13 gennaio 2012

Suicidi nel mondo industrializzato

Solitudine, abitudinarietà, monotonia, controlli, convenzioni, grigiume.

Questo è il mondo moderno e solo in questo mondo privo di pericoli naturali (niente più bestie da cui difendersi e da cacciare), ci sentiamo privi di spirito vitale e molti di noi, approfittano delle costruzioni umane presenti nel posto di lavoro, per suicidarsi.

Io non ci trovo nulla di strano. Gli psicocazzoni di turno troveranno motivi dell'atto nella psiche del singolo, senza condannare la società, invece è proprio questa che genera questo stillicidio, sia di suicidi, sia di gente che avrebbe voluto vivere ancora, ma che è stata travolta o da un camion o bruciata viva in fabbrica o morta per le fibre di amianto che è stata costretta a respirare in fabbrica.

Nessun commento: