26 novembre 2009

La merda dalla bocca

...è quella che esce spesso dalla bocca del ministro (sic!) Ignazio La Russa (MSI, AN, PDL).

Ministro scelto da Berlusconi, non dagli italiani.
Purtroppo è così in questa democrazia: si vota un partito, molte volte è il partito che sceglie il capo (nel caso del PDL invece è il capo che crea il partito che vive solo grazie a lui e di lui) e con enorme fiducia (o ignoranza e menefreghismo?) gli elettori aspettano che il capo/partito scelga i ministri che saranno a lui fedeli e forse non tanto verso gli elettori (figuriamoci verso la totalità dei cittadini; questa sarebbe utopia)
, ma questo è solamente un dubbio personale.

Pur preferendo a volte parlare della società in termini generali, ora mi addentro nella evacuazione del giorno (ringrazio L'89 per l'articolo e la segnalazione) perchè i comportamenti dei rappresentanti delle Istituzioni devono essere pubblici, siccome condizionano quelli dei giovani e degli adulti con il loro esempio: il ministro dal volto e dall'animo buono, due giorni fa ha pensato bene di rispondere piccatamente ad un ragazzo, il quale gli aveva solamente detto che sperava che la partita dell'Inter sarebbe andata male (cosa poi realmente successa!), così come male va il suo (di La Russa) governo.
Quali son dunque state le sue parole di risposta, tutte all'insegna dello sport e del fairplay, che campeggiano nei cuori di ogni tifoso che si rispetti (o in quello di un religioso che si rivolge al fedele di un'altra religione)?

Sussurrandogli nell'orecchio, carezzandogli i capelli profumati, gli ha augurato che gli venisse un cancro.
"Spero che le venga un cancro!"
La notizia è di un lettore de La Repubblica, quindi v'è la possibilità del lancio di una falsa accusa, soprattutto per la mancanza di documentazione. Attendo news!

Per fortuna il fine umorista siculo-arcoriano non ha menzionato il sito di questo futuro cancro (anche se immagino il luogo tetro e buio che probabilmente campeggia spesso nella sua bocca piena di miele), ma purtroppo non è la prima volta che lancia maledizioni.
Qualche settimana fa, infatti, dopo la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (da lui considerata un'istituzione internazionale inutile. Te credo, l'uomo non deve avere diritti, solo il dovere di obbedire senza se e senza ma, mentre la donna invece nè i primi nè il secondo, tanto per sua natura vive in cucina) riguardo la presenza illegittima dei crocefissi cattolici nei luoghi pubblici italiani (anomalia italiana, anomalia confessionale, plagiatrice ed oscurantista, oltreche ovviamente antilaica), augurò la morte di questi giudici.

"Possono morire! Possono morire!"

A ciò si aggiungano le seguenti frasi:

"Ignorante...si vergogni!E' tipico del suo giornalaccio"
Alla direttrice de L'Unità Concita De Gregorio, durante un litigio in tv per via del fatto che durante la manifestazione del PD di 1 anno fa, non si fosse fatta menzione della morte di alcuni militari italiani durante un'esercitazione in Francia.

"Pedofilo!"
Ad un legittimo contestatore in quel di New York durante una sfilata allegorica, ah no, durante il Columbus day (anvedi quanto viaggia il nostro rappresentante).

"Lei fa schifo!"
Rivolto allo scienziato Odifreddi (ma non ti vergogni Piergiorgetto? Già stimoli troppo la mente dei giovini all'Università e tramite i tuoi libri, ed ora vuoi poter dire la tua pure in TV??)

A La Russa va il merito di cambiare sempre improperi, sia lodata la fantasia!

Link:
"Se La Russa mi augura il cancro" (La Repubblica)
"Possono morire" (YouTube)
"La Russa insulta direttrice Unità" (Il Messaggero)
"Pedofilo" (YouTube)
"Lei fa schifo" (YouTube)

Nessun commento: