26 aprile 2011

Liberiamo il prossimo

Dopo aver festeggiato la Liberazione del 1945 e pensato a come vivere senza Berlusconi, sarebbe ora che qualcuno si prodigasse per liberare il Tibet dai cinesi che la opprimono con sempre maggiore forza..

"Tibet, polizia cinese picchia a morte 2 anziani" (link: Il giornale di Pachino)

Non sopporto il fatto che un popolo si creda il centro del mondo: è giusto voler migliorare il Paese in cui si vive, ma se si è abitanti del mondo bisogna guardare ai problemi del mondo, mentre qua (e penso sia così anche all'estero, problema globale dettato dai confini) si bada solo al PDL e le sue cricche, pensando che senza questi loschi figuri tutto il mondo tiri un sospiro di sollievo. Ma siam pazzi?

1 commento:

Inneres Auge ha detto...

Il fatto è che 20 milioni di massaie non possono abbattere un regime