25 dicembre 2011

Cosa si festeggia a Natale?



SOCIETA'. A Natale si festeggia non tanto la natalità in quanto evento naturale e magnifico, come è magnifica buona parte della natura, ma si festeggia la possibilità che i maschi hanno di crearsi una famiglia che porti il loro nome, la possibilità, anzi il dovere, di trovare una donna da rinchiudere nella propria casa, che metta al mondo bambini generati dal rapporto sessuale compiuto con un solo maschio, proprio come vogliono le religioni patriarcali, a differenza di ciò che avveniva nella preistoria, nel Matriarcato e nell'era gilanica.

La condizione delle donne e dei figli in
Patriarcato è terribile e, per nasconderla, ecco una bella festa atta a perpetuare questo sistema per farlo accettare a tutti senza alcuno sforzo.

E poi a Natale si festeggia soprattutto il nostro benessere, anzi, il nostro benavere, il "tantavere", sia sottoforma di cibo che di oggetti vari, il cui scambio non è altro che la festa dei regali stessi, con il sentimento del sentirsi buoni che è semplicemente legato proprio alla spesa per questi regali che servono a mandare avanti l'economia, non ad altro. A Natale, quindi, ci si misura il proprio conto corrente, il proprio portafoglio e questa giornata serve come stimolo per cercare di raggranellare più soldi non per mangiare, ma per mostrarsi sempre più borghesi con vestiti e orologi nuovi e abbastanza costi.

Nessun commento: