19 ottobre 2010

Venditori servi

Ci sono dei giovini volentorosi, uh, che per campare (loro in realtà lavorano sperando di poter fare la bella vita) vanno in giro ad offrire i servizi (che deriva da servitù) di un'azienda "multiutility" che pubblicizza e realizza contratti per conto di altre aziende che ci forniscono di luce, gas, telefono, etc.

Insomma, dei veri servi delle grandi aziende che già ci fracassano le orecchie e la vista con la pubblicità per Tv, per le strade, per telefono e da un pò di anni anche scampanellando di casa in casa, appunto.

Loro, di loro, non offrono niente, non hanno virtù, sono semplicemente degli intermediari e non esiste figura più sciatta e per me viscida. Perché? Per il semplice fatto che la loro vita consiste nel fare i pubblicitari (figura che io già abolirei dalla faccia della terra; come disse Bill Hicks "Pubblicitari, uccidetevi, non sto scherzando, dico seriamente") ma con un'arma in più, quella di essere di fronte a te e con una penna in mano da mettere nella tua per farti comprare cose senza che tu le possa confrontare con i rivali.
Sono tantissimi i vecchietti che firmano sia perché sperano di risparmiare, sia perché, reputandosi ignoranti in fatto di nuove tecnologie, nuove leggi e via dicendo, si fidano di gente in giacca e cravatta che probabilmente di buono ha solo il vestito.

Tempo fa ci fu una polemica perché entravano nei vari condomini spacciandosi per dipendenti Enel, mentre in realtà non lo sono. Ora, anziché rispondere al citofono dicendo "Enel" (o altro), dicono "lettura luce". Ancora peggio secondo me, siccome in questo modo la gente non pensa affatto che possa esserci un rompipalle, ma è sicura al 100% che si tratti di un vero tecnico Enel!
Gli insulti se li meritano tutti.

Per campare* in questo mondo bisogna fare i servi.
PS: e quando dico campare intendo proprio campare, cioè tirare avanti, perché facendo il servo non ti riempiono d'oro..aaaah l'etimo quant è importante.

Nessun commento: