogni giorno e che vedono solo loro.

Questi loro pensieri e questo clima fa male non solo all'Italia, ma anche all'Europa e al mondo intero sempre più ricco di muri e scontri etnici

Se l'obiettivo di 70 anni fa era unirci, ora abbiamo capito che l'obiettivo di molti politici è semplicemente quello di bagnare il proprio giardinetto ed orticello, fregandosene del risparmio idrico, negando così l'acqua a chi voleva lavarsi e bere.

Vedo, in pratica, un mondo pieno di egoismi e cattiveria verso gli ultimi.

30 agosto 2019

Migranti: Italia vs Spagna

A sentire telegiornali e politici, ero convinto che arrivassero solo da noi in Italia i migranti africani.

E invece in Spagna sbarca il triplo dei migranti che sbarcano da noi.

Ma Salvini non lo dice mai. O ignora il fatto o lo fa apposta.

Perlomeno sono diminuiti i morti, così dicono.


28 agosto 2019

Ancora guai per Autostrade per l'Italia

Ma soprattutto per noi poveri innocenti cittadini paganti che rischiamo di MORIRE per mano di questi CRIMINALI INCOMPETENTI!!!


8 agosto 2019

PACE IN EUROPA by Henri-Levy

Bell'articolo di Bernard Henri-Lévy su La Stampa in cui parla della pace e delle varie paci che abbiamo avuto in Europa:

Orban l'amichetto nazi di Salvini viene deferito dall'Europa

Prima fanno gli stronzi, poi se la prendono con l'Europa.
E dovranno prendersela sempre di più, perché sono sempre più stronzi!


4 agosto 2019

Povera e Nuova Democrazia.

Su L'Espresso di domenica scorsa, c'è una bella intervista allo storico Federico Finchelstein (autore del libro "Dai fascismi ai populismi" edito da Donzelli) e qui vi riporto le parti che ho sottolineato.

"Durante la dittatura argentina ci furono tra le 10.000 e le 15.000 vittime. In quegli anni gli ebrei argentini non arrivavano all'1% della popolazione, ma furono invece tra il 10 e il 15% delle vittime".

"Quel che avvenne a Buenos Aires fu che il populismo arrivò al potere in veste di post-fascismo.
Per questo dico che se la democrazia venne fondata ad Atene, e il fascismo a Roma, il populismo è diventato un regime di potere a Buenos Aires".

"Ancora solo fino a qualche anno fa, i populisti cercavano in ogni modo di separarsi da quella pesante eredità fascista di violenza e razzismo. Oggi, invece, i nuovi populisti di destra, da Trump a Salvini, da Orbàn a Bolsonaro, compiono un'inversione di marcia avvicinandosi ai fascisti. Non era mai successo prima".

"Populisti e fascisti dell'ultima ora, che vorrebbero minare il sistema democratico, ci insegnano che è necessario un lavoro continuo per rafforzare e ampliare la democrazia".

"Salvini con il suo populismo xenofobo prospetta una pulizia strada per strada, preparando così il terreno alla violenza contro gli immigrati, senza esserne direttamente coinvolto. Nel frattempo i fascisti di Forza Nuova e Casa Pound fanno il lavoro sporco".

"Trump usa la xenofobia e la violenza contro i migranti come parte integrante della sua strategia governativa".

"I Cinque Stelle rappresentano un peronismo italiano. I peronisti si riconoscono solo nell'unità mistica di popolo e nel leader. Per il resto demonizzano la stampa e acuiscono i contrasti considerando gli oppositori o inutili idioti oppure nemici e traditori degli interessi nazionali. Ecco perché scorgo alcuni tratti ideologici del peronismo nella propaganda dei grillini".

"Anche il neoliberismo sferra il suo attacco alla democrazia, un attacco duplice: da un canto demotivando i cittadini che finiscono per non prendere più parte alla vita politica, dall'altro facendo in modo che si confonda la sovranità popolare con la sovranità del mercato. Anche il neoliberismo, alla fin fine, vorrebbe dominare in nome e negli interessi del popolo, ma senza considerare la legittimità di visioni alternative".

"E' davvero un problema che la Sinistra pensa e agisce come la Destra, che dimentica il suo passato. La recente vittoria dei socialdemocratici in Danimarca pregiudica l'idea stessa di Sinistra".

Nel sito della Donzelli trovate il PDF dell'articolo!

30 luglio 2019

Preti pedofili difesi dalla loro MAFIA

In un recente numero de L'Espresso, si parla dei preti pedofili che commisero i loro ignobili e criminali atti sessuali contro anime indifese in Italia e in Argentina.

Preti pedofili strenuamente difesi da un Istituto di Verona (il Provolo), che aveva e ha 2 succursali a Mendoza e La Plata e che, semplicemente, li spostava da altre parti senza mai denunciare i loro crimini.

Lo so, non è una novità, di casi simili ne avete già sentito a decine.
Al Vaticano non è mai fregato niente. Da vero Stato conservatore, gli è sempre solo importato avere una facciata rispettabile, mettendo lo schifo sotto al tappeto.

Mi sono preso la briga di scansionare l'articolo perché è davvero importante che anche solo 1 persona in più, sappia di quanto facciano schifo i preti e soprattutto di come si difendano a vicenda, proprio come una MAFIA!


28 luglio 2019

TAV: la grande verità del NO TAV in carrozzina

"Pensare di fare la TAV è una presa per i fondelli per tutti i disabili come me, che fanno fatica addirittura ad uscire di casa, perché ci sono barriere architettoniche dappertutto";

"Con i soldi che si spendono per quest'opera inutile si sarebbero potute ammodernare le linee ferroviarie per renderle utilizzabili da tutti".

Fonte: La Repubblica

Salvini illude e frega i poveri VIGILI DEL FUOCO

Assurdo ma vero!

Fonte: La Repubblica

24 luglio 2019

3.000 morti in carcere

E intanto Formigoni va ai domiciliari grazie alla sua veneranda età. Sigh

Fonte: La Stampa

16 luglio 2019

Le assurde spese pazze di Renzi per i magistrati contabili di Firenze

Per la serie "L'egregia famigliola Renzi dà il meglio di sé".

Bastava nominarne uno. Perché fare una figura da tirchione, quando è possibile elargire grandi somme di denaro ad almeno 4 persone infischiandosene delle regole? Peccato che dopo qualche anno, qualcuno le spese pazze ingiustificate te le farà pagare.

Fonte: La Stampa

5 luglio 2019

I pregiudizi annegano i fatti. Impariamo a leggere le notizie (caso Carola Sea Watch)

Spesso ci facciamo prendere la mano dalle ultime notizie e, a causa dei pregiudizi, stiamo da una parte piuttosto che dall'altra e rimaniamo fermi nelle nostre convinzioni, come se poi i fatti potessero prendere una certa piega perché noi, che magari facciamo parte della maggioranza di qualsiasi tipo, possa cambiare le sorti di ogni faccenda.

Ad esempio, nel caso della Sea Watch 3, con la ormai famosa capitana Carola, sono sorte critiche perché lei non avrebbe la patente nautica, come se la questione di fondo, cioè il salvataggio di vite umane provenienti dall'inferno libico, cambiasse, oppure critiche relative al suo aspetto trasandato arricchitato da lunghi dreadlock.

I pregiudizi verso le sue capacità di comando perché donna e coi dredlocks sono pesanti e vogliono anche dirci come sia palesemente di sinistra e a favore dell'invasione, dell'immigrazione di massa, della sostituzione etnica ideata dal finanziere Soros per non si sa quali oscuri motivi.

Insomma, ogni persona che aiuta dei poveracci, dei disgraziati e soprattutto degli innocenti, viene aspramente criticata perché si pensa che sia diabolica, anti-italiana/occidentale, pagata dai poteri oscuri e forti.

Allo stesso tempo, dalla parte opposta, c'è chi difende a spada tratta ogni mossa di Carola (o di persone simili a lei, anche in altri ambiti) e con la scusa dell'antirazzismo, fa finta di non vedere i problemi che noi subiamo da alcuni extracomunitari (spaccio, scippi, rapine, furti, stupri) e che essi stessi subiscono da noi (schiavitù nei campi agricoli e prostituzione).

Il mio consiglio, che poi è anche una soluzione, consiste nell'avere una visione ampia, generale, a 360°. E soprattutto consiste nel non infervorarsi perché tanto ci sono elezioni, leggi e giudici che operano grazie a noi, tramite noi, per noi e al posto nostro. Le cose accadono o prendono una certa piega, indipendentemente dalle nostre opinioni. Urlare, lamentarsi, preoccuparsi, dimenarsi, sono tutte cose inutili. Bisogna guardare, leggere e comprendere.

A proposito di leggere. Si fa presto a criticare anche la salita a bordo della Sea Watch di alcuni esponenti della sinistra italiana. Basta leggere alcuni articoli, le loro interviste, i pareri dei migranti, per capire che si era trattato semplicemente di un gesto di umanità e anche di legalità.

2 luglio 2019

IMMIGRAZIONE dall'AFRICA: il mio riassunto


Non se ne esce più, c'è da perdere 10 anni a leggere tutti gli articoli e i commenti sull'immigrazione.

Ho quindi deciso di farvi un bel riassunto così siete a posto per tutta la vita e non dovrete più perdere tempo:

tante persone in tutto il mondo vogliono cambiare luogo di residenza, lo fanno i ricchi, figurarsi se non lo vogliono fare i poveri. Il fatto è che i ricchi portano con sé tanti soldi, non importa come li hanno fatti, per cui sono ben accetti. Mentre i poveri spaventano perché vanno nelle zone popolari, spacciano, rubano e quando va bene, come si suol dire, 'rubano il lavoro' da schiavi ai cafoni italioti.

Visto che il numero di immigrati, nella sola Italia, negli ultimi 10 anni è stato molto elevato, molti italiani che all'inizio erano pieni di pietà, ora sono stufi e impauriti, perché hanno visto e sentito sulla loro pelle esperienze negative di vario tipo. Altri, invece, si limitano ai numeri e leggono dei tanti milioni di Euro che l'Italia spende per mantenere migranti e cooperative.

Mi pare ovvio che ci sia e che continuerà ad esserci grande ritrosia verso l'immigrazione, specie se africana e clandestina, perché anche se di razza ne esiste una sola, un europeo è molto diverso da un africano: aspetto, odore, movenze, mentalità, 'radici', tradizioni, leggi, educazione, cultura. Insomma, di tutto di più. Inoltre, fino ad ora, non c'è stata una grande integrazione, anzi, sono aumentati i ghetti, compresi quelli cinesi, perché gli stranieri vengono qui per stare meglio, non per vivere con noi.

Insomma, non mi stupisco affatto di questo accanimento verso gli stranieri, anche se mi pare stupido prendersela solo con loro, visto che noi italiani abbiamo 4 mafie che sono tra le più violente del mondo, abbiamo quasi stabilito record di corruzione, familismo, debito pubblico, truffe, ecc.

Penso che con o senza stranieri, in Italia in certe zone si possa vivere bene, ma in tante altre no. E il rischio che il virus della furbizia criminosa italica si estende in tutte le zone è molto alto. Lo abbiamo visto con la Lombardia di Formigoni, tanto per dire.

Per cui se siete poveri o se il welfare state fa sempre più schifo, la colpa non è dei migranti/stranieri che, come detto, possono spaventare e creare problemi, ma degli italiani che comandano e governano.

Prendersela solo con una parte del problema è da mentecatti, da dementi. Bisogna saper guardare e approfondire la questione a 360°.

E poi è inutile continuare a urlare e insultare, perché l'immigrazione non si fermerà mai. Quindi ogni giorno ci saranno persone che andranno sui social a insultare ONG e africani che arrivano nel Sud Italia, senza alcun costrutto.

La mia soluzione è molto semplice: per evitare che le persone (che erroneamente vengono chiamate 'cittadini', come se tutti vivessero in città) si arrabbino con gli stranieri, basta espellere quelli che commettono reati, sostituendoli in parte con persone fino a provare contraria innocenti, specie donne e bambini, facendo una cernita dei maschi in base al Paese e regione di provenienza. Mi pare ovvio che tra un siriano e un nigeriano si debba salvare il primo e non il secondo.

Basterebbe dunque usare il cervello, essere pragmatici, per evitare preoccupazioni, insulti e scontri faziosi tra partiti di destra e ONG di sinistra. Scontri folli, perché poi come vediamo ogni giorno, le altre imbarcazioni vengono accolate dalla GdF e Guardia Costiera.

1 luglio 2019

Come i Social ti rovinano la mente

Con l'avvento dei social network, non solo è venuta meno l'intermediazione tra politici e cittadini, creata dai giornali e giornalisti che intervistavano i primi e che mandavano in onda servizi dove veniva mostrato tutto l'arco parlamentare.
Ma sono anche comparse altre due cose molto importanti da menzionare e anche preoccupanti:

1) le pubblicità: i post sponsorizzati dai politici sono preoccupanti perché non vengono visti da tutti, e perché di loro non rimane traccia nel web, a meno che qualche utente privato non li registri. Insomma, ciò che a volte vediamo, o che alcuni di noi vedono, non finirà in alcun archivio statale (tipo quello della RAI), così le generazioni future, ma anche quelle presenti, non potranno farsi un'idea completa della realtà politica.

2) la censura: se è vero che prima del web, i cittadini avevano pochi mezzi attraverso cui esprimersi (il voto e le manifestazioni di piazza, più qualche sparuta lettera ai quotidiani), oggi, pur essendo cambiate le cose, troviamo dei politici furboni che non vogliono far leggere ai propri fan, i commenti critici di elettori opposti, come nel caso di Salvini, nella cui pagina FB si viene censurati se si menzionano i famosi 49 milioni, i diamanti, il Trota, ecc.

Insomma, se i fan di Salvini e della Lega ex Nord vivono virtualmente solo sulle sue lande e sui siti dei giornali affini, non troveranno alcun commento negativo riguardante certi/molti aspetti.

Vero che è possibile battere la censura scrivendo 48+1 anziché 49, ma è anche vero che in futuro sarà possibile, suppongo, scovare fin da subito chi ha un profilo differente dal fan medio della Lega (o di altro partito) e censurarlo per... partito preso!

Insomma, i social vanno usati se si sono conoscono pro e contro.

29 giugno 2019

Carola, Salvini, gli africani e l'ONU

Lo scontro, o vera e propria battaglia, tra Carola e Salvini, è a dir poco ridicola:

da una parte e dall'altra c'è la più totale faziosità, infatti Carola vuole sfidare Salvini e Salvini vuole sfidare Carola e le ONG in generale.

Ma il problema e la questione di fondo permane e permarrà. Infatti, domani come oggi e come ieri, arriveranno tanti migranti per le più disparate ragioni.

Tentare di fermare la nave Sea Watch è un atto simbolico, nulla di più. I trafficanti se ne fregheranno altamente e continueranno a vendere agli africani il sogno europeo. Che poi questo sogno sia poi un incubo, è un punto cruciale da raccontare a tutta l'Africa.

Eh sì, perché va bene scappare da posti inospitali, a volte infernali, ma non va tanto bene - per loro - venire in un posto che non li accoglie in maniera degna, perché destinati a fare lavori orrendi: gli uomini i raccoglitori di frutta da veri schiavi e le donne le prostitute da vere schiave. I più fortunati sono destinati a ciondolare davanti ai supermercati, i più sfortunati a stare dentro i CIE o come diavolo si chiamano ora, e i più disgraziati a spacciare schifezze e morte.

Io sono convinto che ci siano zone in Africa molto più ospitali delle nostre lande 'occidentali'. Penso che i migranti africani si troverebbero meglio lì, in certe zone del Kenya, del Senegal, del Mali, del Ghana, ecc. Mi rendo conto che ci siano zone molto pericolose come in Nigeria, Congo, Eritrea e anche nello stesso Mali a causa delle milizie islamiche, ma anche attraversare il deserto e poi il Mediterraneo non è il massimo della vita.

Detto ciò, rimane il fatto che noi europei abbiamo invaso l'Africa più volte per sfruttare sia gli uomini che le risorse naturali, per poi far finta di andarcene appoggiando però spietati regimi militari.

Chi parla di 'invasione', dovrebbe prima studiare la Storia.

Ma per tornare alla Sea Watch, ecco che le norme internazionali possono venirle in aiuto:

"Il provvedimento con cui il ministro dell’Interno ha dato veste giuridica ai propri proclami in tema di immigrazione sembra non aver considerato il fatto che il ministro stesso, così come le disposizioni nazionali, trova limiti invalicabili in disposizioni di rango superiore. Di conseguenza, quella “onnipotenza” che il titolare del Viminale pare aver voluto manifestare con l’emanazione di quel decreto può essere decisamente ridimensionata mediante la ricognizione normativa del quadro delle regole internazionali vigenti. Tale ricognizione - già effettuata dall’Onu, nella lettera inviata al governo italiano nello scorso mese di maggio, per stigmatizzare il contenuto delle citate direttive del ministro dell’Interno e del decreto sicurezza bis in via di emanazione – dimostra chiaramente come, a fronte della necessità di porre al riparo persone vulnerabili, eventuali finalità previste da altre norme passino necessariamente in secondo piano."

Fonte: https://www.linkiesta.it/it/article/2019/06/28/caso-seawatch-matteo-salvini-karola-rakete-decreto-sicurezza-bis-chi-h/42697/

Cosa vuol dire? Riassumendo, vuol dire che ci sono norme che esigono il salvataggio, di conseguenza le leggi nazionali vengono dopo e valgono poco.

Se i giornalisti dei telegiornali non menzionano queste norme e questi accordi, si limitano sono alla cronaca del giorno, censurando una parte fondamentale del discorso e della questione:

"L'art. 98 della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982 (Montego Bay), stabilisce che ogni Stato "ha il dovere di (a) prestare assistenza a qualsiasi persona trovata in mare che rischi di perdersi; (b) procedere il più velocemente possibile al salvataggio delle persone in difficoltà, se informato del loro bisogno di assistenza (…)". Analoghi obblighi sono precisati nella Convenzione internazionale per la sicurezza della vita in mare (SOLAS) e nella Convenzione internazionale sulla ricerca e il soccorso in mare (SAR)."

Per cui io penso che Carola & Friends possa-no denunciare alla Corte dei diritti dell'uomo di Strasburgo, Salvini e il suo governo.

Salvini parla di "Atto di guerra" per il piccolo speronamento di una vedetta della Guardia di Finanza ad opera della capitana Carola. Beh, le cose non stanno così. La guerra, evidentemente, l'ha creata il leader leghista tentando di bloccare coi militari questa ormai famosa Sea Watch.

Salvini farebbe meglio, anziché preoccuparsi di 42 migranti, ad espellare gli irregolari che si sono macchiati di reati orrendi in Italia. Noi rimaniamo fiduciosi in attesa.

PS: tutti quelli pronti a ribattere, dicendo che il ricorso alla Corte dei diritti dell'uomo è già stato fatto ed è stato pure respinto, consiglio di leggere tutto l'articolo uscito su LAVOCE.info

Salvini odia i delinquenti ma stringe la mano ai delinquenti

Tempo fa trovai un'immagine composta da diverse fotografie in cui Salvini compariva al fianco di politici di livello locale e roba simile, tutti poi arrestati.

D'altronde lui è a quanto pare solito appoggiarsi a personcine a modo che hanno ottimi parenti:
https://www.globalist.it/politics/2018/12/11/amici-e-parenti-di-mafiosi-chi-c-e-dietro-la-lega-di-salvini-al-sud-2034783.html

Nella famigerata Rosarno, la salviniana Lega è stata in società, così dice l'Espresso, con 2 pericolosi clan mafiosi della 'ndrangheta:
http://espresso.repubblica.it/inchieste/2018/07/10/news/i-legami-pericolosi-tra-il-partito-di-matteo-salvini-e-la-ndrangheta-1.324749?refresh_ce

Ora possiamo dunque aggiungere finalmente anche la foto in cui stringe la mano ad un delinquente della curva del Milan, con un cv che parte dal 2006.

Eccola:

 Link articolo:
https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/06/26/luca-lucci-sequestrato-un-milione-di-euro-al-capo-ultra-del-milan-che-strinse-la-mano-a-salvini/5282689/

Articolo da La Stampa:

27 giugno 2019

Sempre più migranti nel mondo. Chi li aiuta?

Per l'ennesima volta sono morti degli innocenti che tentavano di trovare un posto migliore dove vivere, magari anche solo per poco tempo, come raccontato su La Stampa, per poi tornare nel proprio Paese d'origine per poter vivere in maniera più che dignitosa.

Ma tutte queste notizie, fotografie, servizi, discussioni e ovviamente emozioni, pianti, disperazioni e preghiere a cosa servono?

Probabilmente servono a poco. Perché nel mondo ci sono 70 milioni di migranti: in Asia, in Africa e in Sud-America. Rischiano di morire nei loro paesi a causa delle dittature, delle caste, delle carestie, delle guerre, delle siccità, dell'inquinamento.

Come scrive Mastrolilli, queste persone che vedono la morte in faccia, non hanno paura di attraversare nè fiumi nè mari. E noi, Paesi molto più che sviluppati e ultra ricchi, dovremmo fare qualcosa per sviluppare il ceto medio nel "Terzo e Secondo Mondo", il che non significa certo vendere armi a spron battuto all'Arabia Saudita e Stati simili.

Fonte articolo: La Stampa

26 giugno 2019

In Italia la vita costa sempre di più

Alla faccia del governo che vuole diminuire imposte e tasse!

Governo che, per proporci quella fregatura di flat tax, la cui conseguenza sarà un ulteriore taglio al welfare (la Sanità fa sempre più schifo, figuratevi nei prossimi anni!), sarà costretto ad aumentare l'IVA, già altissima.

Fonte lettera: La Stampa

19 giugno 2019

Un ottimo Feltri contro Telethon e MPS

Nel recente libro di Vittorio Feltri, intitolato "Chiamiamoli ladri. L'esercito dei corrotti", trovo molto interessante l'ultimo capitolo, in cui parla di Telethon e dei Monte dei Paschi di Siena.

Finalmente trovo qualcuno che la pensa come me sulle pubblicità e gli eventi creati da ricchi dirigenti che vogliono spingere le povere vecchiette impietosite ad aprire il portafogli.

"Lo scippo dei sentimenti non è certo un reato, ma non sopporto chi li spreme a viva forza con massaggi cardiaci per farci palpitare e aprire così il portafogli";
"...chiedere alla gente di dare soldi a Telehton, comandata da ricconi che chiedono l'obolo delle vedove per lucidare le proprie insegne, a me pare di assistere a una turlupinatura";
"...e allora la signora (la madre del bimbo malato, ndb) si mette davanti alla telecamera, una volta, due, la terza è quella buona, e lei è costretta a subire sempre e di nuovo lo strazio. C'è bisogno di questa esibizione di sofferenza materna per lucidare la baracca dorata di Telethon?"

Al di là della baracca dorata, trovo la scelta di utilizzare, in questo ed in altri casi, genitori piangenti e distrutti, veramente pessima. Ma chi è il "creativo", il "direttore creativo", l'esperto di marketing che ha proposto questa cosa banale e riluttante? Io, quando vedo scene simili, scappo! Dovrebbero invece mostrare ricercatori intenti a lavorare e genitori felici di avere un/a figli-o/a finalmente sano/a.

"Non si può derubare così una donna del suo diritto al pudore, costringendola ad esibirsi in pubblico come quel personaggio di Delitto e castigo (Katerina I. Marmeladova), che suona l'organetto circondata dai figli smunti e laceri per chiedere l'elemosina. Raccogliere fondi spremendoli da questo dolore tenerissimo è quanto di meno commovente esista".

"...frullatore di dolore, lacrime, bolle di sapone, e impasta il tutto con il miele dei sentimenti mescolati a lustrini e pailette. Ci sono pure le risate indotte dai comici ... la promozione del loro ultimo film; quella cattiva (opera, ndb) è chiedere soldi alla gente per la ricerca, dando un meraviglioso alibi allo Stato per infischiarsene: ci pensa Telethon. ... c'è il calcolatore che registra gli introiti ruotando numeri come una slot machine che accarezza le penne e le gonfia di compiacimento per il sereno riposo delle anime buone".

Anche qui trova la mia totale approvazione: perché dobbiamo sentirci in colpa, noi gente comune, se non vogliamo o non possiamo donare cifre interessanti alla ricerca? Perché non se ne può occupare lo Stato italiano e basta, oppure assieme ai vari ricconi? Sono sicuro che tutti quanti conoscono i vari problemi che affligono un numero non esiguo di persone malate e sono sicuro che tutti sappiamo che molti enti chiedono il nostro 5 per 1.000. Per cui sono altrettanto sicuro che tutti sappiamo a chi donare quanto e quando ci pare, senza sentirci costretti dalla TV.

Veniamo ai numeri citati da Feltri:
"nel 2015 il numeratore si era innalzato alla favolosa vetta dei 31.514.911 euro. Nel bilancio 2016 i proventi risultano essere 24.793.507 euro. Telethon ha erogato alla ricerca esterna solo 5 milioni di euro. Il resto (26 milioni) come sono stati spesi? Nei laboratori interni? Pare di sì. Senz'altro funzioneranno bene. Essendo soldi degli italiani, si possono conoscere stipendi e risultati delle attività valutati da fonti indipendenti? I brevetti conseguiti, a chi appartengono?"

Poi da qui si collega al MPS, parlando di ladroni, dicendo che "molti si fanno versare centinaia di milioni alle loro ditte da banche, senza neppure fare la mossa di fingere lo sforzo di restituirli. Tanto in questo caso, a differenza che per la ricerca, ci pensa lo Stato".

Il paragrafo successivo, infatti, si intitola: "Monte dei Paschi. in seicento hanno sottratto 20 miliardi."

Che dire, un libro da leggere. E' anche piccolo!

13 giugno 2019

Italia più illiberale di Cina e Russia? Guardate queste due foto!

Sulla prima pagina de La Stampa di oggi campeggiano queste due foto relative allo sgombro delle piazze ad Hong Kong e Mosca.


Ve le voglio mostrare perché mi ha stupito una cosa: l'assenza di sangue!
Considerando che si tratta di Stati (Cina e Russia) considerati non certo come democrazie evolute (la prima poi, non lo è proprio per niente) e che le proteste non erano autorizzate, c'è quasi da stupirsi.

Guardate la foto a sinistra, i poliziotti, dopo aver comunque manganellato il manifestante, si assicurano che non stia troppo male: uno gli mette la mano sotto la testa, un altro si inginocchia per controllare meglio.

Chissà cosa sarebbe invece accaduto in Italia!

11 giugno 2019

UCCISO PER 2.000 EURO

Qualche giorno fa ci hanno venduto la solita storiella: onesto commerciante (in questo caso, tabaccaio, ovvero mercante di morte legalizzato) uccide ladro per legittima difesa.

Cos'era successo?

Tre ladri, di notte, vogliono scardinare la macchinetta posta all'entrata dell'attività, per prelevare circa €2.000. Il proprietario vive proprio lì sopra.
Aveva già subito dei furti, così questa volta non ci ha più visto e sarebbe sceso per farli andare via. Purtroppo, come risposta, avrebbe ottenuto soltanto un colpo con un oggetto da scasso. Allora, per difendersi dai colpi che potevano essere mortali, spara e colpisce uno dei delinquenti che muore sul colpo.

Morale della favola? Per tutti quanti si è solamente difesa, per cui non deve andare in carcere, ecc.

Oggi però è stata diffusa l'autopsia, da cui si evince che il tabaccaio aveva invece sparato dal balcone colpendo la vittima alle spalle, mentre era intento a fuggire con gli altri.

Per cui, niente legittima difesa e neanche eccesso di legittima difesa, visto che il commerciante italiano era sul balcone e i ladri senza pistole.

Chissà se i suoi compaesani, subito pronti a fare una stupida fiaccolata, continueranno a stare dalla sua parte (presumo di sì, perché nei paesi piccoli sono tutti stupidi, come quei genitori e credenti vari che difendono l'indifendibile, come i preti accusati di atti di pedofilia!) e se con loro rimarrà anche l'altro genio che prende il nome di Matteo Salvini che ha detto: "Io sto col tabaccaio".

Ma io dico, visto che sei un ministro, tra l'altro dell'Interno (che ha quindi stretti rapporti con la Polizia), perché non aspetti qualche giorno prima di sputare sentenze? Forse perché fa comodo urlare le solite frasi fatte?

E aggiungo: vi pare sensato rischiare la vita prendendosela con tre brutti ceffi, sparare, uccidere, per appena duemila Euro? E allora cosa dovremmo fare con i politici presi con le mani nella marmellata (Bossi e le tangenti Enimont, Bossi e i 49 milioni di finti rimborsi elettorali), ovvero con le tasche piene di milioni, o con gli imprenditori (Mr. B.) che frodano il fisco per milioni grazie ad esempio ai conti nei paradisi fiscali? Loro diventano senatori, parlamentari europei, continuano a incassare soldi, legiferare e fare la bella vita alle spalle nostre.

8 giugno 2019

Sindaco di Ventimiglia: classico cafone di destra

Il nuovo sindaco di Ventimiglia (Lega + Forza Italia + Fratelli d'Italia... c'è da rabbrividire!) ha partorito una grandiosa idea da vero cafonal: al posto dell'opera di Pistoletto, ai bordi del mare e soprattutto della frontiera (guardatela da Google Maps), creare 45 posteggi. L'opera, chiamata Terzo Paradiso, la vorrebbe spostare a Calvo (link). Peccato che Calvo stia in collina, mentre l'opera era pensata proprio per stare dove sta ora, con chiari riferimenti alla sosta forza dei migranti che voleva andare in Francia.




5 giugno 2019

Salvini furbone: vola a spese nostre nelle Marche per i suoi comizi

Guardate che furbizia: approfitta di una importantissima (?) celebrazione nelle Marche, per poi svicolarsi e continuare il viaggio pagato dallo Stato, per partecipare a dei comizi.

Non è certo una novità, infatti Repubblica aveva reso noto il vizietto dell'ingordo e indefesso mangiatore di prelibatezze nostrane. Secondo il Dipartimento per la pubblica sicurezza, i voli sono stati 19, tutti a scopo istituzionale, ma il quotidiano di Scalfari evidenzia come gli spostamenti aereei da ministro, venivano sfruttati anche per presenziare a diversi comizi.

Esempi:

tra una visita a Platì, in Calabria (bene confiscato alla mafia) e una a Napoli (ferimento della piccola Noemi), ecco comparire il comizio di Catanzaro;

per tornare a Milano, dove il giorno dopo ci sarebbe stato il raduno degli Alpini (immancabile!), anziché prendere un volo Alitalia che sarebbe arrivato prima e costato meno, decide di continuare a volare comodamente con l'aereo di Stato a spese nostre;

quando va a Cagliari per un comitato provinciale sulla sicurezza, e a Pescara per l'identico motivo, ecco comparire subito dopo dei comizi;

in questi casi c'è però un aspetto istituzionale, a parte gli Alpini, mentre in altri si rasente il ridicolo: a fine ottobre 2018 vola da Roma a Verona a spese nostre per prendere parte alla Fiera dei Cavalli, dove i fan adoranti possono finalmente ammirarlo al trotto, e subito dopo al Forum economico Euro-Asiatico, ma più che di Asia si deve parlare dell'amata mamma Russia, essendo stato "benedetto" da un messaggio di Putin e sponsorizzato dalla Gazprom (gigante russo dell'energia che fornisce l'Europa dell'Est e in parte anche quella centro-meridionale, che nel 2005 acquistò la Sibneft da Abramovich, accusato dall'ex socio Berezovsky di essersi approfittato della sua lontananza dalla Russia a causa di problemi con Putin per ottenere il 100% delle quote).

Ecco alcuni risultati di questo Forum: Ansaldo stringe accordi proprio con Gazprom (Ansa); Genova rinnova il patto di collaborazione con Mosca (Ansa).

Approfondisci e scopri altri magnifici voli del nostro novello Italo Balbo su Repubblica.

Salvini glissa sull'eutanasia

I grandi pensieri di Salvini sul testamento biologico ed eutanasia:

"Quindi più che di una buona morte, su cui ragioneremo, mi preoccupo di una buona vita che a milioni di italiani, purtroppo, non è garantita. Un cittadino deve essere libero di scegliere ma io mi preoccupo di più di quelli che stanno vivendo e stanno vivendo male. Poi di morte ci occuperemo al momento giusto"

"E quindiiii" si è liberi o no di optare per l'eutanasia? Sin da subito o dopo aver risolto i problemi delle persone che "vogliono" vivere? E quando verranno risolti? Suppongo mai, per cui se 2+2 fa 4...

Fonte: Associazione Luca Coscioni

Ma quale Eutanasia. Noa si è suicidata.

Ieri è stata diffusa la notizia dell'approvazione dell'eutanasia (BUFALA) per una ragazza olandese, ancora minorenne, che voleva morire per via delle ferite ancora dolore incise nella sua 'anima'.
Queste erano state causate da una serie di molestie e stupri subiti tra gli 11 e i 14 anni, abusi rivelati solo recentemente perché prima se ne vergognava.

Purtroppo non è facile denunciare certe cose, perché c'è il rischio di sentirsi e mostrarsi come persone deboli che non sono riuscite a mandare via l'aggressore, a resistere, a trovare una soluzione per non subire l'aggressione.
Poi c'è la certezza di dover rivivere quelle scene durante la descrizione minuziosa dell'azione.
Insomma, non è semplice come alcuni vogliono farci credere, non è come denunciare il furto dell'automobile.

Subire uno stupro è un fatto terribile che, per fortuna, solo pochi di noi conoscono, per cui è impossibile esclamare, come fanno alcuni utenti, sul web e nei TG (ad esempio i preti), che dalla depressione si può uscire.
Pare che tutti sappiano sempre cosa dire e cosa fare, ma i fatti importanti e tragici delle vita richiedono un pensiero articolato e profondo che, a volte, non porta a nessuna soluzione, ahimé.

E chi l'ha detto che c'è un solo tipo di depressione dal quale è possibile uscire? C'è gente che vive 80 anni da depressa cronica, mentre altri non resistono e si tolgono la vita a neanche 20. Siamo comparsi sulla Terra senza la nostra volontà, possibile che tutti debbano amare la vita pur vedendo e addirittura subendo atti ignobili?
E quante persone vivono perennemente incazzate o tristi o malate? Secondo voi sono contente di essere al mondo? Maaah, chi lo sa!

A proposito di tiggì, il TG1 ha subito fatto sentire l'opinione di due preti (non ricordo il grado, perché non mi interesso di gerarchie), come se noi abitassimo in Vaticano o fossimo tutti cattolici. Fa ridere, anzi piangere, che ci si preoccupi sempre così tanto di sentire il parere dei preti, quando loro sono i primi a causa ferite e traumi profondi ai minorenni...è un po' come chiedere ad un boss mafioso cosa si può fare per lenire il dolore dei familiari delle vittime di Mafia.

A proposito, i preti intervengono sempre in queste situazioni, pensate ad Eluana o alla meno famosa, in Italia, Brittany.

Ora veniamo alla presunta eutanasia, la molla che ha portato alla diffusione mondiale il nome di questa povera ragazza. Non so chi sia stato il primo a titolare menzionando l'eutanasia, forse qualche giornalaccio olandese di destra, sta di fatto che molto probabilmente, senza questo presunto 'suicidio di Stato', nessuno ne avrebbe saputo nulla.

In quanto in maggioranza cristiani, gli europei si scandalizzano ancora molto quando alcune persone esigono la massima libertà per le loro vite.
Così certe cose sono un tabù, tra queste rientra ovviamente l'eutanasia, il cosidetto suicidio legalizzato.
Il fatto è che prima di tradurre e pubblicare, bisognerebbe indagare anche solo leggermente. Infatti, Noa, ha optato per il digiuno totale. Lo Stato, dunque, non ha fatto niente. 

Ergo, si è trattato di un suicidio. Uno come tanti, purtroppo, forse questo ha fatto ancora più male degli altri perché si trattava di una bella ragazza dagli occhi dolci, dallo sguardo candido, e anche perché non ha compiuto un gesto eclatante (come quelli che si buttano dal balcone o sotto i treni), ma si è lasciata morire giorno dopo giorno.

Fanno pena quelle persone che, addirittura, mettono in mezzo Hitler ("Ma dove siamo arrivati! Hitler sarebbe contento!"), perché un conto sono le scelte dei singoli, un altro la 'soluzione finale' di un regime dittatoriale genocida. Come si possono fare paragoni simili? Fossi nel presidente olandese, sporgerei una bella querela.

Preti mafiosi, la diocesi li difende e accusa la vittima

Leggete che schifo! Eppure i meridionali continuano ad essere ferventi cattolici!

Fonte: La Stampa

Cambiamenti di voto tra il 2018 e il 2019

Fonte: La Stampa

Grazie a questi numeri, notiamo alcune cose interessanti:

1 - quasi la metà degli attuali elettori della Lega, l'anno scorso fece una scelta diversa;

2 - il 17% degli attuali elettori della Lega, l'anno scorso mise la croce sul simbolo del M5S;

3 - solo il 38% degli elettori del M5S dell'anno scorso, ha riconfermato la sua scelta quest'anno, mentre molti altri non hanno votato e una buona parte ha votato Lega e in misura minore PD;

4 - +Europa non accede al Parlamento Europeo, anche per colpa del PD: il 4% dei suoi attuali elettori, l'anno scorso votò proprio la formazione di Emma Bonino;

5 - il PD ottiene un buon numero di voti da persone che si astennero;


6 - molti ultracinquantenni hanno fatto crescere la Lega;

7 - ancora maggiore, in percentuale, il numero di 18-22enni che ha votato il partito di Salvini, con grande danno per il M5S;

8 - quasi 1 operaio su 2 vota Lega, negando un bel po' di voti al M5S;

9 - nonostante il reddito di cittadinanza, i poveri hanno votato Lega nella stessa misura degli operai;

10 - il M5S perde voti anche dal ceto medio e chi se ne giova è sempre la Lega.

Insomma, il vaso dei grillini ha una miriade di buchi, mentre la Lega rinforza le barriere del suo castello convincendo giovani, adulti, poveri, operai e impiegati, che prima votarono M5S.

Per i giovani e i poveri, quelli che perdono tempo nei social della massa, la causa è dettata dalle parole semplici e dalle facili soluzioni divulgate via web da Salvini sia di mattina che di sera?

Come mai il rdc non ha convinto così tanti poveri? Come mai il ministro del Lavoro Di Maio, non ha convinto così tanti operai, mentre la Lega, che mai si è rivolta a loro, sì?

4 giugno 2019

TG5 (04.06.2019): BERLUSCONI invita CONTE a SLOGGIARE

All'ora di pranzo, il TG5 ha pensato bene di mandare in onda un servizio ben confezionato in famiglia, col quale Berlusconi invita il premier Conte a farsi da parte perché, viste le ultime elezioni (fa niente che fossero Europee), si può e deve creare un governo di centro-destra (dove stia il centro, poi, me lo devono spiegare) e mandare a casa l'attuale governo composto dadue forze contrastanti, di cui una in netta ascesa.

Vedere e sentire Berlusconi ancora oggi, mi riporta a qualche anno fa quando noi blogger, e qualche sparuto politico, ogni giorno avevamo materiale su cui scrivere, replicare, ecc.

Purtroppo, lui è libero di dire e fare quel che gli pare, per vari motivi:

1) se Dell'Utri, co-fondatore di Forza Italia, è in galera per concorso esterno in associazione mafiosa (leggete il suo 'cv'), il suo socio Silvio no, quindi lui e il suo partito si possono candidare liberamente a qualsiasi elezione;

2) se Berlusconi è stato accusato di aver comprato un senatore dell'opposizione nel 2008 per far cadere il governo Prodi, può fare tranquillamente politica grazie alla fatidica prescrizione che lo ha baciato anche questa volta;

3) se Berlusconi risultava incandidabile per via della legge Severino del 2012, a causa di una frode fiscale targata Mediaset (condannato a 4 anni meno 3 di indulto, indulto votato guarda caso anche dal suo partito nel 2006, vedi qui e qui), che lo ha tenuto fuori dal Parlamento per 6 anni, ora è di nuovo un politico libero di rientrarvi, così come di tornare in Europa (e così sarà).

MAFIA + GOLPE + FRODE FISCALE

Io mi vergognerei a votare un individuo con così brutte amicizie e dal passato losco.
Ma i suoi 'fan' che si fanno traviare dalle sue televisioni e giornali, sono liberi di pensare che la 'Magistratura rossa" abbia sempre cercato di incastrarlo per odio e invidia.

3 giugno 2019

Pronto l'attacco contro il testamento biologico

Evviva la destra che sa sempre cos'è giusto fare per andare contro i diritti dei cittadini!
Siano sempre maledetti i destri e i cattotalebani!

Fonte: La Stampa

Salvini va contro la canapa legale. Le mafie ringraziano!




Intanto la P. Morris continua a regalarci tanti ottimi tumori!


Il negoziatore nord-coreano è vivo o morto?

Il 31 maggio 2019, tutti i giornali lo davano per fucilato, o anche solo internato.

Ho subito pensato che potesse essere un'esagerazione, non certo disinteressata, il cui fine era quello di far capire, al dittatore nord-coreano, la quantità di informazioni che il resto del mondo riesce ad ottenere su di lui e sul suo regime.

A quanto pare, però, il negoziatore Kim Hyok Chol, secondo alcuni accusato di aver fatto fallire la trattativa tra il suo Paese e gli U.S.A. di Trump, sarebbe vivo e avrebbe partecipato ad una cerimonia ufficiale.

E allora io mi chiedo: che senso ha diffondere in fretta e furia notizie che, sì, possono divenire virali e arricchire i siti di news, ma che non hanno una base solida?

Come al solito, adesso, in pochi parleranno della smentita.

Numeri sulla povertà in Russia

Chissà come mai mister Putin and friends non ne parlano mai.


Fonte: La Stampa

Governo: devono trovare almeno 27 miliardi

I calcoli di Cottarelli:

Auguri!

1 giugno 2019

Ministro TRENTA nel mirino dell'esercito!

Ancora oggi, l'esercito italiano non ne vuole sapere, evidentemente, di aiutare i poveri miltari ammalatisi gravemente a causa dell'uranio impoverito. Molti sono morti. Ma l'istituzione militare si arrabbia col ministro della Difesa Trenta perché ha voluto ribaltare la situazione: l'onere della prova sarà, forse, a carico dell'amministrazione. Significa che sarà l'es. ha dover dimostrare di non avere colpe, mentre ora erano i malati a dover provare di essersi ammalati durante il lavoro, durante le operazioni militari.

Fonte: La Stampa

RIXI accusa i giudici come Berlusconi

I destri perdono il pelo ma non il vizio.
Come il più classico dei Berlusconi, quando vengono accusati e condannati, a loro volta giudicano male la magistratura rea di essere politicizzata. Anche se ci sono prove concrete. Anziché esclamare questi triti, ritriti e tristi slogan, Rixi e i vari destri potrebbero impiegare meglio il loro tempo, spiegando perché le cene di Capodanno fossero istituzionali. 


Fonte: La Stampa


I veri ambientalisti sono SI TAV

Che ne pensate?


31 maggio 2019

ELEZIONI: Salvini 2019 meglio di Silvio 1994. PAURA!

Il risultato ottenuto dalla Lega Salvini Premier, in queste Europee 2019 (ma che c'entra il premier?) fa impressione.

Forse è la prima volta che un partito al governo riesce ad ottenere più voti dell'elezione precedente, anche se si deve specificare come sia passato solo un anno e che, nel 2018, le elezioni furono politiche e non europee.

Ma sappiamo bene che buona parte delle persone vota per simpatica, vicinanza ideologica-partitica e per i risultati ottenuti e cose fatte vicino a casa propria o in base alle proprie percezioni.

Così, molti sono convinti che ci siano meno sbarchi, più rimpatri, più arresti, più sicurezza, meno corruzione, perché Salvini fa la parte del poliziotto e giudice duro e puro (sì, tranne che coi suoi amici verdi, e non si tratta di alieni), meno tasse, più lavoro, più soldi.

Mi ha stupito il 34% di preferenze (9 milioni) per la Lega, perché neanche la DC e Craxi negli anni '80 presero così tanti voti, perlomeno in percentuale, e perché neanche Berlusconi ci riuscì nel famigerato 1994 (21%, ma ben 8 milioni), nonostante la propaganda incessante composta da tv, tg, giornali, giornalisti lecchini, uomini di sport e spettacolo, anch'ess lecchini, quasi tutti al suo soldo (Feltri, Vianello, Bongiorno, Sgarbi, Baresi, Massaro, Capello, Fede, Liguori, Galliani, ecc.).

Berlusconi si presentò come uomo nuovo, mentre Salvini è in politica da quando era ragazzino; Berlusconi aveva l'immagine del vincente e dell'ottimista, poteva vantare grandi risultati economici (anche se non era totalmente vero), mentre Salvini ha potuto contare solamente su Facebook, dove ha dovuto pagare di tasca sua (sua, insomma...) le sponsorizzazioni dei suoi post, incentrati sulla cattiveria e odio verso stranieri e avversari politici (ad es. Boldrini).

Non che Berlusconi non attaccasse la Sinistra, definendo tutti i politici dei pericolosi comunisti illiberali, al pari dei giudici (chissà perché!), però alla fine per la massa, Silvio passerà alla storia come l'uomo dal sorriso a 32 denti, non come l'urlatore e odiatore pazzo, anche se in piazza insultava e accusava alla grande.

Oltre allo stupore, bisogna anche preoccuparsi del successo ottenuto da chi, appunto, urla e spinge all'odio e al razzismo.

E cosa dire del Movimento 5 Stelle? Aveva puntato tutto sul reddito di cittadinanza, ma alla fine a beneficiarne è stata una fetta limitata della popolazione, che non ha neanche beneficiato dell'illusoria riqualificazione dell'ILVA, del no al TAV Torino-Lione, della nazionalizzazione dell'autostrada (come se non fossero cascati anche ponti dell'Anas), ecc.

A quanto pare, comunque, alle persone interessa di più la sicurezza, quindi pene più alte e più controlli da parte delle volanti; l'immigrazione, quindi porti chiusi, rimpatri, ecc.; le tasse e le imposte, quindi blocco dell'IVA che però non ci sarà, flat tax, che però ci costerà tantissimo, pace fiscale, ovvero mano aperta agli evasori, ma niente assistenzialismo.

Classica italietta di destra.

Moravia: sarebbe bello sognare da vegli

Che perla che vi ho trovato :)

29 maggio 2019

REDDITO MINIMO GARANTITO, ovvero lavorare di più, vivere meglio!

Sarebbe non soltanto bello, ma soprattutto utile, avere a disposizione qualche migliaio di Euro all'anno, donatoci dallo Stato o dall'UE, per aprire i nostri uffici, studi, imprese, per acquistare attrezzatura, ingaggiare collaboratori, dipendenti, frequentare corsi, compiere viaggi non di piacere, ma di istruzione e improntati anche alla socialità. 

Invece no, niente. 

Se siamo poveri e vogliamo aprire un'attività, dobbiamo per forza lavorare da dipendenti partendo dalla base della piramide, incassando di conseguenza ben pochi soldi che non potremmo mettere da parte, perché ci servono per arrivare alla fine del mese. 

Se potessimo avere un po' di soldi senza far nulla non ozieremo, come invece alcuni catastrofisti egoisti affermano (Fornero e compagnia cantante che, pur essendo laureata, non capisce un cazzo!), ma avremo la possibilità, fin da subito, di dare forma e vita ai nostri sogni. 

Se invece, da poveri, siamo costretti a rimanere poveri pur lavorando, cosa potremo mai fare? La povertà deteriora tante buone intenzioni.

Queste mie considerazioni prendono spunto da questo articolo:

Al cui interno trovate ad esempio questi risultati:

"Alla fine, il totale delle ore lavorate era sceso soltanto dell'un per cento tra gli uomini, del tre per cento per le donne sposate, e del cinque per cento per le donne single. Gli uomini che mantenevano la famiglia lavoravano più o meno come prima; le neo-mamme usavano l'aiuto monetario per gestire con più serenità la maternità; gli studenti studiavano più a lungo. 

La cosa più importante scoperta da Forget, però, riguarda la quantità di ricoveri in ospedale — che, nel periodo analizzato, erano diminuiti dell'8,5 per cento. Alcuni anni dopo l'esperimento, era diminuita anche la violenza domestica, così come i problemi di salute mentale. Il reddito minimo garantito aveva reso tutta la cittadinanza più sana."

27 maggio 2019

UE capro espiatorio: gli europeisti devono coalizzarsi

Ecco l'invito nella parte dell'articolo di Massimo Panarari per La Stampa: partiti italiani uniti in base alla loro idea di Europa. Di Europa bisogna parlare di più e meglio.

Sovranità economica nell'Europa del deficit e del populismo

La lettrice pone un'ottima domanda: come ottenere la sovranià economica puntando a fare deficit? Chi comprerà i BOT? Come faremo da non autosufficienti? Ecc, ecc.

Fonte: La Stampa

25 maggio 2019

Le famose radici cristiane dell'Europa (LOL)


Piccolo esempio egregiamente rappresentativo del rispetto dei diritti umani del governo pentaleghista

o del governo fasciopopulista che dir si voglia...

Il decreto sicurezza (di Matteo Salvini) ha tagliato i servizi ai migranti:
ad esempio hanno solo 6 minuti a settimana per parlare con un avvocato (gli serve per ottenere l'asilo politico); il servizio medica è sceso a 42 ore settimanali; il servizio di assistenza psicologica a sole 24.

24 maggio 2019

Ottimo articolo su populismo e illiberalità

Articolo di Sofia Ventura per La Stampa

Ecco come rispondere agli stupidi sovranisti


Questa perfetta risposta è stata scritta da Marco Zatterin, giornalista de La Stampa, per un lettore scettico sui benefici ottenuti dallo stare in Europa.

Perché non si possono criticare i politici in piazza?

Capisco il pericolo di violenze tra le opposte fazioni, ma un politico/partito che scende in piazza per parlare ai cittadini, oltre ad avere il diritto di poter parlare ai suoi sostenitori, non dovrebbe avere anche il dovere di ricevere e sopportare le critiche?

Altrimenti quando e dove le riceve, solo sul web? Tutto virtuale. Il virtuale che diventa reale con gente pro e gente contro, e il reale che diventa virtuale dove regna solo ciò che uno vuole vedere e sentire.

Mah!

Migliaia di bambini morti nelle guerre del 2017

Fonte: La Stampa

E come scordare tutti i morti a causa di una grave carenza di cibo e medicinali?
Con la crisi venezuelana chissà quanti bambini e vecchi muoiono anzitempo...

21 maggio 2019

Autostrade per l'Italia: altri ponti a rischio crollo?

"...in un filone parallelo dell’inchiesta principale (sul crollo del ponte Morandi, ndb) a fine marzo hanno inviato un avviso di garanzia a Michele Donferri Mitelli, fino a poche settimane fa responsabile nazionale delle manutenzioni di Autostrade, e ad Antonino Galatà, ad di Spea Engineering, la società di Atlantia che si occupa dei monitoraggi delle infrastrutture del gruppo e della prevenzione rischi. Per i due l’accusa è di aver partecipato alla falsificazione di alcuni report sullo stato di salute di altri 5 viadotti: 3 in Liguria, uno in Puglia e uno in Abruzzo. Interrogati, i tecnici di Spea avevano raccontato che i report “talvolta erano stati cambiati dopo le riunioni con il supervisore Maurizio Ceneri (ingegnere, indagato anche nell’inchiesta principale, ndr) mentre in altri casi era stato Ceneri stesso a modificarli senza consultarsi con gli altri".

Fonte: Il Fatto Quotidiano 

Strage di Avellino:


Il perito del giudice ha sostenuto nella sua analisi che la strage si sarebbe potuta evitare e “derubricare in grave incidente stradale se solo le barriere fossero state tenute in perfetto stato di conservazione”. Autostrade per l’Italia però non avrebbe adempiuto a quest’obbligo. Altrimenti la traiettoria impazzita del vecchio pulmino turistico, dovuta alla rottura dell’impianto frenante – e poi si scoprirà che il certificato di revisione del veicolo era, secondo l’accusa, fasullo – avrebbe avuto un altro esito, il mezzo “sarebbe stato concretamente trattenuto in carreggiata, fino al suo arresto definitivo”, scrisse il perito Felice Giuliani, docente di Ingegneria delle Infrastrutture a Parma.

19 maggio 2019

Il successo della carne vegetale

Su La Repubblica di oggi si parla delle polpette vegetali che, attenzione-attenzione, hanno lo stesso gusto di quelle di carne, per merito della barbabietola. E leggete come si abbattono i costi di produzione dell'intero ciclo: -99% di acqua consumata, -93% di terra consumata. Eh sì, allevare le bestie costa tanto, anche in termini di CO2, oltre che di sangue e vite ingiustamente assassinate.

Dove potete trovare queste fantastiche polpette? A Monza da Paulpetta. Non si tratta però di un locale totalmente VEG :(

Breve articolo sui misteri dell'omicidio Bruno Caccia

Nel 1983 venne assassinato a Torino il procuratore di torino Bruno Caccia che stava indagando sulla criminalità organizzata. Chi sparò? Perché? Per conto di chi? Dopo 36 anni non si sa ancora nulla!



Tutto però è ancora avvolto da una fitta coltre di mistero. Mentre è chiaro che persone ben protette operarono per conto di Mafia, P2, trafficanti di droga e armi.

Ringraziamo i soliti ignoti che preferiscono lucrare sul sangue degli innocenti anziché servire lo Stato come dovrebbero fare tutti, che preferiscono stringere accordi e salvare di nascosto i peggiori criminali dello Stivale, proprio come accaduto circa 10 anni dopo contro Falcone e Borsellino (col primo che rischiò la vita già 3 anni prima).

Eugenio Scalfari: Salvini il nuovo duce

Oggi su La Repubblica c'è il solito lungo articolo domenicale del suo fondatore, ovvero Eugenio Scalfari.

Nella parte riservata ai sovranisti, rende palese una conseguenza che tale non è agli occhi di molti, ovvero che "L'obiettivo più vistoso di un partito sovranista è quello di governare il proprio Paese d'origine con una dittatura".

Effettivamente è proprio così, perché il sovranismo non può accettare un governo e uno Stato debole verso gli altri Stati e verso i popoli stranieri, ma allo stesso tempo anche verso i partiti dell'opposizione che non essendo sovranisti, sono tacciati di lavorare contro la propria nazione!

Il sovranismo deriva dal "pensiero forte", dai valori da difendere con durezza. Proprio per questi motivi, il nazionalismo è pericoloso. Chiude e blocca le persone, le fa sentire impaurite, le controlla.
Gli unici a godere di questa condizione saranno i governanti, convinti di essere i Re del Mondo o di una piccola fetta di mondo, che però per loro è tutto.

Tornando a Scalfari, cita l'esempio dell'antica Repubblica romana e di quella imperiale che erano dittature sovraniste che dominavano su tutti i Paesi affacciati sul Mediterraneo, dominava anche l'Inghiltera, l'Africa Centrale, dall'Atlantico al Golfo arabico e fino al Mar Nero. La stessa cosa potrebbe succedere con l'Italia sovranista perché, pur avendo attualmente una mentalità chiusa, l'Italia è pur sempre una penisola al centro del Mediterraneo, alla quale si appoggerà Putin per estendere il potere russo, utilizzando un alleato che di fatto da lui dipenda.

Quindi questa plausibile Italia futura, rischia di fare la fine dell'Impero romano che, quando si dissolse, lasciò l'Italia contesa tra decine di feudatari e tribù.

Insomma, appena cede la rigidità, è la fine.

Io preferisco optare per una certa morbidezza e flessibilità che consenta a tanti Stati europei di vivere insieme in una casa comune, comprendendo problemi e difficoltà di ognuno di essi, senza chiusure.
Alla fine, che senso ha chiudersi, stringendo amicizie ed alleanze con altri governi duri e chiusi? Cosa si può ottenere? Direi niente. Ci sarebbe un pericoloso ritorno al passato dove ognuno addita il vicino delle peggio furbate, ecc.

18 maggio 2019

La potenza in Europa della lobby ebraica

Fonte: La Stampa

Che dire? Secondo me manca una lobby palestine altrettanto potente, infatti si sentono parlare sempre e solo gli israeliani in difesa delle loro malefatte contro Gaza. E, pensateci bene, a quanto dev'essere infernale vivere lì, stretti tra uno Stato nemico e il mare che non è affatto una via d'uscita, in quanto controllato proprio dall'esercito israeliano. Un vero e proprio incubo, in quanto quella famosa Striscia non è altro che una prigione a cielo aperto!

Alcune criticità dello Sbloccacantieri

Tra i 10 punti evidenziati da Cantone dell'ANAC, mi hanno colpito questi due:

Fonte: La Stampa

Gli onesti ladroni di Destra



12 maggio 2019

L'ipocrisia di McDonald's e degli allevatori

I propugnatori del consumo di carne indiscriminato ad ogni ora del giorno e della notte, si mostrano pieni di coscienza ed affetto.
Peccato che poi quella vacca, qui viva, verrà brutalmente uccisa, così come vengono uccise anche quelle da latte dopo pochi anni!

10 maggio 2019

Non capisco l'astio verso Roberto Vecchioni

Come si fa a disprezzare il testo e la musica della canzone che Roberto Vecchioni ha dedicato a Giulio Regeni?

Non si può certo accusare il cantautore milanese di essere uno squalo, un lucratore su tragedie altrui.

Questo per diversi motivi:

1 - non fa parte della sua storia agire in quel modo
2 - non sarà certo una hit estiva o una canzone che passerà alla storia
3 - non l'ha scritta nel 2016, ma 3 anni dopo l'omicidio.

Si tratta di una canzone semplice, piuttosto intimista, delicata. Del ragazzo viene nominato solo il nome, non il cognome. Si parla di Africa, non di Egitto, proprio per evitare facili accostamenti.

Secondo me è una canzone sentita, scritta col cuore, che può essere dedicata a tutte le mamme del mondo che sognano un fantastico futuro per i loro bambini.

Canzoni simili esistono da sempre, perché gli artisti vengono toccati nel profondo dalle più diverse tragedie e ingiustizie e hanno la qualità per creare bei versi, a volte memorabili, in modo tale da farci ricordare di queste cose, ogni volta ascoltiamo le loro canzoni.

Penso a Coppi di Gino Paoli (scritto quando il ciclista era già morto), a Titanic di De Gregori, a piazza Alimonda di Guccini (sul disastroso G8 di Genova del 2001), a Dolcenera di De André (sull'alluvione di Genova del 1970), ecc.

Un conto se Vecchioni avesse sbandierato sull'Everest la creazione di questa canzone con di fianco il codice QR per farcela scaricare su iTunes, ma così non è stato.


6 maggio 2019

Quando la Repubblica Italiana premiò un NAZISTA

Leggendo un articolo dedicato al recentissimo libro 'I senza memoria. Storia di una famiglia europea', dedicato a tutti quegli Stati implicati nello steriminio degli ebrei (e non solo!), mi sono imbattuto nel nome di un politico tedesco che non avevo mai sentito nominare.
 

Il suo nome era Kurt Georg Kiesinger. Negli anni '60 fu Cancelliere, nonostante un passato da nazista, essendo entrato nel partito di Hitler nel 1933!


Si dice sempre che la Germania abbia fatto i conti col proprio passato. In realtà, in alcuni casi (quanti? boh!), i nazisti hanno continuato a lavorare per lo Stato, proprio come in Italia tanti fascisti hanno continuato a incassare soldi pubblici senza problemi, senza aver mai fatto neanche un giorno di carcere!

Ma lo schifo non finisce qui.
Pensate che nel 1957, questo nazista, venne nominato Cavaliere di Gran Croce: https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/32550

Il presidente italiano era Giovanni Gronchi