3 dicembre 2009

NoBDay NoRai

Il NO B DAY, l'evento manifestazione contro Berlusconi ed il berlusconismo che si terrà il 5 dicembre a Roma, non sarà trasmesso in diretta dalla Rai.
E Di Pietro, per ciò, ringrazia il PD (link La Repubblica).

Qui il video su Youtube, coi motivi per cui bisogna manifestare contro Berlusconi.

La Rai, come al solito, si dimostra filo governativa, ovvero parla solo ciò che il capo (Berlusconi) consente. Infatti, anche le manifestazioni di piazza indette dal comico/politico Beppe Grillo non vennero seguite in onda, giusto per poterne sparlare liberamente posticipatamente tagliuzzando frasi ed evidenziando certe parole.

Un grande lavoro di taglia e cuci che sarà eseguito sicuramente anche questa volta.
D'altronde, non ci si può aspettare una corretta informazione che rispetti i voleri e le parole dei cittadini, se il servizio pubblico è lottizzato, privatizzato dagli uomini del PDL nati per difendere il capo e le sue aziende.
La Rai ogni giorno che passa scade sempre più in basso, con giornalisti che farebbero meglio a fare i giornalai (siccome sanno solo riportare dichiarazioni o notizie controllate a monte e lecchinare senza mai controbattere come farebbe un collega anglosassone), con politici che fanno i latifondisti pronti a cacciare con qualche pedata nel culo giornalisti faziosi, per avvantaggiarne altri, di faziosi, ma che stanno dalla parte "giusta".
Tanti anni fa, in RAI, era possibile vedere ed ascoltare gente come Montanelli, Moravia e Pasolini.
Poi son arrivati i vari Mike e Pippi e Silviucci e...buonanotte al secchio!

Il problema della RAI non è il canone, che anzi è il più basso d'Europa (link Nuovofiscoggi), ma l'assenza di libertà e le continue intimidazioni verso programmi scomodi perchè rivelano tutto il marcio della politica e dei legami con imprenditori truffaldini e criminali vari. Chi non vuole pagare più il canone? Guarda caso, i pidiellini ed alleati vari, giusto per favorire Mediaset, ovvero l'unica rivale.
Se non fosse per la nostra debole democrazia e per la Giustizia che cerca di non farsi stuprare da qualche vecchio porco brianzolo, non avremmo Report di Milena Gabanelli e neanche Annozero con Michele Santoro. Purtroppo, a volte, ci sono clamorosi inciuci fra destra e sinistra, infatti cinici, divertenti e colti comici come Daniele Luttazzi e Paolo Rossi possono regalare perle a pregiate orecchie solo nei teatro, dove appunto c'è il loro pubblico, e non ai porci tramite la tv.


Nessun commento: