26 giugno 2009

M.J.

E' morto, con grande sorpresa e rammarico da parte dei suoi milioni di fans, Michael Jackson, il re della pop music americana che grandi similitudini con S.B., il re dei media italiani, ha:

grande successo, clamoroso, all'inizio, che portò entrambi all'acquisto e creazione delle loro regge. Neverland per il primo e la villa di Arcore e Macherio per il secondo; look unici, il primo molto regale e nei concerti spaziale, il secondo serioso e conservatore ma talune volte stravagante, si pensi alla sua collezione di cappelli (da operaio, da siberiano, ecc.) e alla sua bandana del 2004, copertura che potremmo considerare alla stessa stregua della mascherina che il primo ha utilizzato anch'esso in tempi recenti; uso e abuso della chirurgia plastica, con risultati scioccanti nel primo (uso iniziato come rimedio ad una malattia della pelle) e alquanto provinciali nel secondo (il non voler vedere il passare del tempo sul proprio viso); sbiancamento per il primo e abbronzatura ceronesca perenne per il secondo; grande ostentazione della propria ricchezza, dei propri vizi (taluni ovviamente tenuti nascosti, ehm...) e ottimismo sempre in bella mostra; problemi giudiziari per entrambi, con la differenza che il primo s'è fatto processare, il secondo non sempre; grandi musicisti al loro fianco: Slash, dei Guns N' Roses per il primo, Apicella per il secondo!

Ovviamente il successo, la ricchezza, l'essere acclamati e ben voluti e questo ottimismo tanto ostentato quanto inutile e fastidioso, non può che sicuramente nascondere lati oscuri nelle loro esistenze: il cantante ebbe un'infanzia non molto serena con un padre violento, il secondo, l'imprenditore brianzolo, subì attentati mafiosi e tanti procedimenti giudiziari.
MJ ha sdoganato la disco music, l'ha resa più attraente e magica grazie alla sua bellissima voce alle sue indimenticabili mosse di danza. La sua popolarità, che lo ha reso un dio terrestre, ha avuto il merito di far interessare bambini e ragazzini alla lingua inglese.

Ora che MJ è morto, Berlusconi, finalmente, può richiedere i diritti d'autore per la canzone BAD, ma soprattutto conquistare l'America spostando il G8 a Disneyland!

Tornando alla realtà e al presente, Berlusconi si scaglia ancora una volta contro la stampa che continua a parlare di crisi: "un giorno sì e uno no escono e dicono che il deficit è al 5%, meno consumi del 5%, crisi di qui, crisi di là, la crisi ci sarà per fino al 2010, la crisi si chiuderà nel 2011...Un disastro: dovremmo veramente chiudere la bocca a tutti questi signori che parlano..." Come? Togliendogli pubblicità, incendiandogli le automobili o sparandogli col mitra? O, meglio, fargli usare la bocca come Patrizia la sua amichetta puttana?

2 commenti:

Maxso ha detto...

Uhm... Non confondere la cioccolato con lo sterco... :(

Danx ha detto...

cioccolato al latte