Questo blog utilizza solo strumenti forniti da Google per i blog, come ad esempio il numero dei visitatori e la possibilità di seguire le novità del blog. Nessun vostro dato (nome, email, sesso, ecc.) verrà da me visto e/o memorizzato e/o diffuso, venduto, ecc.
Non vengono utilizzati software di altre terze parti.

3 maggio 2011

Non sono più gli Stati a darci diritti, ma le multinazionali. Ridicolo


L'Ikea fa una pubblicità che apre alla comunità omosex, un politico italiano di centro-destra si dice disgustato e afferma pure che ciò è anticostituzionale (ma che cazzo dice?) e per tutta risposta gli omosessuali italiani che fanno?

Non vanno mica a baciarsi sotto casa di Giovanardi, no no, vanno in un bel nonluogo come il posteggio dell'Ikea unendosi con una slinguazzata di massa, facendo così tanta bella pubblicità virtuosa all'Ikea.


Disgustorama!

1 commento:

Roby Bulgaro ha detto...

È esattamente quello che ho pensato anche io: ma perché cavolo nel parcheggio dell'ikea?
Sotto casa a chi li ha contestati sarebbe stato più coerente.