18 novembre 2012

17. Fornero schiava dei mercati finanziari. La schifosa elemosina di Briatore. Infarto sul TAV.

Sono state brutte giornate, a parte le manifestazioni, le botte e i lacrimogeni, abbiamo "visto" una Fornero ad Amsterdam affermare che la sua riforma serviva a compiacere i mercati finanziari che altrimenti ci avrebbero distrutto (ha fatto cioè un favore ai nostri nemici usando la nostra pelle!), poi abbiamo sentito un Briatore dire che li avrebbe dati lui 500 euro al mese ad un povero malato di SLA (quando invece èlo Stato che dovrebbe garantire a tutti questi malati l'assistenza!).

E sempre a proposito della Fornero e delle pensioni, ecco il super problema dei rincongiungimenti per i quali l'INPS chiede 300 mila euro a persone comuni (circa 600 mila gli interessati..).

TAV: chi non vorrebbe viaggiare su un bel TAV dotato di ogni confort. Ovvio però che nei confort non siano inclusi kit seri di primo soccorso che ogni grande azienda dovrebbe avere (es: un defibrillatore), per cui non stupiamoci se un uomo l'altro giorno è morto per infarto all'interno di un Frecciarossa che disponeva soltanto di qualche garza. Assurdo. E oltre a questa mancanza tecnica vi è anche la mancanza morale, infatti se l'uomo si sentì male a Torino, il treno s'è fermato soltato una volta giunto a Rho!

Che poi queste son solo le solite notizie, storie italiane.
In Medio-Oriente invece si crepa alla grande, sia per motivi religiosi (popoli distinti in base alla religione, appunto, che recriminano certi territori definiti di loro proprietà per via di una decisione divina), sia per motivi gerarchici (chi non è con Assad deve morire).


Ma lasciamoci con una notizia divertente: Paolini, il noto "disturbatore" dei giornalisti banali e servi del potere, si dice stufo dell'andazzo del Paese e va a godersi la vita tuffandosi nel mondo dei porno con la sua amica Sara Tommasi.
Ahhh, come non segnalare il FLOP dei banchetti a difesa di Re Silvio al grido di "Solidarietà al nostro amato presidente Berlusconi" colpito ingiustamente dalla Magistratura?

Nessun commento: