20 novembre 2014

BASTARDI SVIZZERI MILIARDARI


L'azienda ETERNIT di Casale Monferrato (TO) chiuse i battenti nel 1986. Per cui, PRESCRIZIONE! Niente reato di disastro ambientale, perché "è giuridicamente possibile prevedere la permanenza di un reato che causa morti a distanza di parecchi decenni"
Poco importa che ancora oggi, in quel paese e in quella zona, gente normalissima, non ex operai o familiari stretti degli operai, si ammalino in percentuali enormi per poi.. crepare a 50 o anche a 40 anni.

E sapete prima come l'azienda la scampò? Scrivendo nelle buste paga che l'amianto era cancerogeno come le sigarette, di usare quindi una mascherina (peccato che la polvere di amianto inzozzava le tute che venivano portate a casa a lavare..!!) e di non fumare.


Ma Guariniello non si arrende, dice che la Cassazione non ha assolto nessuno e che si prosegue col procedimento in cui viene ipotizzato l'omicidio volontario. Oltre a Casale, Schmidheiny, è indagato anche per gli operai morti che lavoravano in un'altra fabbrica, quella di Balangero, anch'essa in prov. di Torino.

LINK: WIRED

17 novembre 2014

Numeri sul LAVORO 2014


In un interessante articolo giornalistico di fine ottobre 2014, ho trovato dei bei dati numerici, anzi, alfanumerici, vediamone alcuni:

NUOVI CONTRATTI, soltanto 15 ogni 100 sono a tempo INdeterminato.

IN CALO. I (pochi) contratti a tempo INdeterminato sono in calo.


TERMINE DEI CONTRATTI, nel 2° trimestre del 2014 (aprile, maggio e giugno), 1 milione e 650 mila rapporti di lavoro sono terminati per la naturale scadenza (riportata sul contratto), mentre sono terminati anzitempo 355 mila contratti per volontà del lavoratore e 250 mila per quella del datore di lavoro. In totale i rapporti terminati superano i 2 milioni e 400 mila, e pensate che ben 400 mila riguardano lavori da svolgere in 1 solo giorno, mentre quelli che durano più di 1 anno sono soltanto 380 mila!

TRE ANNI. Negli ultimi 3 anni e mezzo (inizio 2011 - 2° trim. 2014), un lavoratore medio ha firmato e terminato ben 3 rapporti di lavoro.

FLESSIBILITA', MOBILITA'. Da un sondaggio della Coldiretti, risulta come la maggioranza dei giovani (suppongo di max 34-35 anni), ovveor il 64% sia disposnibile a cambiare città, il 51% a cambiare nazione e il 31% vorrebbe divenire un lavoratore autonomo.


16 novembre 2014

Canarie (Spagna) e Sicilia: il petrolio è il futuro

Prima leggo delle trivellazioni alle Canarie da parte di Repsol (con conseguente intervento sfortunato di Greenpeace a causa della marina militare spagnola), poi leggo di altre trivellazioni future anche in Italia al largo della Sicilia.

Secondo i grandi geni che governano gli Stati e quindi anche le nostre vite (noi siamo burattini che ogni tanto mettiamo una "x".. viva la demo?crazia!), il PETROLIO non è il passato dell'Ottocento e Novecento, no, è il FUTURO.
Ma se è passato e presente, perché mai dovrebbe essere il futuro?
Solo dei vecchi dementi possono pensare una cosa simile.
In realtà loro non pensano al FUTURO, bensì al PRESENTE, ad un eterno presente fatto di royalties, cioè di bei soldini/soldoni. La cosa strana è che pure le Canarie hanno bisogno di soldi? Ma dai, è che in testa i governanti hanno solo la parola "crescita economica" e tutto fa brodo, bisogna sempre e soltanto avere sempre più soldi. Anche a costo di morire annegati dentro l'oro nero. Com'è possibile che le Canarie abbiano bisogno di soldi? E la Sicilia? Se non ha soldi che faccia fuori i mafiosi e si impossessi dei loro beni. Esiste l'esercito, sapevatelo!

Chi non va a catechismo si droga



Tanti anni fa, oltre al catechismo, ci pensava anche la scuola a lavarmi il cervello, che poi finalmente si liberò di tutta la monnezza di cui era pregno.. non so come, merito dei miei geni suppongo!

Leggete cosa scrissi a 13 anni in un compitino in classe nell'ora di religione:

"Il cardinale Martini è uno dei cardinali più famosi d'Italia perché è già stato presente alla televisione in vari programmi (ahahahahahah, ndb).
Questo cardinale è il prete di una chiesa e ogni anno, quando i suoi ragazzi fanno la Cresima, scrive alle loro famiglie dei problemi degli adolescenti sull'amicizia e su altri problemi.
Per esempre parla di alcuni ragazzi che dopo la Cresima non vanno più a messa di sabato sera o di domenica mattina, oppure di quelli che non frequentano più il catechismo, forse perché non devono più fare alcuna cerimonia religiosa; poi i ragazzi si perdono in brutte amicizie (passaggio obbligato ahahahah, ndb) e abbandonano la scuola (pure? ahahahah, ndb) e molte volte finisco per drogarsi (gli atei allora si drogano già nella culla? ahahahahah, ndb) e non comunicano più coi loro genitori e rifiutano i loro aiuti (ahahahahahah aiuto sto male, no, non per la droga, ma per tutte le sane risate che mi fanno fare i preti, ahahahahahah, ndb)."