12 gennaio 2009

Contraddizioni motoristiche

Palese esempio delle nostre contraddizioni moderne, dove si mitizza l'auto, i motori e poi si piangono i morti degli incidenti (leggete i titoli della notizia in alto e quella seguente in basso!):

Gare di ogni tipo ogni fine settimana, piloti idoli per milioni di ragazzini che sono presenti in ogni posto e uno dei risultati è quello che leggete nella prima notizia, del neopatentato che travolge due persone!
Perchè i neopatentati che nascono in un mondo fatto di automobili, di strade impossibili da percorrere in bici, cresceranno col mito della velocità! Vedono solo questa, gli viene propinata come buona "compagna di vita", come unico, o quasi, stile di vita, ragione di vita e i risultati son quelli che conosciamo tutti: ragazzi che modificano le auto e le moto, non sanno dove usarle, si acconentano (per fortuna, cosi non li ritroviamo troppo in giro) dei giri sotto casa e anzichè godersi la guida magari tranquillamente su qualche strada panoramica, compiono tragedie in città!

2 commenti:

Gunther ha detto...

più che scuola di guida bisogna agire sul perchè si guida cosi, bell'associazione sul post zafferano e de andrè, credo anche io sia cosi

Danx ha detto...

La tv raggiunge milioni di persone.
Se vanno sempre in onda spot sulla velocità delle auto, sulla loro "bellezza" (come fa una lamiera ad essere bella. ok può anche esserlo, ma è un gusto che varia di decade in decade: quel che piaceva neglia nni 70 ora ci fa un po schifo. si direbbe che è relativo), gare di auto, moto e i piloti diventano miti e pubblicizzano ogni cosa...le persone che devono ancora maturare avranno solo i motori (e il calcio) come sogno da raggiungere.
ma in realtà diventeranno solo dei fessi che schiacciano il piede su un pedale!