9 febbraio 2011

Emma Bonino: Tutti i popoli aspirano alla libertà


Il 1° febbraio è stata pubblicata sul Corriere della Sera questa bella intervista
(link) fatta ad Emma Bonino, dal titolo: "Tutti i popoli aspirano alla libertà. Basta appoggiare regimi autoritari".

"La libertà e i diritti civili e politici sono valori universali a cui tutti i popoli, senza distinzioni, legittimmamente aspirano.
E se la prima responsabilità di quanto avviene in Egitto e Tunisia e potrebbe accadere in Algeria, Giordania o Sudan è di quei regimi, la seconda è delle democrazie occidentali per il loro sostegno acritico ai governi più autoritari, in nome della stabilità";

"Le sollevazioni, la maggior parte dei nostri diplomatici, politici, esperti, giornalisti non le avevano previste perchè in missioni incontrano solo l'establishment, pensano che democrazia e stato di diritto siano esclusive dell'Occidente, il che è un forma di paternalismo deleterio e di razzismo":

"L'Occidente ha sempre sostenuto dittatori corrotti e sanguinari, prima in chiave anti-comunista, poi in quella anti-terrorismo. Ora siamo tornati alla Realpolitik tradizionale, basta essere pro libero mercato per essere affidabili..noi occidentali abbiamo questa malattia congenita di preferire l'uomo forte a forti istituzioni";

"Abbiamo sentito la Clinton, con particolare cinismo, puntare sulla sopravvivenza dei vari raìs, invocando magari la loro saggezza
(parola utilizzata anche da Berlusconi, ndb) e lungimiranza, come ha fatto Frattini senza prendere minimamente in considerazione le legittime rivendicazioni di quei popoli";

"All'Europa rimprovero di rinunciare ad ogni iniziativa in Medio Oriente per due popoli, una democrazia.., magari favorendo l'entrata di Israele nell'UE; di predicare mentre calpesta i diritti delle minoranze e degli immigrati ed è in corso una vera crisi della e delle democrazie. L'Italia non fa nemmeno una scelta europea e preferisce i Putin e i Gheddafi";

"La transizione in Egitto è difficile e piena di rischi: non dobbiamo ripetere gli errori fatti in Afghanistan pensando di esportare la democrazia sui missili cruise e dopo la distruzione andando alle urne.
All'Europa e agli USA chiedo di ripensare le loro politiche, tenendo sempre in mente che la democrazia sta sempre dalla parte giusta della Storia".

Nessun commento: