9 luglio 2009

Accordo sul clima (mondiale) e sulle bici (italiane)

Raggiunto un accordo sul clima, sembrano tutti dirsi entusiasti, peccato che la Cina invece si tiri indietro, poichè non si definisce una nazione del primo mondo e quindi ha la scusante che deve produrre di più per entrare fra i grandi. Assurdo, ancora con la storia del progresso costituito dal costruire, produrre su scala industriale con la gente comune costretta a farsi il culo 15 ore al giorno, se va bene, per poter entrare nel grande sogno ammmerigano del consumismo (che in realtà non ha nazione, ma sappiamo bene quanto i film ammmerigani abbiano influito su questo stile di non-vita), dove la vita viene annullata fra mille mura di luoghi artificiali senza storia, senza arte ma con una parte, tristissima, composta solo di smog e cemento!

- 2° C entro il 2020 e raddoppio delle radiazioni, oserei dire, grazie al recente DDL del Governo Berlusconi? Vedremo, vedranno soprattutto gli abitanti africani delle zone da cui si estrae l'uranio!
Ovviamente grandi vantaggi, dopo questo G8, per gli africani, infatti verrà estratto a sorte uno di loro per potersi sfamare, anzi, per poter degustare, un piatto di lenticchie col premier!

Dimezzamento della CO2 da qui al 2050 e intanto il Governo disincentiva l'uso delle biciclette, poichè chi verrà multato, se in possesso della patente di guida, vedrà sottrarsi preziosi punti. Discriminazione bella e buona, siccome la bicicletta viene usata anche da chi la patente non ce l'ha, come i minorenni...
Sui giornali sono già molte le lettere di adulti lavoratori che affermano che probabilmente la bici la useranno di meno.

Probabilmente è solo uno sfogo estemporaneo, poichè non penso che fino ad ora abbiano commesso infrazioni su infrazioni questi ciclisti urbani, altrimenti si sarebbero già giocati gli stipendi, eheh
Fatto sta che la discriminazione resta, ma per chi appunto ha studiato e sa guidare, non dovrebbero esserci problemi!

4 commenti:

Mr.Nessuno ha detto...

Danx,
molto fine l'ultima frase, ovviamente, nessun riferimento alle patenti facili senza esami!!!

Però devo andare un po' controcorrente sul discorso bici (ed uso un paio di esempi reali a cui ho assistito e sono stato parte in causa in un episodio): vedo spesso gente in bici su una strada con pista ciclabile e circolano sulla sede stradale dei veicoli, e se provi a dir loro qualcosa ti assalgono e insultano perché loro sanno vivere e tu no!!! ...solita maleducazione/menefreghismo/ignoranza/arroganza del nostro popolo!!!; stavo entrando su una via a senso unico e mi sono trovato davanti e poi sopra il cofano uno in bici, sono sceso per vedere se si era fatto male (avevo pure dei danni, ma cofani ne fanno tanti e non era la mia preoccupazione in quel momento!!!) e sono stato insultato da diverse persone, compreso quello in bici; quando ho fatto notare loro che la strada era a senso unico e che ad essere in torto era quello in bici e non io, uno che passava da quelle parti per sbaglio (e non ha assistito al fatto) ha detto «sempre i soliti automobilisti cafoni che si sentono i padroni della strada...dovrebbero togliere la patente a questo coglione!!!» rivolto verso di me...peccato che sono stato insegnate e istruttore di scuola guida dal '92 al '99!!!

Quindi, ben vengano le multe anche alle bici, chissà che comincino a rispettare il codice della strada pure loro...e chi va in bici diligentemente, multe o non multe non gli cambia la vita...come ad esempio a me se da domani scattasse la tolleranza zero all'alcol...sarei solo contento di non rischiare di trovarmi faccia a faccia con un ubriaco che mi entra nell'abitacolo e magari mi ammazza!!!

Ciao

Danx ha detto...

Ciao, ho appena completato un pò l'articolo.

Per il discorso bici, so che sei stato istruttore e mi dispiace che t'abbiano insultato. Anche io spesso insulto gli automobilisti, per il semplice motivo che occupando tutto quello spazio col mezzo, non mi consentono di passare, oppure passano col rosso mentre io dovrei poter passare in sicurezza col verde, o girano senza rispettare il mio verde, il mio essere sulle strisce, quelle con sfondo rosso e cosi via. Sembra che abbiano tutti fretta!! Ma se hai un motore, non ti costa niente fermarti e ripartire, tanto schiacci e arrivi subito a destinazione recuperando il tempo perduto aumentando un po la velocità dopo l'incrocio! La vita dei guidatori sembra una corsa!

Io uso spesso la bici, anzi sempre, e posso assicurarti che certe ciclabili è meglio non usarle, poichè quando si incrociano delle vie, le auto che girano non ti vedono e poche si fermano. E' molto rischioso. Quindi in questi casi uso la strada, dove cmq le bici possono stare (non possono andare solo sui marciapiedi).
Le ciclabili che uso sono quelle completamente separate dalla strada, protette, dove attraversi i corsi grazie a ponti e cosi via o cmq dove non ci sono incroci a 90 gradi, molto pericolosi!

I ciclisti urbani si destreggiano bene fra le auto che, nella maggior parte dei casi, non ti consentono di pedalare in sicurezza siccome svoltano senza freccia, sgasano di brutto per sorpassarti facendoti prendere male e fermandosi sulle strisce. Mi da un fastidio se penso che molti in carrozzina, in questi casi, farebbero una fatica immane ad attraversare.
Non riesco proprio a capire questa gente come faccia a posteggiare o fermarsi al semaforo in quel modo!

Solitamente chi non sa pedalare sono i vecchi che, oltre ad andare ai 2 all'ora, stanno in mezzo alla corsia o vanno a zig zag e salgono ed escono dal marciapiede senza guardare. Ne ho visti molti rischiare la vita per colpa loro e molto spesso leggo di incidenti mortali, ma so per certo che l'automobilista non ne ha colpa.

Ma come dicevo, molte piste son fatte solo per poter dire che ci sono, quando in realtà sono pericolose, quindi inutilizzabili!

LE MULTE CI SONO SEMPRE STATE.
SEMPLICEMENTE ORA LEVANO PUNTI AI CICLISTI CHE HANNO LA PATENTE DI GUIDA. DISCRIMINATI, POICHE' CHI SA LE REGOLE VIENE PUNITO, CHI NON HA FATTO ALCUN ESAME, COME I MINORENNI, AVRANNO SOLO LA MULTA!

Mr.Nessuno ha detto...

@ Danx - il problema è semplicemente solo uno: non esiste rispetto tra categorie di veicoli (compresi i pedoni) e fino a quando non si impara a rispettare gli altri utenti della strada sono convinto che l'unico sistema per mettere tutti d'accordo sia "tocccandoli" sull'unica cosa dove il nostro amato popolo non vuole essere toccato...i soldi!!!

Un bell'esempio di civiltà: quando vedo un pedone sulle zebre mi fermo sempre, sulle prime vedi il pedone perplesso...non sa cosa fare...non è abituato a questa cortesia, o forse teme di essere investito!!! ...se tutti si fermassero quando c'è un pedone (cosa tra l'altro obbligatoria dal momento in cui inizia l'attraversamento), forse ci sarebbero meno morti e meno incidenti, vale lo stesso per le biciclette o qualsiasi altro mezzo!!!

Ciao

Danx ha detto...

eheh anche io mi stupisco quando mi fan passare e a volte ringrazio (quando son in bici non sempre perchè per ripartire devo tenere le mani sul manubrio).
cmq è innegabile che con tutti i cafoni che sgasano brutalmente, i pedoni e i ciclisti ce l'abbiano con gli autoIMmobilisti.