30 luglio 2011

Tornando sulla Norvegia

..che poi chi pensa che in Norvegia un attentato, una serie di omicidi simili fosse una cosa impensabile, non capisco dove abbia vissuto fino ad ora.
Cavoli(cchio), la Norvegia è la patria di Burzum, mica cavol(fior)i!

La gente comune, ovvero la maggior parte della gente, tende ad associare ad un Paese un tipo di persona valido per tutti gli appartenenti a quel posto. Così, se si vive in Scandinavia, si sarà per forza belli, bravi e buoni.
Ma no, anche lì la normalità (soprattutto lì dove forse le persone più esuberanti si notano subito e subito vengono estromesse), norma non scritta che regola il nostro vivere in società, genera mostri, perchè è un'imposizione e a questa (quando si nota l'ipocrisia della parola libertà) si può reagire o tuffandosi nell'arte o sfogandosi in altra maniera, tra cui questa..

Non voglio giustificare nessuno, asserisco semplicemente il fatto che nè prima nè dopo la comparsa di assassini e nazisti vari, si sarà al sicuro. Prima non era il Paradiso e neanche dopo lo sarà.

Nessun commento: