14 aprile 2012

Grazie religione. Honduras come l'Iran

Per i religiosi monoteisti patriarcali, la donna viene dopo l'uomo ed è schiava dell'uomo, per cui se l'uomo la mette incinta anche commettendo violenza, cioè stuprandola, lei deve accettare ciò e non andare contro natura, quindi farsi crescere il pancione e dopo 9 mesi dare al mondo un altro inutile e dannoso essere umano, anzi no, scusate, un fantastico bambino che da grande sarà sicuramente bravo buono e bello (ci sono pochissime probabilità, ma voi abbiate fede).

La religione di cui tutti si sentono parte per via naturale (?) è violenta nella concezione e nella pratica.
Ci sono Stati religiosi non solo in Medio-Oriente, bensì anche in Sud America. Infatti in Honduras, le donne che usano la pillola anti-concezionale del giorno dopo per evitare che lo sperma fecondi l'ovulo (o una cosa simile, scusate ma sono ignorante!), rischiano di finire in carcere per il motivo sopracitato e anche per via di una gretta ignoranza (la mia invece è bonaria): secondo certi parlamentari che credono di legiferare in nome di dio (ovviamente minuscolo) e non in nome delle persone del proprio Paese che dovrebbero trattare bene, queste donne non starebbero prendendo una precauzione per non rimanere incinte, ma starebbero abortendo.

Giocano sull'ignoranza degli honduregni, sicuramente molto più assoggettati al potere di noi e schiavi della religione, per cambiare la verità, la realtà e fare del male a chi si vuole ribellare al patriarcato.

FIRMATE LA PETIZIONE DI AVAAZ.ORG

1 commento:

Inneres Auge ha detto...

la religione serve proprio a reprimere la sessualità, eppure molte persone (miliardi!) non lo capiscono. Più passa il tempo e meno sopporto chi crede anche se non fa danno agli altri e purtroppo ho una famiglia con vari credenti alla vecchia maniera (non nei metodi per fortuna ma nelle tradizioni si).