29 dicembre 2014

Il PAPA prega e non cambia mai niente

TRAGEDIE NEL MONDO. LUI PREGA.

Voi finireste al manicomio se vi vestireste così e se parlereste di un vostro amico immaginario il cui padre è onnipotente.

Ogni giorno nel mondo accadono diverse tragedie naturali o causate dalla cattiveria dell'essere umano, che è l'essere vivente più spietato che possa esistere, oppure causate da malfunzionamenti e dal caso.

Il Papa non può esimersi dal "pregare" per le varie vittime, ora ad esempio prega per le decine e decine di persone morte nell'incidente aereo della compagnia aerea malesiana e per i morti e i feriti causati dall'incendio di un traghetto nell'Adriatico..
Potrebbe anche pregare per la ragazza piacentina morta assassinata in Brasile..

Prega, ma non cambia (mai) nulla.
Il suo compito pare essere quello di cercare disgrazie e pregare.

Dopo avercele raccontate, ma ben omettendo il perché della preghiera e che benefici la gente ne può trarre da questa (forse intercede presso "Dio" per far andare in "Paradiso" tutte le vittime? Ma proprio tutte-tutte? Non è che tra le vittime c'era qualche rapinatore e pedofilo? Vabbé, l'"Altissimo" sa tutto, si aggiusterà lui, allora perché intercedere? Misteri della fede!), lui ci viene a dire che dobbiamo riprodurci, dobbiamo cioè fare figli, ma perché?

Per farli morire così come noi siamo obbligati a fare, sigh?
O peggio ancora per vederli morire in qualche attentato, rapina, incendio, incidente, ecc.?
Perché secondo lui e secondo la vulgata popolare, un figlio, o più figli, è/sono il frutto dell'amore? Ma lo sa che anche gli animali e gli insetti si riproducono ma loro non parlano d'amore? Lo sa che nel mondo è pieno di umani stronzi che non si amano e che non sanno che significhi amare, e che si riproducono molto di più rispetto a quelli che invece lo sanno?
Lo sa che per riprodursi non serve l'amore, ma basta che un pene eretto entri dentro una vagina appartenente ad una donna non in menopausa?

Inoltre, usa la scusante materialistica e statalfasciocomunistaorwelliana che vuole i bimbi, futuri adulti, utili allo Stato, per cui lo Stato deve proteggere la famiglia e la vita.
"Auspico, anche pensando alla bassa natalità che si registra in Italia, una maggiore attenzione della politica e degli amministratori pubblici, ad ogni livello, al fine di dare il sostegno previsto alle famiglie"; "Lo Stato ha tutto l'interesse a investire sulla famiglia".

Che barba che noia, che noia che barca, ma soprattutto che tristezza.

Nessun commento: