23 febbraio 2011

Berlusconi ritardatario e frasi alla cazzo di cane


Mentre Gheddafi faceva massacrare migliaia di civili, Berlusconi dichiarava:

"No alle violenze" (ops, un po' tardi, cos'è, quest'anno non t'hanno dato l'EPO in tempo per correre al passo coi tempi?); "Il premier ha pochi poteri (vai in Libia che la gente vuole i leader forti come te!), ne avevo di più da imprenditore" (è per questo che reputo degli illusi coloro i quali scendono in piazza solo contro i politici e non gli industriali che sono i veri capi del mondo!).

Oh cavolo, me ne stavo dimenticando, il pericolo è "la deriva del fondamentalismo" (ora però, Silvio, guardi troppo in avanti, stà buono!)

L'unica nota positiva è che ha detto una nuova frase!!!

Link:
"Ero più potente da imprenditore" (La Repubblica)

1 commento:

Inneres Auge ha detto...

Ha detto che Gheddafi è un pazzo