24 agosto 2010

CL, per il TG1 è cultura cattolica

Questa sera il TG1 ha parlato di "convegno culturale cattolico" riferendosi al Meeting di Rimini, senza mai nominare Comunione e Liberazione, cioè una specie di Scientology, anche solo per il banale amore verso i soldi.

Soldi, infatti Travaglio (cattolico di destra) la chiama Comunione e Fatturazione, evidenziando come il tutto è "finanziato negli anni dai migliori esponenti della classe dirigente: Berlusconi, Ciarrapico, Andreotti, Tanzi e altri gigli di campo; e ora da Banca Intesa, Eni e Formigoni (coi soldi della Regione Lombardia e delle Ferrovie Nord)."

Ma poi, anche se davvero ci fossero incontri culturali, di che cultura stiamo parlando? Di quella di una religione patriarcale che non ammette libertà per gòi individui, considerati tanti singoli indistinti facenti parte di una massa, le famose pecorelle smarrite, una religione che come quella islamica non ammette cambiamenti col passare del tempo, una religione le cui regole per i suoi credenti devono divenire leggi che tutti devono rispettare/subire, una religione che, non accettando la libertà, deve per forza convertire, deve instillare in ogni persona che incontra nel suo cammino di conquista, il senso del peccato e assurdi, perché innaturali, tabù. La morale cristiana è il grande nemico dell'umanità. La pietà, la solidarietà non servono a niente, servono per ripulirsi la coscienza da occidentali sfruttatori.
Se volete sentirvi parte del mondo e dell'universo, consiglio mio spassionato, divenite buddisti.

"La chiesa cristiana non ha lasciato intatto niente nel suo pervertimento, ha fatto di ogni valore un non-valore, di ogni verità una menzogna, di ogni onestà un'abiezione dell'anima." Friedrich Nietzsche

3 commenti:

Blogger ha detto...

Travaglio ha sempre il gusto della sintesi.

Blogger

Gianluca Pace ha detto...

bellissimo il post ;)

www.paranooyde.blogspot.com

Dannox ha detto...

Grazie Gianluca!