9 gennaio 2015

Uccide il padre MILIARDARIO

PUTIFERIO!!!

Putiferio innalzato dai lettori italiani (ma sicuramente da tutti quanti nel mondo) per l'omicidio commesso da un 30 enne ai danni del padre 70enne, noto miliardario di Wall Street, reo di avergli ridotto la.. paghetta!

Qual è stata la loro reazione? La più ovvia e banale, ovvero sono andati tutti contro questo ragazzo.
Giustamente, direte voi, trattandosi di un omicida.

E invece no, non è una giusta reazione, perché prima di tutto gli articoli bisogna leggerli bene e leggendoli vediamo che questo ragazza aveva problemi/disturbi mentali, inoltre il figlio di un miliardario, se non riesce ad ottenere almeno la metà del successo del padre, continuerà a sentirsi un bambino anche a 30-40-50 anni, per cui ad un certo punto vorrà finalmente compiere quel fatidico "passo in avanti" soltanto grazie alla scomparsa (cioè morte) del padre che non gli fa spiccare il volo.

Perché questo signore miliardario, anziché trovargli un lavoro, lo manteneva?
Se non l'avesse mantenuto ma gli avesse invece aperto delle porte, ora il figlio poteva voler bene al padre ancora in vita. Idem se anziché mantenerlo in maniera distaccato, gli fosse stato vicino curandolo a dovere.

Nessun commento: