23 maggio 2010

18 anni di terrore

18 anni fa morì il più famoso magistrato antimafia che l'Italia abbia mai avuto: Giovanni Falcone. Un attentato ammazzò, oltre a lui, tre uomini della sua scorta e putroppo anche la più innocente delle figure, la moglie Francesca Morvillo.

Terrore in quel breve istante, terrore che da Capaci s'è propagato in tutta Italia e in buona parte del mondo attraverso le immagini delle conseguenze di quel boato, e terrore che regnerà probabilmente per sempre pensando al mistero legato a probabili connivenze fra parte dello Stato e Mafia.
Tutto forse iniziò con lo scioglimento del pool antimafia verso la fine degli anni '80, per finire con chi informò i criminali dei trasferimenti in auto del giudice.

Mi turbano le commemorazioni (a volte sanno di banali automatismi) dei politici: dovrebbero ricordarlo ogni giorno in silenzio lavorando con onestà, e ciò non avviene, e lavorando contro i criminali, ciò avviene più per merito della magistratura e poliziotti che per le loro leggi.


Oggi non ascoltate i telegiornali, non acquistate quotidiani, perchè non è possibile leggere le dichiarazioni di esponenti del PDL che hanno avuto, essi o loro colleghi, rapporti con i mafiosi. Il futuro, però, sarà diverso: oggi a Palermo tantissimi giovani hanno ricordato Giovanni Falcone.

Vota questo articolo su OKNotizie

2 commenti:

Inneres Auge ha detto...

A me turba che a commemorarli ci sia gente come Schifani, che è stato avvocato ed amico di molti 'picciotti'. Li commemora Dell'Utri, che è un mafioso. Mi fanno schifo

Dannox ha detto...

Dell'Utri non penso..