10 marzo 2010

MILLzolini

Dopo la famosa "gaffe" del TG1 di Minzolini sulla prescrizione che ha salvato Mills da una certa condanna, scambiata, dai nostri ignorantissimi e vendutissimi giornalisti di regime senza dignità, alcuna per un'assoluzione, questa sera, 10 marzo 2010, hanno pensato bene, questi leccaculo, di continuare la loro opera di disinformazione di massa!

Oggi il premier Silvio Rubesconi, ehm, Berlusconi, ha tenuto una conferenza stampa in cui era tenuto a rispondere, ma solo a domande preconfezionate. All'intervento di un giornalista freelance, il "nano malato" ha risposto piccato ed è prontamente arrivato il diavolo La Russa, ringhiando come Rino Gattuso, per portare via questo maledetto libertario con un pericolosissimo taccuino in mano.
La domanda del giornalista freelance era basata su una recente frase di Fini, in cui quest'ultimo affermava che non sarebbe sceso in piazza col PDL per la prossima manifestazione contro la decisione del TAR del Lazio di escludere questo partito-azienda (che sforna leggi ad aziendam per far arricchire brutalmente e senza contegno Mediaset), poichè rappresenta lo Stato, in quanto Presidente della Camera, e non solo un partito.

Bene, per il TG1 di Augusto Minzolini (o Scondizolini, o Millzolini), questo acuto giornalista sarebbe un disturbatore.
Chi riporta frasi di Gianfranco Fini, per creare magari un interessante dibattito, diventa un disturbatore, DIS-TUR-BA-TO-RE al livello di Paolini.

Questo è regime, anche se Berlusconi, per la milionesima volta, in veste di vittima giudiziaria, ha accusato la Sinistra di comportarsi come i comunisti in Unione Sovietica perchè han fatto di tutto per eliminare il PDL dalle prossime elezioni regionali.
Di tutto? Eliminare?
I Radicali (sinistra?) han fatto ricorso perchè la lista laziale è stata presentate fuori tempo massimo, mentre in Lombardia si parlava di 1.500 firme false (e Formigoni per la legge sarebbe incandidabile, ma lui e tutti quanti se ne fottono).
Nessuno vuole far fuori il PDL (ci avrebbe già pensato la Giustizia, se non fosse stata sempre bloccata da "leggi vergogna"), infatti nelle altre Regioni sarà presente senza alcun problema!

Il problema ce l'hanno gli italiani, avendo un premier che sbraita contro magistrati, giudici, opposizione e giornalisti. Crea un clima veramente odioso, con un'aria irrespirabile per le sue solite fuoriuscite lacrimonigene. Il partito dell'amore è strapieno di gente furente con chi la pensa diversamente e/o autonomamente.

Quando Berlusconi sbraita, è perchè sente che qualcuno gli è alle calcagne o perchè vuole girare la frittata: lui e i suoi manager hanno corrotto dei finanzieri? Bene, calunnia i magistrati del Pool di Mani Pulite additandoli come eversori della democrazia. Così la gente a casa che ascolta lui e i suoi TG, gli credono. Questo vale in ogni occasione.

Attenzione!

2 commenti:

Alessandro Tauro ha detto...

Penso che quando si è invischiato nel paragone tra "radicali" e "bolscevismo" ha mostrato il massimo della sua inventiva ed originalità!!

Per la cronaca - notizia mai trattata dalla stampa - il decreto del PDL consentiva ai ritardatari di ripresentare tutte le liste il giorno dopo l'entrata in vigore del decreto stesso. Il PDL invece ha presentato le liste il giorno stesso dell'approvazione, violando ulteriormente la legge che si erano scritti da soli appena 3 giorni prima! FENOMENI!

Danx ha detto...

Ciao Alessandro, grazie di questa clamorosa illega news eheh
Io erroneamente pensavo che valesse solo per il PDL (beh certo in fondo l'han fatto per loro il decreto..), invece come tu giustamente scrivi, vale anche per gli altri partiti.