17 giugno 2013

Lacrime d'amore in Turchia

7.500 persone ferite in Turchia e l'ambasciatore turco a Roma cosa fa? Va ad una mostra intitolata "Acqua, come lacrime d'amore" (carpe diem! Proprio quando la sbirraglia turca è accusata di immettere sostanze nocive nell'acqua usata dagli idranti), per poi dire che non è in atto una guerra civile e che la democrazia turca non è inferiore a quella presente in altri Paesi occidentali.

Peccato che poi si viene a sapere che un turco su due non si sente libero di poter esprimere le proprie opinioni!

FONTE: Huffington Post

Nessun commento: