3 novembre 2011

Vieni a ballare in I-TaGlia

La promessa di Berlusconi relativa al "pareggio di bilancio" che avverrà nel 2013 (qualcuno si ricorda la promessa del milione di posti di lavoro? Sicuramente fra prostitute, raccoglitori di arance e pomidori e stagisti nei call-center ci arriviamo in un battibaleno!) mi fa ridere, perchè come dice il grande saggio Pino Scotto, voglio fare in 2 settimane quello che non sono stati in grado di fare in 20 anni!

Certo che questa politica da ragionieri fa proprio pena: oltre ad essere schiavi dei numeri, anzichè badare a concetti alti, ai diritti o anche solo a coinvolgere la gente che non sia in manifestazione di propaganda, sono anche degli essere incapaci, evidentemente, dato che ogni anno, dagli anni '90 ad oggi, si parla di crisi (economica, quella dei valori c'è invece da millenni, dato il numero di morti in famiglia, per strada, sul posto di lavoro, nei vari Stati in guerra - in guerra proprio perchè esistono gli Stati che sono nati per espandersi e per vedere nemici dappertutto per difendere la loro proprietà - , ecc.).

E ovviamente, per mettere a posto i conti economici cosa pensano di fare? Forse di eliminare la spesa militare? Ma no, anzi, quella sempre sia lodata! Sanno solo usare la massa di bassa lega come fossimo dei semi da sputare e gettare. E come se non bastasse, convinti come sono di essere bravi, essendo nella parte alta della gerarchia, pensano pure di meritare applausi e nuovi voti!

2 commenti:

Inneres Auge ha detto...

come siamo ridicoli, i burattini di tutta Europa. C'è amarezza, tanta amarezza ormai il tempo delle parole è finito.

Se non erro l'8, il 9 e il 10 c'è lo sciopero dei benzinai. Il paese sarà paralizzato. Immagina che ciò avvenga una volta al mese poi una volta a settimana... mi sa che non è tanto lontana la prospettiva dello sciopero generale di 48 ore come in Grecia.

Danx ha detto...

Mah, di burattini ce ne sono tanti, tutti gli Stati piegati alle illegali banche centrali che ci strozzano.