7 aprile 2011

Buoni sì ma fino a un certo punto


Sono contro alla lotta fra poveri, ma l'Africa ha 50 milioni di abitanti, pochi rispetto al suo enorme territorio, ma tantissimi nel caso optassero tutti per venire in Italia, quindi basta coi buonismi.

Aiutiamo chi ha bisogno, non chi scappa così tanto per cambiare vita se poi qua non può avere sbocchi e soprattutto smettiamola di pensare che siano tutti poveri innocenti, altrimenti non si capirebbe da dove spunterebbero tutti quegli spacciatori e stupratori di cui sono ricche le nostre città!
Facile parlare quando si vive in un quartiere "alto" o quando la propria zona è controllata dalle forze dell'ordine se si ha la fortuna di vivere vicino al centro di una medio-grande città, ma chi vive in periferia subisce le aperture dei buonisti che tanto non notano le conseguenze.

In questi giorni ha destato polemiche un articolo di Guido Ceronetti per La Stampa, riassumendo brevemente il quale si può desumere che saremmo presto invasi e che esponiamo i tricolori come istinto di sopravvivenza. Beh, considerando che molti giovani o non hanno lavoro o sono costretti a fare lavoretti scabrosi, mi pare che questa sensazione sia giusta e per nulla scandalosa, perchè se spalancassimo le porte al Nord Africa e al Medio-Oriente più altri Paesi africani, vorrebbe dire davvero creare le condizioni per una guerra fra poveri: poveri africani e poveri italiani.

4 commenti:

Inneres Auge ha detto...

Certamente qualche delinquente c'è, però sono esseri umani che non meritano di esser trattati come pacchi

Danx ha detto...

Certo, l'ho scritto anche io in un altro recent post, ma in giro si sentono solo estremi: "poverini, non dobbiamo fare i razzisti, fanculo a chi detta allarmismi" che secondo me ci stanno, oppure il contrario..
Le nostre città sono piene di nord africani poco di buono, non capisco perchè accoglierne ancora..a me non piacciono. Aiutiamo le donne, i bambini, i ragazzi no grazie.

Inneres Auge ha detto...

IO mi preoccupo prima dei nostri criminali.

Danx ha detto...

Una volta che dei criminali sono presenti qui, non ci sono nè nostri nè miei, nè loro nè altro..
La Legge non bada a sesso, razza, religione, ecc.