17 agosto 2013

Isinbayeva

Un consigliere comunale sardo del PD si è scagliato da giacobino puro contro l'atleta russa Isinbayeva, sperando che la stuprassero in pubblica piazza per aver osato affermare che secondo lei i gay non sono normali.

Inizialmente, avendo soltanto letto l'insulto/provocazione/minaccia (nominate come volete la frase del piddino), pensavo si trattasse di un leghista che si scagliava contro una russa che non si era allineata ai voleri del Cremlino. E invece no, invece questo tizio, la cui faccia è incorniciata vicino a quella del ministro Kyenge, è per la pari dignità, per i pari diritti.

Eppure istiga violenza contro una persona che ha osato dire la sua e, diciamolo, ciò che pensa la maggioranza della gente.

I gay non sono normali?
E' vero! Vanno contro la norma e quindi la normalità.
Sono naturali? Sì, ci sono anche altre specie mammifere al cui interno troviamo degli esemplari omosessuali.

La falla nella legge contro la violenza sulle donne

Che ti scopr, che ti scoprooo??

"Salvo augurabili sorprese al momento della divulgazione del testo ufficiale, non è stato stanziato UN solo EURO per il rifinanziamento delle CASE a TUTELA delle DONNE maltrattate, picchiate e violentate".

"Ciò malgrado il fatto che durante il dibattito parlamentare sul recepimento della Convenzione di Istanbul, la misura fosse stata considerata uno dei punti più qualificanti di una politica innovativa ed efficace".

Fonte: La Stampa Firma: Mariella Gramaglia Data: Agosto 2013

Ah, non finisce qui, perché se non fosse stato per alcune deputate e senatrici ci sarebbe un'altra falla ancora più grande, ancora più grave:

"Al momento della conversione in legge del decreto Svuota carceri, sono state le deputate e le senatrici ad accorgersi che, se non ci fosse aumentata a cinque anni la pena per lo stalking (persecuzione sistematica), gli stalker avrebbero goduto di un'insperata indulgenza"

INSPERATA INDULGENZA: cioè avrebbe ottenuto quella libertà che non sanno sfruttare, e che usano, anzi abusano, per molestare il prossimo, fino magari ad ammazzarlo per gelosia/possessitivà!

14 agosto 2013

Italia-Argentina, ennesima buffonata da creduloni pecoroni!

Calciatori delle nazionali italiane e argentine in udienza privata dal papa (detto da tutti i più grandi fessi dotati di penna e calamaio "santo padre", ma padre di chi e santo perché e soprattutto che cos'è la santità?)!

Continuiamo a farci del male, continuiamo a mostrarci un popolo (noi, ma anche quello sud-americano) di creduloni e di gente assoggettata ai vari poteri, che non sa mai divincolarsi, autonomizzarsi, responsabilizzarsi, che sembra, talmente è vuota - causa lavoro, pochi soldi o causa tv e canzonette di merda -, a cercare una morale in posti al di fuori di essi e del loro ambiente che com'è detto è completamente vuoto.

Per cui ben venga, perché no, una figura importante, rispettata e moraleggiante, peccato che in questo caso il capo di turno faccia parte di un'organizzazione criminale millenaria che ha solo prodotto guerre (per il dominio papale in Europa con conseguenti genocidi di protestanti, per l'eliminazione di altri diversamente credenti in Medio-Oriente), ruberie (le guerre e gli imperi servono anche a divenir ricchi, o no?), devastazioni anche culturali distruggendo credi e spiritualità altrui nel resto del mondo (Sud America, Africa, ecc.).

Ma anche se avesse fatto solo del bene (impossibile, perché una religione come questa si basa sui dogmi e sulla dottrina, nessuno può pensare con la propria testa e tutti, compresi i preti, devono concorrere alla ricchezza della Chiesa, non a caso non posso sposarsi, cosa che li porta obbligatoriamente a dare la loro eredità al Vaticano), la Chiesa cosa sarebbe?
Rimarrebbe comunque un'associazione di creduloni radicali, convinti di discendere da un dio che nessuno ha mai visto e sentito e che, guarda caso, dicono avere le sembianze umane
(mah, che caso eh??? Non si capisce, vero, che è un prodotto della nostra immaginazione?), e che vogliono, convinti di sapere cosa lui voglia (eppure non l'hanno mai visto né sentito, al pari di atei e diversamente credenti..), imporre valori patriarcarli basati sul potere degli uomini che per natura sono i più forti-violenti-stronzi. Con queste religioni monoteiste patriarcali le donne sono viste come dei meri oggetti, si pensi alla povera Maria sempre ritratta con lo sguardo triste o ancor meglio si pensi alle donne del Sud Italia in passato sempre velate di nero e al fatto che le donne in Italia, grande Paese cattolico, non hanno mai potuto esprimersi in fatto di politica fino al 1948! Il resto dei valori li conoscete: valore della verginità, affinché un uomo, prendendo una donna in sposa, sia sicuro che i figli che usciranno dal suo corpo, saranno frutto anche del suo sperma; valore del matrimonio, di cui prima; divieto all'aborto e al divorzio, altre due cose che si ricollega

Ciò che si terrà oggi e domani è il classico esempio di mera propaganda mass mediatica di una singola società monotematica che vuole perpetuarsi all'infinito grazie alla suddetta potenza mediatica.

Non c'è spazio per chi è diverso da questi e non c'è spazio per chi é contro. Devono sempre e soltanto campeggiare loro, i cattolici!