13 maggio 2010

Il Silvio che conta nel mondo

Vota questo articolo su OKNotizie

Dobbiamo essere orgogliosi del nostro premier Silvio Berlusconi.


Senza di lui, infatti, l'accordo sul disarmo nucleare firmato recentemente da Stati Uniti d'America e Russia non sarebbe avvenuto in un tempo rapido ed in un clima sereno.
"Ho spinto io Obama al riavvicinamento" (fonte: Il Giornale, 9 aprile 2010), queste le sue parole elargite ai cronisti con non falsa modestia.
Ovviamente senza il suo intervento, che è stato ovviamente risolutivo, non ci sarebbe stata neanche la fraterna e storica sfilata dei soldati russi ed americani, avvenuta domenica nella piazza Rossa di Mosca.


Eppure..
eppure, badando a ciò che è successo all'Euro causa debito greco, si nota l'importanza di ben altri primi ministri. Come si evince da un ritaglio di Google News, Obama ha telefonato alla cancelliera tedesca Merkel e al presidente francese Sarkozy, mentre Berlusconi, probabilmente non ricevendo alcuna chiamata, ha dovuto comporre lui i numeri sulla tastiera del telefono.

"Berlusconi telefona alla Merkel e salva l'Europa"
"Invece Obama, che è uno che ne capisce, ha telefonato alla Merkel, a Sarkozy e a Brown.
Chissà perchè lo zio Silvio non l'ha manco calcolato di striscio.." (italiainformazioni)

Ma questa è una non-notizia assolutamente faziosa e bugiarda, infatti la telefonata alla Merkel è stata necessaria poichè ella fu titubante negli aiuti.
Noi dobbiamo badare al sodo e capire le conseguenze delle argute mosse del premier e dei suoi simili nei riguardi della Grecia, dell'Euro e dell'Italia stessa.


Se la Grecia, con l'acqua alla gola anche per via della somma da restituire con interessi all'Europa e al FMI che l'hanno "salvata", è destinata a divenire il paradiso dei liberisti dove ci sarà un innalzamento dell'età pensionabile, una riduzione delle pensioni, un taglio agli stipendi dei dipendenti pubblici e privati, il taglio del welfare, aumento dell'Iva, ecc., l'Italia non è e non sarà certamente il paradiso dei lavoratori, così come non lo saranno gli altri Paesi europei.

Dal sito Aprileonline infatti si apprende che i Paesi dell'UE dovranno "ridurre il disavanzo dei bilanci pubblici, rientrare nei parametri di Maastricht, tagliare le spese per welfare, sanità e pensioni, abolire gli sprechi della pubblica amministrazione, contenimento dei salari, maggiore flessibilità nel mercato del lavoro".
Quindi chi viene e verrà colpito sarà il popolo, non i ricchi che, come in Grecia, evadono beatamente e continueranno a farlo (c'è già stata una fuga di capitali a Londra), non le banche che, anzi, fanno utili come nel caso di Unicredit e delle assicurazioni Generali (fonte: Il Sole 24 Ore) o della banca Medionalum con più di 3 miliardi e mezzo di ricavi nel primo trimestre dell'anno (fonte: Borsaitaliana).
Europa ed Fmi tireranno fuori con euforia ben 860 miliardi di euro (110 già stipulati ad aprile per la Grecia; fonte: Corriere della Sera) per coprire i debiti dei Paesi più disastrati che rientrano nell'acronimo PIGS (Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna).
Se l'Italia non vorrà far fronte a questi "generosi" crediti, dovrà risparmiare su base biennale 25 miliardi di Euro (alcuni dicono che non bastano).
Intanto, diminuiscono le entrate del Fisco (-1 miliardo) e aumenta il debito pubblico (1.800 miliardi). Fonte:
La Stampa

L'euroentusiasta Ciampi ora si dice pentito dell'allargamento della zona Euro, ma dieci anni fa chi poteva pensare che la Grecia truccasse i conti?
E chi poteva pensare che anche la Spagna avrebbe sofferto negli anni a seguire, causa bolla immobiliare pronta a scoppiare e disoccupazione del 20%? Chi? Beh, se non ci pensano i nostri governanti, ci deve forse pensare l'uomo della strada? Ora il menefreghismo o il buonismo dei nostri ex e attuali politici ha come conseguenza una ricca opportunità di affari per finanzieri globali e industriali che si sollazzeranno con speculazioni, col rafforzamento di dollaro e yen e con l'annientamento, come visto prima, dei diritti dei lavoratori "venduti" come causa dell'attuale male.

Ma per fortuna c'è Silvio che bada a noi:
"Qui non si tratta di difendere solo l’euro ma anche i cittadini di sedici Stati che hanno patrimoni e risparmi";
"E anche il sistema bancario, nonostante il rischio di contagio paventato da Tremonti nell’ultimo Consiglio dei ministri, sembra essere minimo visto che le famiglie italiane continuano a risparmiare e le nostre banche restano solide.";
"La crisi finanziaria e le misure allo studio a Bruxelles, infatti, potrebbero portare a un’accelerazione dei tempi per la manovra che dovrebbe essere di circa 25 miliardi di euro.
E a farne le spese potrebbe essere il federalismo fiscale, soprattutto nella previsione del trasferimento agli enti locali del patrimonio dello Stato." (Fonte: Il Giornale)
C'è Silvio che già ci ha salvati:
"E' vero la penisola ellenica non è poi tanto lontana, ma grazie al rigore adottato nei primi due anni di Governo dal ministro Tremonti, il nostro Paese si è salvato evitando di fare la stessa fine della Grecia. Rigore che è l'unica strada da seguire nei mesi futuri." (Fonte: Virgilio)

Vota questo articolo su OKNotizie

Nessun commento: