29 novembre 2014

Il malcontento della superficialità

LE NOSTRE VITE DA CITTADINI SI BASANO SUI SOLDI.

Pensateci bene: 20 o 30 anni fa i rapporti umani hanno subito un deficit di qualità perché si basavano su ciò che uno comprava e da come uno mostrava la roba acquistata. 


Più uno era ricco e più spendeva e più poteva apparentemente ergersi sopra la massa, quando in realtà costui era semplicemente il più stupido perché sprecava la propria avita lavorando per i soldi, per poi spenderli, mentre una persona normale lavora per aiutare sé stesso, la propria famiglia, ma anche la società (ad es. il netturbino è un lavoro nobilissimo e importantissimo, ma viene snobbato perché manuale, perché lo stipendio è basso e perché non ci sono opportunità di carriera, ma almeno lo spazzino può tornare a casa orgoglioso di ciò che ha fatto, perché se ha lavorato bene ha fatto del bene alla società, mentre chi lavora per i soldi e basta rischia o di fare un lavoro noioso pensando solo allo stipendio e quindi vivendo da schiavo dei soldi anche se vorrebbe fare altro e incassare di più, oppure sta in una posizione privilegiata e pensa a come fregare il prossimo per incassarne di più).


La gente era stupida però abbastanza pacifica, aiutata dai programmi trash e dalla VHS porno, tranne quando giustamente se la prendeva coi politici ladri come Craxi.

Poi, tra una crisi economica e l'altra, tra una legge sul lavoro e l'altra, ecco che il potere d'acquisto delle famiglie italiane è calato fino a giungere ai giorni nostri in cui gli stipendi crescono sempre di meno, a fronte di prezzi e tributi.



Con la globalizzazione (Merdonald, catene di supermercati, cinesi, ecc.), i grandi vertici, le banche mondiali ed europee, i debiti pubblici, le crisi nate negli U.S.A., l'UE contro cui mille partitucoli si scagliano, il Bilberberg, ecc. la gente non sa più con chi prendersela direttamente. Non c'è neanche più Berlusconi chiuso in uno sgabuzzino ormai da 3 anni (in realtà è sempre attivo, però non essendo più al governo da tempo non lo si può più accusare).

Per cui la gente impoverita, non può che prendersela con persone dalla pelle e dalle espressioni diverse dal solito che vede in giro. Insomma, i negri, gli zingari, ecc. Li vede arrivare, stare sotto casa loro, cercare roba, a volte rubare. E la gente italica pensa che siano loro a levargli soldi, diritti e potere d'acquisto.


Avete notato, vero, l'escalation di manifestazioni di partitacci di destra (che tra l'altro essendo sfacciatamente fascisti non dovrebbero neanche esistere..) in varie zone d'Italia?

Prima contro i negri, poi contro gli zingari. Ogni giorno se ne inventano una diversa (o uguale, sì alla fine è uguale) per mostrarsi vicini alla gente comune, al popolo delle periferie, anche quelle non degradate, perché il proprio logo bisogna estenderlo il più possibile entrando nella piccola e media borghesia. E dato che tutti si sentono colpiti dalla crisi e dato che nessuno sa con chi prendersela, ecco che arrivano loro e indirizzano la rabbia popolare verso obiettivi, cioè persone, molto spesso innocenti e senza protezione, contro cui è facile prendersela, perché non partecipano al nostro sogno economico di cresciuta continua (???), ma stanno ai margini e ci fanno paura.

Insomma, la gente ha bisognodi un colpevole facile da trovare e finalmente i destri glielo hanno dato senza se e senza ma: NEGRI E ZINGARI! AVANTI, ORA ANDATE E COLPITE!


Purtroppo Internet viene usato in maniera veloce e con i tanti acclamati "social network" si fa in fretta a diffondere un'idea sbagliata, una notizia sbagliata. Come ben saprete ci sono immagini che riportano dati errati riguardanti i soldi che i profughi incasserebbero dallo Stato giornalmente. 30 o 50 euro più ricariche telefoniche. Balle. Quella cifra è il costo che lo Stato sostiene al giorno per ogni singolo profugo, non sono i soldi che questo ente dà ad ognuno di loro. Sono soldi necessari per assisterli e che finiscono alle cooperative.

Ricordo che tipo 2 o 3 anni fa a Torino c'era gente incazzata (ma moderatamente, se questa notizia fosse circolata a Roma non oso immaginari le violenze e i roghi in piazza!) perché si vociferava di 500 euro dati ai migranti.. La cifra è esatta, ma venne data una volta sola assieme al foglio di via, praticamente il Comune e lo Stato, che prima li accolse come rifugiati politici, ad un certo punto smisero di assisterli e disse loro di andarsene. Ovvio che se cacci ingiustamente delle persone innocenti che chiedono la tua protezione, con te che DEVI darla, due soldi li dai, se no l'Europa ti fa il culo a fette. Invece la gente non lo capiva e non lo capirebbe neanche adesso, secondo la gggente che prima si informava tramite il TG1 o TG4 e ora tramite FACEBOOK (aiuto!!), questi arrivano, fanno un fico secco, e si intascano mezzo stipendio di un italiano medio ogni mese. BALLE.

A parte ciò, che io sappia, la criminalità organizzata italiana esiste da secoli. Perché questi destri e tutta questa fetta di popolo incazzato non organizza mai manifestazioni di protesta contro questi ladri e assassini? Stanno in tutta Italia, anche a Milano e Torino. Forza, manifestate, andateli a prendere e sterminateli tutti! Se non lo fate guardate che farò 2+2. E se viene fuori 4 significa solo che siete razzisti. Colpite negri e zingheri perché stranieri, senza curarvi degli innocenti in mezzo a loro, mentre contro i mafiosi ve ne fregate sia perché fifoni (o complici), sia perché italiani come voi. Ma appartenere ad una stessa nazione non è mica sinonimo di bontà e legalità.

Nessun commento: