12 maggio 2015

La mamma dello stupratore e il Sud cancro d'Italia

Diciamo la verità, le interviste ai famigliari degli aguzzini sono veramente inutile oltreché assurde, ma forse hanno lo scopo di farci incazzare ancora di più!

Non ha alcun senso infatti sentire la mamma dello stupratore romano, tra l'altro con precedenti per violenze e furti, dire che non è un mostro, che è sempre stato un bravo ragazzo, ma vaff!!!!!!!!!
Idem il padre del 24enne napoletano che mesi fa inserì un compressore nell'ano di un 14enne, reo di essere cicciotello.. Ha detto che è giusto che paghi, sì ma per cosa? ".. che paghi per quella COSA".
Chiamala "cosa"!! Io la chiamerei violenza anche sessuale, e pure tentato omicidio!!!

Al Sud moltissima gente non pensa, non sa ragionare, sa solo sminuire e difendere i criminali, forse per paura di ritorsioni.. vogliono divenire amici dei delinquenti sperando di poter vivere serenamente, fregandosene però del prossimo onesto.

E comunque le porcate al Sud non hanno mai fine, in Sardegna dei minorenni hanno ucciso un ragazzo colpevole di aver difeso la fidanzata dai loro insulti, mentre in Sicilia due ragazzi sono morti durante delle risse notturne, a Nabule, e dove se no, una baby gang ha rapinato due supermercati.

Molti potrebbero dire: Ehhh, son figli di questo tempo. Oppure: Ehhh tutta colpa dei Savoia!
Balle, i criminali son sempre esistiti e al Sud Italia ce n'è la più alta percentuale. Salvini però ora punta tutto sull'emergenza clandestini e sulle ruberie dei rom, solo perché ha bisogno di voti anche al Centro e Sud Italia.

Insomma, non ci libereremo mai di questo cancro fatto di violenza, insulti, prevaricazione, omicidi, ignoranza, becerume, ecc., ecc., proveniente dal Sud!

Uno non fa in tempo ad aprire il sito dell'Ansa che subito si trova dinnanzi ad almeno 10 notizie tragiche provenienti dal Sud Italia..
E c'è gente che continua a non riuscire a fare 2+2, ovvero che non arrivare a capire che il Sud sia la culla del male, dei delinquenti. Il loro buonismo, lo si vede benissimo in questi giorni pieni di notizie di delinquenti meridionali, non ha portato a nulla se non appunto alla nascita di altri delinquenti anche di 14 anni!
Quando un bambino/ragazzino sbaglia glielo si fa notare e lo si premia quando smette e si comporta bene.
Ma quando un bambino/ragazzino insulta, urla, picchia, ruba, ecc., gli si devono dare tante di quelle bastonate finché non avrà più la forza di alzare le sue stupide braccia da bestia! Questo perché la gente che insulta, urla, picchia, ruba, ecc., conosce un solo linguaggio e se noi ci rapportiamo a loro in maniera diversa da quella a cui siamo abituati, ci ritroveremo a parlare con un muro. E, ripeto, i risultati sono sotto gli occhi di tutti: stupri, omicidi, rapine, ecc.



Nessun commento: