19 aprile 2015

Perché non dobbiamo piangere per gli africani morti

AGGIORNAMENTO:
OGGI PER STRADA DIETRO CASA MIA HO VISTO DUE COPPIE DI NIGERIANI.. E RIDEVANO TANTISSIMO, NON RIUSCIVANO A SMETTERE.. e se ridono loro perché dovremmo piangere noi che non ne possiamo nulla??? 

Ormai ogni giorno ci sono decine se non centinaia di africani migranti morti nel Mar Mediterraneo per colpa dei trafficanti di uomini che in cambio di tantissimi soldi mandano a morire i loro "fratelli" africani su imbarcazioni totalmente inadeguate, soprattutto quando la quantità di migranti è pazzesca.

Noi italiani però non dobbiamo piangere questi morti perché non abbiamo detto loro di attraversare il mare, non abbiamo dato loro i gommoni o altre imbarcazioni, non abbiamo detto loro quando partire, noi abbiamo fatto niente di niente.

Tra i morti ci sono anche dei nigeriani, ma in Nigeria c'è Internet, per cui è impossibile che non conoscano i rischi.

Ovviamente questo post è alquanto provocatorio, perché è impossibile non piangere quando muoiono disgraziati in mezzo al mare, portandosi dietro storie di dolore amore e speranza.
Ciascuno di noi poteva benissimo nascere nel "posto sbagliato" e rischiare di morire così..
Il mio post riguarda però l'ipocrisia della gente che piange i morti solo perché sono 700, se ne fossero morti 2-3 avrebbero detto "eh vabbé cose che capitano, dai sono pochi.." Sì, saranno pochi, ma quei 2 o 3 sono morti quando volevano continuare a vivere.. Ipocrisia che non finisce qui ma che consiste anche nel curarsi del prossimo lontano, fregandosene del prossimo vicino. Perché la gente ormai ha capito che per andare avanti bisogna fregarsene del proprio vicino, sia mai che aiutandolo possa divenire più ricco di noi, ecc., ecc. Molto più facile fregarsene come fanno tutti (seguendo la massa, d'altronde fin da piccoli ci insegnano a copiarla!), poi piangere (come fanno tutti!!) davanti alla tivù e al computer!

Nessun commento: