15 aprile 2012

Idea per il PIL

I politici non si curano del benessere, del bene comune, ma come bravi studentelli badano ai numerini, infatti stanno sempre a parlare di PIL e crescita, crescita del Pil, mica d'altre cose.
E questo l'ho detto già miriadi di volte. E già 40 anni fa, se non di più, Robert Kennedy di scagliò contro questo traviante dato.

L'industria produce e vende di meno? E vabbè, se non c'è richiesta che si può fare?
Non è che se ho un'auto da 10 anni, solo perchè la Fiat è in crisi, ne devo comprare una nuova. Sarebbe da schiavi dell'economia (che poi, prima di comprarne una nuova, uno farebbe bene a guardare quelle a KM0 e quelle usate, ce ne sono un'infinità, pensate che spreco!). E questo vale per ogni altro prodotto: se ho un computer che nonostante tutto funziona, mi permette di compiere azioni basilari, perchè cambiarlo? Solo perchè se non ho il nuovo sistema operativo o programma per foto e video sono fuori dalla gente cool? Ma và! Che poi, certo, molti prodotti hanno una durata predefinita, dopo un tot di volte che li si usano, essendo delicati in punti ben precisi, si rompono.

Quindi, se l'economia non cresce, vuol dire che oltre ad una crescente povertà, c'è anche un intelligente riuso, riutilizzo e la presenza, forse, di prodotti che durano abbastanza. Quindi dovremmo esserne contenti.
Oltre alle industrie, anche gli operai e gli impiegati e tutti quanti gli altri hanno meno soldi? E vabbè, che si badi all'essenziale, che si badi alla vita vera, non all'accumulo di merce nuova che diventa presto munnezza inquinante!

Comunque, un'idea per fare lavorare la gente (che altrimenti morirebbe di noia nel vero senso della parola, o tramite l'alcol o tramite colpi di pistola) ce l'ho: che si sistemino tutte le strade che presentano buche!
E tutte le scuole con tetti pericolanti e con ancora l'amianto!

2 commenti:

Francesco Zaffuto ha detto...

di lavoro utile no ne manca: tutto il necessario sviluppo nelle energie rinnovabili; disinquinamento del territorio e dei fiumi; riciclaggio delle materie e dei rifiuti; agricoltura con criteri biologici e biodinamici; allevamento con criteri meno mostruoso per gli animali; prodotti a basso impatto ambientale; le stesse auto con criteri meno inquinanti; assistenza alle persone anziane; ecc ... ecc ... fino al lavorare per abbellire le città grige ... ciao

Danx ha detto...

Dici bene, bisogna fare certe cose perchè c'è necessità, non certo per il pil!