15 aprile 2014

NO NO NO NO NO, ma quali NUOVE nomine

Ma quali novità, sono i soliti nomi, la solita casta degli industrialotti italioti col culo parato!!!

Allora, già l'ho menzionata l'incredibile riconferma di De Gennaro da parte del "Rottamatore" (a fargli compagnia, nelle vesti di AD, il mai domo Moretti, il più amato dai pendolari!).

Ma incredibile pure la nomina della Marcecaglia all'ENI e sapete perché? Perché io da vero GIUSTIZIALISTA mi incazzo sapendo che tempo fa venne indagata assieme ai fratelli per ricchi conti correnti milionari in Svizzera (evasione, sì, avete capito bene, evasione), frode condonata col pagamento di 9,5 milioni di Euro al Fisco italico (su 400 milioni evasi, secondo l'inchiesta de La Repubblica di qualche anno fa).

Evidentemente serve qualcuno in grado di.. dialogare sapientemente con l'estero..!
Ed evidentemente Renzi, al contrario di Porro de Il Giornale, la reputa in grado di dire e fare ciò che serve al Paese per rilanciarsi.

Poi c'è la Todini alle Poste (con impresa di famiglia legata alle costruzioni, non so di che tipo, spero Lego), che di viso mi sta simpatica, ma che strinse felicemente la mano a Putin e che si fece sempre allegramente baciare dalla Polverini. D'altronde è stata nominata su invito del centro destra, stessa parte politica che la fece entrare nel CdA della Rai.

Ma non capisco una cosa, industriali come questi, non hanno già il loro bel lavoro da svolgere?!?

Concludo con questo "scoop" dell'Huffintgndnton?Post: nei cda di Eni e Poste due cari amici-finanziatori della fondazione renziana Big Bang, ovvero Alberto Bianchi e Antonio Campo dall'Orto.

Ah, non capisco un'altra cosa. Se siamo in democrazia, perché possiamo votare solo un partito, mentre tutta sta gente viene scelta neanche di striscio dal bobbbolo sovrano?

2 commenti:

bibliomatilda ha detto...

Una democrazia di C*****+, no?

Danx ha detto...

de che, scusa?