21 febbraio 2011

Attentato al Fatto

In questi giorni di festeggiamenti per l'Italia unita ci siamo un po' troppo gasati, nel senso che ci riteniamo un popolo meraviglioso e ci dimentichiamo degli abusi edilizi e di potere, delle mafie, dell'inquinamento, della burocrazia e dell'impostazione generale della società, che è uguale a quella che sancisce le vite di altri milioni di abitanti di questo pianeta, insomma, non è che siamo nè meglio nè peggio, viviamo tutti in una malsana mediocrità produttivista.

Piccola introduzione per venire al fatto del giorno: a pochi metri dalla sede del quotidiano "Il Fatto" di Padellaro e Travaglio e di un Eni Store (presumo un negozietto che vende servizi legati al gas), è stato ritrovato un pacco bomba.
Nel caso il pacco fosse stato ideato per colpire Il Fatto (presumo di sì, non capisco che importanza possa avere un piccolo negozio dell'Eni), chissà se Silviuccio questa volta griderà all'attentato incivile, complottistico eversivo, o se starà zitto come suo solito quando ad essere colpiti sono dei suoi nemici?

Certo che considerando come sia ancora fissato col "Bavaglio", è dura!
Per lui come per questi o altri terroristi, certi giornalisti sono solo munnezza da bruciare.

Link:
"Pacco bomba in corso Sempione"
, La Repubblica

"Comunisti di merda, spero che i fascisti vi spacchino le gambe", Lele Mora

2 commenti:

Inneres Auge ha detto...

Preoccupante ma non inaspettato, considerando quello che MOra ha "augurato" a quelli di Annozero

Danx ha detto...

Vero!
Grazie per avermelo ricordato..ora cerco il video e lo linko!