20 novembre 2009

Senza futuro

Più il popolo s'impoverisce economicamente e più, anzichè cercare di aiutare il prossimo, diventa egoista, cinico e cieco.

Non basta comportarsi bene e mandare sms per aiutare i malati e gli africani.
Non basta fare la raccolta differenziata a casa propria, se tanto poi si cambiano tv e cellulari con una completa ignoranza su dove e come verranno smaltiti!

Esempio quasi banale ma per me scioccante, sul degrado civico attuale: possibile che per svariati giorni siano rimasti per terra, in un bel parco vicino ad un fiume di Torino, senza alcun problema rifiuti di ogni tipo (sacchetti di carta, di plastica, lattine, bottiglie di vetro, fazzoletti) eppure con la presenza, il passaggio, di varie tipologie di persone considerate "amanti della natura", come pensionati, anziani col cane, giovani con cani, ciclista e corridori?
Certamente chi ci passa una prima volta non può fare niente, perchè sprovvisto sicuramente di guantini idonei, ma considerando che è un parco, come tutti gli altri parchi di ogni altra città, frequentato da "autoctoni", perchè solo io ci son dovuto tornare, da solo, per ripulire?
Se nessuno bada alla pulizia delle zone verdi, cosa ne sarà di tutto il resto?

Massì, infondo chissenefrega, l'importante è laurearsi per andare in un call center e votare Silvio che ci promette un ricco futuro in tivvu.

2 commenti:

Lo sconosciuto del terzo piano ha detto...

Troppa ipocrisia e poco senso del dovere civico: sono d'accordo con te!

Danx ha detto...

Ciao, grazie.
Si bada solo al proprio orticello.