22 febbraio 2012

Chi accusa qualcuno sa di esserlo

Non mi piace più parlare di fatti ben precisi riguardanti la politica, preferisco parlare in generale della società, ma quando mi capita di leggere certe frasi, certe dichiarazioni, non riesco a stare zitto.

Allora, a me dell'articolo 18 e delle altre garanzie che vogliono i lavoratori non me ne importa nulla, perchè sono solo delle "prigioni" sia fisiche che psicologiche, però questa frase della Marcegaglia è bellissima. Dice infatti:



Fannulloni, ok, ci può stare, magari c'è qualcuno che sentendosi troppo protetto da tanti anni, lavora con meno solerzia (facendo quindi sgobbare più del dovuto i nuovi arrivati che rischiano di essere cacciati subito, se un collega maturo lo prende di mira e sparla di lui al capo), ma perchè ladri???

A me risulta che i ladri siano principalmente, fra i lavoratori, i datori di lavoro che evadono e che magari corrompono, e portano all'estero i soldi neri. I fratelli Marcegaglia, ad esempio, leggete qui.

Ben sapendo di questa sua situazione particolare, lei, come sempre, bada ad accusare il prossimo, rendendosi così, agli occhi del popolino che segue la Tv, i giornali e che come questi non ha memoria (o fa finta di non averla per vivere in pace col mondo), il colpevole sarà sempre il suo prossimo più vicino, tanto per scatenare la famosa "guerra fra poveri" e lasciare vivere e ladrare in pace i miliardari sfruttatori.

PS: intanto in Siria son morti due giornalisti, un'americana e un fotografo francese. La prima diceva pochi giorni fa che in Siria è impossibile uscire in strada che i cecchini di Assad ti lanciano le granate. Dico questo per controbattere al recente articolo di Lucia Annunziata che sembrava porsi dalla parte di questo regime, solo perchè contro di esso vi sono (anche o solo? Secondo lei solo) i sunniti (l'odiato dittatore Saddam Hussein era sunnita), gli islamici fondamentalisti e..attenzione, Al Qaeda.
Ma baff!

Nessun commento: