21 giugno 2012

Questo sì che è aiutare l'Emilia

Migliaia di sfollati causa case crollate o comunque inagibili.
Nel resto d'Italia tante famiglie senza più un euro in tasca perchè.. i mariti hanno sperperato tutto nei "giochi" tipo lotterie, confidando nella dea fortuna.

Come fare per non mostrare questo lato? Oltre alle pressanti e infinite pubblicità che ci invitano a buttare soldi al vento, anzi, a regalare soldi a dei ladroni furboni legalizzati, ecco che un'azienda che incassa milioni o miliardi l'anno grazie a milioni di italioti, pensa bene di pulirsi la coscienza creando un evento benefico a Roma per i terremotati. Così ho letto. E visto che siamo in ItaGlia, han pensato bene di usare come testimonial la bambolina che prende il nome di Raffaella Fico. Chissà se sa dov'è l'Emilia!

Invitare a "giocare" (non è giocare, ma buttare soldi sperando nel caso!) altre persone con un evento apposito dal vivo, sfruttando una tragedia nazionale, non mi pare il massimo.
Se faccio beneficenza io, che non sono nessuno e che non ho soldi, non lo dico; allora perchè chi è pieno di soldi fa beneficenza facendosi tanta altra pubblicità? Perchè il mondo è diviso fra onesti e furbacchioni. Questi sfruttano l'ignoranza, la vana speranza di milioni di porazzi creati dal sistema, i primi invece fanno ciò che sentono sia giusto fare e non lo dicono perchè per loro è normale compiere certe giuste azioni.

Nessun commento: