22 giugno 2010

I Giovani fighetti del PD

Vota questo articolo su OKNotizie

Il Partito Democratico ha un gruppo di giovani e ciò riempie di speranza il nostro futuro, ma anche no.

Alla visione delle figure più promimenti e di quelle facenti parte di questa massa di giovani, noto un look banalmente accettabile dalla massa. Fra questi e ad esempio i giovani del PdL noto poca differenza, come se un gruppo non debba distanziarsi troppo dall'altro, giusto per non incutere timore al popolo votante omolgato dalla moda che passa dal piccolo e grande schermo che poi piomberà nelle vetrine delle nostre città.
Come si evince dalla fotografia posta in alto, i giovani del PD sembrano uniformarsi nell'aspetto generale: jeans per mimettizarsi nella periferia, capelli corti per non dare nell'occhio e per non perdersi nella futilità del pettinarsi e
sorriso da chi vive agitamente e almeno in apparenza senza vizi e doppi fini.

I giovani del PD che rifiutano di chiamarsi e farsi chiamare "compagni" (come se il termine nascesse coi bolscevichi e non potesse avere una più ampia concezione) vogliono giustamente guardare oltre il comunismo col quale nacquero i vari leader (?) come D'Alema e Veltroni, ma allo stesso tempo non pare guardino al futuro, infatti sembrano ancorati al presente.
Mi fa piacere che siano contro il nucleare, però perchè parlare di "green jobs" e non di "lavoro da fonti pulite"? Perchè prendere come esempio sempre e solo Barack Obama (che però farà costruire nuove centrali nucleari negli USA..) e non menzionare mai la Cina molto attiva sulle rinnovabili?

Oltre a ciò, non capisco perchè non vengano menzionati e condannati gli attuali consumi di energia: col nucleare e/o con le rinnovabili (solare, eolivo, biomasse, etc.) si emetterebbe poca o nulla CO2 (bisogna considerare però la costruzione e il trasporto), ma l'abbondanza di energia a basso costo e a basso tasso d'inquinamento ci indurrebbe se non obbligherebbe ad allontanarci ancora di più dai ritmi della natura, consentendoci di lavorare senza problemi anche di notte, illuminando a giorno ogni quartiere, il tutto a discapito della qualità della vita.
Parlano di bioedilizia. Ma parlare dell'eccesso di nuove case costruite recentemente, ma sfitte, nonostante ci siano migliaia di poveri italiani senza un tetto, che invece gli spetterebbe?

I Giovani del PD come gli attuali politici, non mettono in dubbio molte cose il nostro sistema, perchè a loro del consumo del territorio, dell'inquinamento luminoso non importa. Vivono beati nei centri storici coi loro papiri appesi nei salotti (buoni).


C'è un post nel loro blog, dal titolo "Welfare e lavoro in tempo di crisi:il modello sociale europeo" che non so a chi possa essere diretto, siccome il linguaggio se non specialistico è settario. Non dico di scendere a livelli berlusconiani, ma per attirare la simpatia della massa non si possono scrivere frasi come "Il dibattito sulla riforma del mercato del lavoro e dei sistemi di welfare si intreccia inestricabilmente con la crisi economica", "..rischia di diventare esistenziale, una sorta di modus vivendi che tutto permea, ma che tutto distrugge", "Ma le nuove determinanti non possono che stravolgere quello che finora è stato il paradigma delle politiche economiche e sociali dell'ultimo trentennio", "..dimostrazione di come democrazia e welfare state siano sistemi interpenetranti".
Penetrante lo può dire solo Silvio, non voi e a
"paradigma" 2 milioni di vecchi e gggiovani son già fuggiti..

Per scherzare alla Fulvio Abbate questi giovani leader più che sicuri di sè, sembrano bearsi della loro superiorità a tal punto che, oltre a curare la propria barbetta non troppo folta e non troppo scarna, sembrano godere dei miasmi dei loro peti che se rilasciati in automobile non farebbero scappare chiudendo subito il finestrino.

Non posso fare altro che consigliare ad ognuno dei giovani piddini di pensare autonomamente, cercando di rovesciare certe questioni.
Nuove case? Ma anche no! Ammoderniamo quelle già esistenti.
Tanta nuova energia? Nuova sì, ma tanta no.


Link:
"Che tipo di giovani deve guidare il Partito Democratico?" Teledurruti


Vota questo articolo su OKNotizie

Nessun commento: