2 luglio 2013

Come ti giustifico gli stupratori, bleah

Ho saputo di un giornalista del Secolo XIX che si è scandalizzato alla vista di ragazzine mezze nude che si lanciavano gavettoni in un parco.

Data l'età (minorenni), il caldo, la voglia di giocare e d'estate, non penso si fossero vestite una certa maniera per provocare. Che poi in spiaggia si va ancora meno vestiti.. dunque?

Dunque gli stupratori sono feticisti dei mini-shorts e snobbano i bikini?
Dunque certe violenze sessuali sono giustificabili per via dell'abbigliamento? Dunque se vado in giro mostrando i pettorali le donne possono venirmi addosso a leccarmi e graffiarmi e fare tante altre cose? Il corpo è mio e decido io come mostrarlo e quanto mostrarlo, nei limiti della decenza e in base a dove sono e a cosa sto facendo. Se sto giocando con l'acqua in un parco d'estate, è anche normale avere pochi vestiti.. che gente idiota che c'è in giro, e più che idiota anche pericolosa perché sotto-sotto spaccia a profusione le sue "idee" catto-talebane.

Ma scandalizzarsi per chi si scandalizza, no?

Nessun commento: