4 aprile 2012

Non imitate nessuno

Ascoltavo lo "scrittoio" Fulvio Abbate, pochi minuti fa e diceva che è assurdo imitare il grigiume di Monti.

Come dire: se c'è un Silvio coi suoi molteplici difetti di varia natura, ben venga la satira.
Ma perchè? Anche io trovo assurdi e inutili le imitazioni, ma non solo di Monti, bensì di tutti quanti.
Come perchè? Ma perchè servono per farci sorridere, per farci sopportare il potere, il dominio di pochi a discapita di masse immense che non hanno mai deciso di vivere in questo mondo/modo piramidale.

Mario, Silvio..per me sono uguali, stanno al di sopra di tutti (vabbè, di tutti tutti no, visto che secondo me i politici prendono ordini dagli industriali che, facendo più o meno crescere l'economia e avendo interessi miliardari, stanno sempre al telefono coi politici, politici che mica prendono il caffè con noi porazzi, dei porazzi se ne ricordano solo quando crepano, così vanno ai funerali, piangono, e se beccano una vagonata di voti da fette di popolazione schiave anche nel cervello), quindi l'unica è criticarli. Se voglio divertirmi guardo e ascolto altro, perchè imitazioni di politici???

2 commenti:

Inneres Auge ha detto...

la satira è la migliore forma di giornalismo, secondo me.

Danx ha detto...

Io sono per l'imitare solo gli amici, come fa Walter Morelli con Serafino Massoni, non so se li conosci..cerca sul Tubo!

Per la cronaca, basterebbe elencare i fatti senza troppa ciccia, senza troppe parole. Tizio ha detto X, è stata votata la legge Y. Stop!