2 maggio 2009

Le notizie negative

Blob, su Rai3, si fa sempre più interessante. Infatti, dopo la carrellata di idiozie dello show business e del mondo politico, da qualche tempo ha inserito una "rubrica" dal nome Mani di Carta mi pare di ricordare, dove vengono intervistati dei pensionati e anziani in genere.
Quasi tutti sono d'accordo nell'affermare che le notizie propugnate dai tg e dai giornali siano negative e che ciò sia un fatto altamente negativo.

Perchè?
Perchè si danno notizie negative?
Perchè è una cosa negativa?

A me stupisce il fatto che si parli molto spesso delle tragedie private compiute in famiglia o fra gruppi di coetanei, mentre non si parla mai delle ingiustize perpetrate da datori di lavori e grandi aziende in Italia e all'estero (tranne quando muoiono gruppi numerosi di lavoratori...).
Tutto ciò non può che portare ad una diffidenza verso il prossimo, verso i propri simili: gente comune che ha piccoli grandi problemi col lavoro, con la burocrazia, ecc. In questo modo può venire a mancare l'unione all'interno del popolo che insieme può risolvere i problemi, ora sempre imperanti quali la perdita di potere d'acquisto, l'inflazione, il debito pubblico, il mobbing, lo stalking, il precariato, gli stages selvaggi, diplomi che non valgono più niente, sicurezza sul posto di lavoro, ecc. Separati, i nostri saranno solo vagiti persi nel nostro grande stivalone.
Se, invece, si parlasse più spesso delle malefatte dei potenti, ci sarebbe una rivolta collettiva. Meglio evitarla e sotterrare le notizie, dunque.

Perchè è una cosa negativa il parlare dei fatti privati, anche se tragici?
Come ho appena scritto, perchè in questo modo si guarderà con sospetto ogni persona comune, in realtà molto simile a noi stessi. Vivremo in costante tensione e non potremo fare altro che vivere in solitudine (quella vera, quella fatta di mancanza di aiuti di solidarietà anche spicciola, per fare baldoria in discoteca invece qualcuno lo troveremo sempre, perchè come su MySpace e Facebook l'importante è fare numero, essere in tanti. Nasce, questa mancanza, anche dall'invidualismo negativo, quello che porta alla sopraffazione del prossimo per ottenere più soldi e rispetto. Mentre quello positivo è ovviamente dato dal pensiero critico, da letture scelte dall'individuo senza influenze e così via) e affidarci al buon cuore dei governanti.

Come dovrebbe essere l'informazione?
Sicuramente dovrebbe innanzitutto parlare del losco passato dei nostri governanti, dirci la verità sul mercato azionario, sulle condanne che colpiscono la gente comune e quelle dei potenti, ecc.
Ed, infine, anzichè parlare dei vari Garlasco, Cogne, Novi Ligure, mostrare i bei gesti di civiltà di ogni persona che vive in Italia.
Ve ne do una io: ieri pomeriggio in centro città, mentre la gente camminava seguendo la massa senza una precisa meta, un ragazzo africano s'è fermato per raccogliere una busta di plastica, per poi buttarla in un cestino (ovviamente io vi consiglio di riutilizzare all'infinito le vostre buste di plastica).
Non è un bel gesto che va contro l'accoppiata: africano + criminalità?
Potrei aggiungere del nord africano che venendomi addosso mi ha chiesto scusa, a differenza dell'italiano inscatolato (ovvero il guidatore di automobile) che fregandosene di pedoni e ciclisti, per posteggiare passa con noncuranza sopra le strisce e la pista ciclabile perchè ha adocchiato un posteggio!!

2 commenti:

Gitano Borghese ha detto...

condivido in pieno il concetto che "la massa" e distratta, oltre ad essere per lo più fatta da gente "clonata", sembrano i droidi,quelli di Blade Runner... la sensibilità, il pensiero,l'immaginazione,il ragionamento, non li tocca minimamente.. siamo noi a scomparire piano piano purtroppo, in questo mondo (e non solo italia) giustamente come nell'intestazione del tuo bel blog : "senza valori"

Danx ha detto...

Si vive solo per comprare la macchinetta e la casetta.
La nostra esistenza è utilitaristica, ha come unico fine il nulla. Nulla perchè si sgretolerà col tempo, a differenza del pensiero che può rimanere nei secoli.