9 giugno 2012

Se un massacro non è da punire, non lo dev'essere neanche una bomba

Che bel Paese l'ItaGlia, pieno di persone oneste, anzi, che bello Stato che si ritrova a subire l'ItaGlia, pieno di criminali!

In questi giorni la gente se la prende, giustamente, in modo assatanato col pazzo criminale che piazzò un ordigno dinnanzi ad una scuola di Brindisi, però la gente si ferma lì, vive nel presente, così c'è bisogno di un commento come questo per ristabilire un po' di verità storica:

"Non è consentito mettere bombe all'ingresso di una scuola, ma è consentito spezzare teste, braccia, gambe, costole,tagli a persone giovani che dormono all'interno di una scuola , c'è in tutto questo qualcosa che non riesco a capire"

Questo è un bel commento che ho trovato nel sito del Fatto Quotidiano, sotto un odierno articolo sui sanguinosi pestaggi del G8 del 2001. Manca poco tempo per vedere condannati 3 pezzi grossi.

Nessun commento: