2 aprile 2015

10 ANNI SENZA IL POLACCO

Oh merda nooo, oggi è il 10° anniversario della morte del papa polacco e quindi tutti quanti, in particolar modo i vecchi e i giornalisti, passeranno l'intera giornata a sperticarsi in lodi verso la sua figura di uomo, di pontefice e verso il suo operato!

Purtroppo ancora oggi siamo avviluppati in questa matassa di tonache puzzolenti venerate come se davvero chi le porta addosso fosse il rappresentante in Terra di un'entità divina ma simil-umana (guarda caso l'idea di dio è un'idea totalmente umana e antropocentrica), quando invece si tratta di uomini normalissimi che hanno trovato la via dell'illusione fatta di favolette, a volte truci, e di truffe (in primis al povero Stato italiano che però è complice) e che da sempre nella Storia hanno usato la religione per piegare ai loro voleri intere popolazioni nel MONDO.


La RELIGIONE non è oppio, bensì un CANCRO che annienta la libertà delle persone, a volte gli prende la vita, ma che continua a definirsi importante se non basilare cioè fondamentale.

Purtroppo la "gente media in tutto media" (cit. Fulvio Abbate di Teledurruti) non arriverà mai a pensare a queste cose, ma si limiterà a constatare i 10 anni dalla sua scomparsa e che la Chiesa Cattolica (così come ogni altra chiesa e religione) abbia un senso, che davvero è nata per volere divino, ecc.
La gente cioè si attiene ai fatti, non scava in profondità o non guardo cosa c'è dietro, i perché e i percome nasce una certa cosa, come si sviluppa, le conseguenze della sua esistenza, ecc. No, "10 anni dalla morte del papa polacco, piangiamolo, preghiamo e applaudiamo", stop, questo è il succo di questa giornata per la gente media.

TI POTREBBE INTERESSA: I MIRACOLI DEL PAPA POLACCO

Nessun commento: