15 ottobre 2009

Binetti e il reato di omofobia

Nuovo problema nel Partito Democratico, infatti, la legge che avrebbe incrementato le pene per chi commette reati verso gli omosessuali, la cosidetta Legge Concia che prende il nome da una deputata laica del PD, non è diventata tale per la pregiudiziale di incostituzionalità sollevata dall'Udc di Pierferdinando Casini e votata da tutto la destra, tranne i finiani del PDL, più il centro rappresentato dall'UDC. In sintesi: 285 voti favorevoli, 222 contrari e 13 astenuti. Nelle file del PD si smarca dalle scelte del partito, il famoso membro femminile dell'OPUS DEI, ovvero Paola Binetti, la quale ha affermato di aver agito contro il suo partito, poichè da tale legge poteva risultare reato la sua opinione verso l'omosessualità (link).
La legge avrebbe equiparato i reati contro i gay a quelli commessi per motivi razziali, perchè, come dice Paola Concia, "in entrambi i casi la violenza viene perpetuata in ragione di una condizione".

Ma per il Parlamento è incostituzionale, perchè
«la disposizione viola il principio di uguaglianza sancito dall’articolo 3 della Costituzione con riferimento al canone della ragionevolezza in quanto: l’inserimento tra le circostanze aggravanti comuni previste dall’articolo 61 del codice penale della circostanza di aver commesso il fatto per finalità inerenti all’orientamento sessuale ricomprende qualunque orientamento ivi compresi incesto, pedofilia, zoofilia, sadismo, necrofilia, masochismo eccetera; non essendo possibile accertare nell’interiorità dell’animo l’autentico movente che spinge alla violenza, ne conseguirebbe che chi subisce violenza, presumibilmente per ragioni di orientamento sessuale, riceverebbe una protezione privilegiata rispetto a chi subisce violenza tout court. Si introdurrebbe quindi un trattamento diverso nella commissione di delitti non colposi senza alcuna ragionevole giustificazione».

Paola Concia, e non solo lei, è molto arrabbiata per l'ennesima contrarietà della sua collega di partito Binetti alla laicità e ai diritti delle minoranze e afferma di vergognarsi di far parte del Partito Democratico (link). Anche Franceschini e Bersani non sopportano più la loro collega che si trova nel PD come un pesce fuor d'acqua, o come una convertitrice cattolica fra i Masai. Il primo afferma che "ci potrebbero essere problemi per la permanenza della Binetti nel PD" (link), mentre il secondo dice che se alla primarie la Binetti voterà per lui "dovrà accettare le regole" (link).

La Carfagna però, promette presto una nuova legge contro l'omofobia (ma non a favore dei matrimoni gay. Quindi lei li discrimina, negandogli diritti fondamentali nel caso 2 omosessuali stiano insieme, e poi li difende, mah). Dice che "serve, ma non oggi". Se serve è al presente, perchè non oggi? Vabbè, era una velina, mica una maestrina.
Se una legge contro l'omofobia ci sarà, che sia solo del PDL, non si vorrà mica una legge fatta dal PD nel quinquennio del duce di Arcore?

Il problema dell'omofobia si fa pressante, per via dei continui attacchi che la comunità subisce, ma secondo me le violenze compiute a danni di persone per via della loro condizione, non si fermano a fattori di razza ed orientamento sessuale. Infatti ve ne sono anche verso ragazzini etero da parte dei compagni bulli e verso mogli da parte di mariti buzzurri. Quindi che fare, inasprire le pene per i reati commessi contro ogni categoria? Prima lo stalking, poi il mobbing, e ora cosa, l'omofobbing? Se una donna subisce molestie sul posto di lavoro e, ad esempio, sul bus, perchè dev'essere maggiormente punito il datore di lavoro? Se un uomo picchia un etero ed un omo, perchè dev'essere maggiormente punito se picchia il secondo?

Inaspriamo le leggi, sempre, per ogni tipo di violenza!

Così come c'è chi picchia una persona solo perchè gay, c'è chi picchia un coetaneo perchè più studioso che copione, perchè pallavolista anzichè calciatore, ad esempio. Come si nota, c'è sempre una ricerca del più debole, la motivazione sta nel sopprimere il diverso, diverso sia intellettualmente, che fisicamente. Quindi se picchio un gay non sono maggiormente criminale o due volte criminale, ma sono un criminale e basta o perlomeno un malato di mente!
Ognuno di noi, in certi momenti, vorrebbe scagliarsi con foga contro una determinata categoria: ultras distruttori, vigili rompipalle, idraulici ladri, donne e vecchi al volante, tamarri, e cosi via, ma sarebbero assurde nuove leggi per difendere elettricisti ed idraulici.

Per quanto riguarda la Binetti, spero resti nel PD, perchè un partito che si dichiara democratico, quindi aperto a tutti, deve rispettare le idee di ognuno, anche se estreme, perchè comunque nate da una persona e da tutta una certa cultura. O viene rifondato il partito nominandolo, come vorrei io, Partito Laico (PL), o deve accettare i cattolici non laici, anche perchè non è certo la sola Binetti a creare problemi nel PD, ma tutta una serie di comportamenti di altri membri, anche famosi, verso il conflitto d'interessi berlusconiano e verso altre leggi incostituzionali ben più importanti, come appunto lo scudo fiscale menzionato prima. E che dire di chi, come dice Padellaro nel Fatto Quotidiano odierno, recluta nel partito tutti quanti per far numero o di quelli che rubano nella sanità (come in Puglia)?

Link:
Omofobia, affossata la Legge Concia, il PDL la blocca, polemiche nel PD (La Repubblica)
Omofobia, la Camera affossa la Legge Concia
(LA7)

3 commenti:

Bastian Cuntrari ha detto...

Se non ho capito male, Danx, la legge intendeva sancire l'equivalenza tra le discriminazioni causate
da motivi razziali e quelle causate dall’identità di genere o dall’orientamento sessuale delle persone
, il che - la normativa precedente - non faceva (Legge Mancino, art. 3, qui).
Gli altri casi che citi, e che sono tanti, credo prevedano l'aggravante dei "futili motivi".
Piccolissima precisazione: non tutta la destra ha votato a favore della pregiudiziale dell'UDC. I "finiani" hanno votato contro, come l'opposizione.

Inasprimento delle pene? Magari!
Se inizi a raccogliere le firme, sarò il tuo primo supporter e seguace.

Danx ha detto...

Si, hai ragione, ma non si potrebbe equiparare ogni violenza? E più pene per chi picchia un nero, e poi per chi palpa la collega anzichè una sconosciuta ed ora per chi picchia i gay. E come dico nel mio articolo, a quando una legge per punire maggioramente chi picchia un idraulico?

I gay sono persone particolari? Per me si, però vogliono essere considerate normali.

Secondo me non vengono puniti a dovere già i menatori che colpiscono altre "categorie", quindi concentriamoci sulla totalità degli indifesi che subiscono pestaggio.

lotarino ha detto...

C’è davvero bisogno della legge Carfagna sull’omofobia o basterebbe applicare bene le leggi che già ci sono???
http://www.loccidentale.it/articolo/la+legge+carfagna+sull%27omofobia+sar%C3%A0+pure+una+buona+legge+ma+di+certo+non+%C3%A8+liberale.0080456
http://www.facebook.com/pages/LOccidentale-Orientamento-quotidiano/153413827518