10 agosto 2015

Prima l'orso, ora il cinghiale

L'anno scorso è stato l'anno dei terribili orsi che hanno ucciso ZERO persone in Italia.

Questa è invece l'estate dei cinghiali che in Sicilia hanno, questi sì, ucciso un uomo.

Entrambi, però, sono per natura schivi e sono attivi maggiormente nelle ore notturne.
Ciò vuol dire che sono poco propensi a disturbare l'uomo, mentre è vero che possono disturbare le sue attività specie se di tipo agricolo.

Sono pochissimi i casi di uomini uccisi da questi animali, perché attaccano soltanto se non possono farne a meno.
Io ho girato molto in bici nelle colline vicino a casa mia e i cinghiali li ho sempre sentiti scappare, non ho mai avuto problemi. Se invece ci troviamo degli orsi e dei cinghiali dinnanzi a noi, con loro intenti a passare, è normale scatenare reazioni spropositate, specie se sono accompagnati dai cuccioli.

Secondo me è assurdo avere questo timore di questi animali, ma c'è gente che ha paura di cani al guinzaglio, per cui non mi dovrei stupire più di tanto.
Mi stupisco invece di quegli agricoltori che chiedono diversi abbattimenti dei cinghiali, quando è notorio che i cacciatori, sempre intenti ad abbatterli, non hanno mai risolto la situazione perché...? Perché sono i primi a non volere che il numero cali, altrimenti come faranno poi a mangiarli in piena legalità (vengono chiamati apposta per il loro abbattimento quando sono in sovrannumero) e soprattutto a venderli alle trattorie delle colline e campagne?

Che si chiami la Forestale. Perché ricorrere a privati dalla dubbia morale?

Nessun commento: