4 dicembre 2009

Pentiti faziosi

I pentiti sono quei mafiosi che, una volta arrestati, per proprio convincimento o in cambio di una detenzione meno dura, diventano collaboratori di giustizia, ovvero "tirano fuori il rospo".

In questi giorni, un pentito è di fondamentale importanza per il processo contro un deputato della Repubblica italiana, tale Marcello Dell'Utri, già condannato in primo grado a 9 anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa.
Il pentito prende il nome di Gaspare Spatuzza, mentre un suo ex collega, che sta scontando l'ergastolo senza essersi pentito, si chiama Filippo Graviano.

Il primo, che fa il nome di Berlusconi parlando dei legami fra mafia e politica, è malvisto dai pidiellini che lo reputano fazioso.
Filippo Graviano, invece, che afferma di non aver mai avuto legami con l'imprenditore e politico brianzolo, è reputato una ottima fonte, per il semplice motivo che nega le dichiarazioni del primo.

Perchè non si fidano di Spatuzza?
Perchè è un mafioso. E Graviano cos'è?

Il primo è un pentito che s'è dissociato da Cosa Nostra nel 2000, il secondo no.
Perchè voler credere ad un criminale non ancora pentitosi dei suoi trascorsi malavitosi, che quindi non ha alcuna intenzione di "vuotare il sacco", e invece non credere a chi parla perchè schifato dai vecchi rapporti?

Evidentemente perchè quelli del PDL han tutte le loro "buone" ragioni per fidarsi solo di uno di questi due criminali, essendo in palese contraddizione con l'altro.

Abbiamo politici ridicoli, che non si vergognano di queste loro contraddizioni, anche perchè dalla loro hanno un'informazione altrettanto collusa (non con la Mafia, ma coi politici) che taglia le notizie.
Infatti, tramite il TG1, abbiamo potuto ascoltare le dichiarazioni di Dell'Utri e di tanti ministri del Governo Berlusconi IV, secondo i quali è assurdo fidarsi delle dichirazioni di un (pentito, ndb) mafioso, perchè la Mafia vorrebbe buttare giù il Governo Berlusconi, in quanto molto duro verso la criminalità organizzata (ma quando mai? Le indagini e gli arresti li fanno PM e Polizia, tra l'altro con l'ausilio delle odiate, dal PDL, intercettazioni. Ma ari-quando mai? Lo Scudo fiscale, la messa all'asta dei beni sequestrati ai mafiosi, ed anche la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina, son tutte operazioni che possono favorire i mafiosi).
Peccato che Spatuzza sia un dissociato dal 2000, mentre loro, i nostri governanti, si fidano di Graviano, che non è un pentito, ma che viene difeso perchè non fa i nomi di Berlusconi e Dell'Utri, ovvero "è un eroe" come Mangano. Per loro, dunque, ha le carte in regola per entrare nell'olimpo degli eroi perchè sta zitto.
Il TG1, oltre a non dire da che parte stà il PDL, continua ad elencare i peccati delittuosi di Spatuzza, come se quest'altro mafioso incarcerato, non ne avesse mai commessi.

Ridicoli sono pure quelli che confidano in Spatuzza per eliminare Berlusconi dal mondo libero, ignoranti del fatto che fu uno spietato killer. Pentito sì, ma se ci si fida ciecamente di un (ex) mafioso, allora ci si dovrebbe fidare ciecamente (anzi, in modo ancora più cieco), delle quotidiane balle di Berlusconi.

Fosse per me i pentiti non esisterebbero.
Chi compie omicidi e stragi non se ne potrà mai pentire ed inoltre, gente così disumana, non farà mai niente per niente.

Detto questo, spero che certe dichiarazioni possano trovare riscontro con determinati fatti certi, ma sicuramente,
un Presidente del Consiglio accusato di codesti legami, non dovrebbe avere la possibilità di continuare a svolgere il suo delicato compito istituzionale (mentre potrebbe continuare la sua libera professione privata, forse).

Siccome Berlusconi accusa certi pentiti di voler combattere le azioni del Governo tramite dichiarazioni assurde, è bene ricordare che il nome di Berlusconi, è presente nelle indagini relative alle stragi mafiose dei primi anni '90, da più di 10 anni.
Basta sfogliare gli archivi dei giornali.

Ecco le dichiarazioni dei politici del PDL:

Dell'Utri: "Mai conosciuto i fratelli Graviano. Cosa Nostra vuole buttare giù il governo"

Berlusconi: "E' un'assurda macchinazione. Accuse folli, preoccupato per immagine Italia ma sara' boomerang"

Bonaiuti: "La Mafia attacca Berlusconi perchè la combatte"

Frattini: "Le accuse fanno parte delle attività eversive a cui sempre la Mafia si è dedicata. E' una vicenda indegna di uno stato di diritto"

La Russa: "La mafia non ha più bisogno di fare vendette con violenza, se si dispone dell'arma dei pentiti non c'è bisogno di uccidere i politici, basta infangarli"

Sacconi: "I pentiti possono svolgere un ruolo strumentale in funzione di disegni criminali. La stabilità democratica non può essere consegnata nelle mani di criminali e dell'effetto annuncio di loro dichiarazioni che non troveranno mai conferma"

Prestigiacomo: "Indignata, perchè si accredita un feroce animale"

Ronchi: "Le parole di Spatuzza addolorano chiunque abbia a cuore le sorti dello stato di diritto e il buon nome dell'Italia nel mondo"

Altri miei articoli recenti:
"Berluscones bugiardi"
"NoBday NoRai"
"Berlusconi spara, strozza ed è amico di comunisti"

Nessun commento: