5 giugno 2015

Il segreto per un mondo migliore

Si fanno sempre grandi discussioni e ci sono sempre tanti attivisti a riguardo delle tematiche ambientali (clima, cibo, inquinamento, ecc.).

Eppure..

Eppure basterebbe davvero poco!!

Basterebbe che ognuno di noi consumasse meno:

meno energia elettrica, meno benzina, meno carne (compreso il pesce), meno componentistica elettronica usa e getta, ecc.

Ci vuole tanto? No!
Il problema è che siamo nati nella società dei consumi, per cui chi non può consumare come gli altri "cittadini medi", rischia di sentirsi isolato e povero. Ma la ricchezza sta nei nostri pensieri, in ciò che riusciamo a provare assaporando ogni giorno nella maniera a noi più congeniale.. e non stiamo vivendo quando andiamo a consumare!

Per cui consumate di meno e vivete di più!

3 giugno 2015

Non sopporto JOVANOTTI

Il grandissimo poeta (LOL) Jovanotti bacia il culo ai magnasghei, dicendo che i giovani volontari che lavorano, appunto gratuitamente, ai grandi eventi, fanno bene perché fanno una bella esperienza e gli resta qualcosa dentro (un cxxxo in cxxo? LOL).

Mah, in parte è vero, molti vivono solo per gli eventi e son disposti a tutto per farne parte, a me invece non frega nulla dei ritrovi di massa, quindi forse non ci lavorerei neanche dietro pagamento, ma oggi come oggi dove pure i laureati hanno le pezze al culo, è possibile lavorare gratis? E per avere dei pensieri profondi che centrano i grandi eventi? Non bastano i libri e le riflessioni, le esperienze personali?

Si presuppone che questi volontari siano stati ben scelti, magari sono laureati o laureandi, e lui che esempio fa? Dice che a 14-15 anni fece da volontario nelle varie sagre del suo paese.
AH AH AH, ma in una sagra paesana il giro d'affari è piccolo, può essere normale non venire pagati, ma l'EXPO o ogni altro grande evento fa girare MILIONI di EURO, c'è gente che può far vivere di rendita la propria famiglia da qui alle prossime 10 generazioni, e i giovani con le pezze al culo devono lavorare aggratis?

Questo o è pazzo o è un servo!


Renzi come Alessandro Borghese

Renzi è un po' come Alessandro Borghese, lo chef più massmediatico, più bucaschermi che ci sia, ovvero è sempre ottimista anche se le cose gli vanno parzialmente male.

Mi spiego..

Il PD ha fratture interne? Che se ne vadano questi antagonisti, questi scissionisti o chiamateli come volete. Noi siamo il partito della nazionale, il graaaande partito!!!
Il PD ha perso un bel po' di voti? Embé? Intanto abbiamo più regioni rispetto al centrodestra!

Anche questa è una bella tecnica mentale per continuare a vivere con lo stesso stile. Guardare il bicchiere mezzo pieno aiuta molto.

L'ho paragonato a Borghese perché questo è sempre sorridente, piacione, ecc., anche se si parla più dei suoi programmi che dei suoi piatti e anche se in un suo vecchio programma soltanto la metà dei suoi piatti ottenne un voto positivo dalla giuria di turno, eheh, vabbé son sciocchezze, ma ho appena visto a riguardo una sua intervista.