9 marzo 2012

Non ce ne frega un cazzo

Vabbeh, posso capire servizi sul papa quando in piazza San Pietro c'è il pienone o quando viaggia per il globo, ma quando dice stronzate sulla castità, il Tg1 potrebbe evitare di diffondere le sue esternazioni, anzi no.

Sono utilissime: dice che il matrimonio quando non è indissolubile, ovvero quando la coppia si sfalda, genera costi enormi per la società, beh, in effetti i maritini ne sanno qualcosa di spese per avvocati e alimenti, ahah, ma lui si riferiva ai costi etici, pensa che ci sia troppa sofferenza. Ma non c'è più sofferenza se la coppia che si odia continua invece a stare assieme? Che poi finisce che succede come in molte coppie, la donna ci rimane secca.

Eh vabbè, ma lui è un'anima buona, candida, crede alla favole.

Ha parlato anche della castità, dicendo la stessa cosa, che non viene compresa e anche qui, in questo caso, ci sono enormi costi sociali ed etici. Quindi, lui pensa che per evitare problemi sanitari e violenze sessuali, ci sia bisogno di educare le masse alla castità, ma noi siamo portati a riprodurci, non è mica normale, per degli esseri viventi che vivono solo per riprodursi, vietargli di farlo! Che poi, è proprio chi non fa sesso, il primo a creare enormi problemi o diventando demente (come un prete o una suora) o un pervertito violentatore (come un prete).

Nessun commento: